Urbino, fratello e sorella imbrattavano muri e auto (anche un mezzo delle Poste). Denunciati

La polizia di Urbino denuncia due writer, fratello e sorella. I  due ragazzi salernitani, lei studentessa universitaria a Urbino, avrebbero imbrattato con bombolette spray un’auto delle Poste Italiane, cassonetti oltre ai muri di diverse vie del centro storico e del cento commerciale Santa Lucia. A scoprire e denunciare i due giovani sono stati gli uomini del Commissariato di Polizia di Urbino anche sulla base di immagini riprese da telecamere di videosorveglianza che immortalano due persone con il volto travisato durante i raid: alcuni particolari, come scritte, luoghi e orari riporterebbero ai ragazzi. Gli agenti, in collaborazione con la Squadra Mobile di Salerno, hanno perquisito anche la casa dei loro genitori. I due, in base ai provvedimenti legislativi su sicurezza e decoro degli spazi pubblici, saranno chiamati anche a risarcire i danni. Il Comune ha recentemente investito ingenti risorse per la ripulire muri imbrattati ad Urbino, città patrimonio dell’Unesco. Con quest’ultima attività salgono a 9 i denunciati, in totale, in quattro distinte attività di indagine, nel corso di circa due anni da parte personale della Polizia. Molto importante il particolare che tutti e 9 i giovani denunciati nel corso delle attività svolte dal Commissariato al riguardo provengono da realtà esterne a quella urbinate (Bologna, Bari, Varese, Matera, Potenza, Salerno).