Fossombrone: il Comune affida alla Confcommercio la promozione turistica

In tutto 31 mila euro per l’anno in corso. L’accordo Comune di Fossombrone-Confcommercio per la gestione delle strutture culturali prevede una spesa di 20 mila euro; di 4 mila per i servizi turistici e di 7 mila per la promozione turistica 7 mila. L’intesa sperimentale, già collaudata comunque negli ultimi mesi del 2017, nasce <<per le note carenze d’organico del Comune che non è nelle condizioni di gestire direttamente tutte le attività facenti capo al servizio cultura>> come si legge tra l’altro nel deliberato della giunta. Insomma un’innovazione importante rispetto al passato e che non mancherà di segnare una svolta di rilievo. Stante oltretutto le potenzialità della cittadina metaurense alla luce delle ricchezze architettoniche, storiche e culturali di cui può vantarsi. Un capitolo che in passato non è mai stato affrontato in maniera adeguata. Importante il riferimento anche alla riapertura dello Iat e all’attività di promozione che potrà svolgere e consolidare nel tempo.