Terre Roveresche: il Comune fa propri gli edifici abbandonati per destinarli alle giovani coppie

Il sindaco di Terre Roveresche Antonio Sebastianelli

Gli edifici in stato di abbandono nel Comune di Terre Roveresche verranno acquisiti al patrimonio comunale per essere riqualificati e riusati. Si arricchisce l’offerta alle giovani coppie provenienti anche da altri Comuni. La giunta sottolinea che <<nel  territorio del Comune di Terre Roveresche sono presenti moltissimi beni immobili, aree e terreni inutilizzati, di proprietà pubblica, privata, ecclesiastica o di altra natura, alcuni dei quali si trovano oggi in uno stato di manifesto abbandono tale da determinare situazione di grave degrado urbano, danni per l’ambiente, preoccupazioni per la conservazione di testimonianze storico-culturali-artistiche, a volte assai significative, nonché pericoli per la pubblica e privata incolumità, oltre che occasioni per attività e comportamenti illeciti>>. Peraltro sono numerose <<le segnalazioni verbali da parte di cittadini residenti, che abitando nelle immediate vicinanze di tali immobili, lamentano distacchi di conci murari, di porzione di materiale lapideo ecc… che si riversano su pubblica area, di infiltrazioni di acqua meteorica proveniente dalle murature e/o coperture di immobili adiacenti degradati e indecorosi>>. Le ragioni del mancato utilizzo o dello stato d’incuria e abbandono dei beni in questione sono molteplici: fallimento e mancanza di soggetti interessati all’acquisto; mancata individuazione di proprietari o aventi titolo trasferiti all’estero, irraggiungibili e irreperibili; impossibilità di determinare un asse ereditario o mancata accettazione di eredità; impossibilità economica ad effettuare le manutenzioni occorrenti; osti economici relativi alla tassazione di immobili. Il recupero dei beni abbandonati rappresenta una valida occasione per riqualificare spazi urbani degradati e per creare opportunità di occupazione>>.