Fermignano: dal 21 giugno all’8 luglio appuntamento in piazza con la Gnano Cup

Ci siamo. Mercoledì 21 giugno alle 20:00 fischio d’inizio per il Torneo di Calcio a 5 “Gnano Cup”. Piazza Garibaldi, per l’occasione trasformata in un piccolo Maracanà con tanto di rete di protezione e tribune, ospiterà oltre 35 partite fino all’8 luglio. Un totale di 17 squadre, suddivise in tre gironi da 4 e uno da 5 e partite giocate tutte le sere. Vecchie glorie, giovani talenti e un sacco di giocatori con voglia vera di giocare. Questi i numeri del torneo, organizzato dalla squadra locale di calcio a 5, lo Gnano 04, in collaborazione con l’assessore allo Sport di Fermignano Fiorella Paolini e con tutta l’amministrazione comunale.

La partita di esordio è niente meno che internazionale e vede come protagonista la squadra dei rifugiati e richiedenti asilo dei centri gestiti dalla Cooperativa Labirinto di Pesaro. “Griot Labirinto” sfiderà l’evocativa “Lista Autonomista Operaia”. Roberta Savelli della cooperativa pesarese racconta: “Il progetto Calcio ci rende orgogliosi. E’ uno dei pochi in Italia e mette in rete tutte le strutture di accoglienza dell’entroterra. Tutti i ragazzi partecipano agli allenamenti e alle partite con entusiasmo e questo torneo li motiva tantissimo.”

Parteciperanno al Torneo anche diverse squadre “storiche” che hanno animato il torneo dagli anni ’90 fino alla metà degli anni 2000, come Autocarrozzeria Palazzi, Autocarrozzeria Fraternali e Acli.

Paolo Brandi, presidente dello Gnano 04 si dice contento del successo ottenuto dalla manifestazione, come dimostra l’alto numero di squadre iscritte. Tra i premi che verranno assegnati, lo “Scarpone d’oro”, istituito a metà anni ’90, quando uno dei giocatori ruppe con una pallonata da virtuoso una vetrata del Comune di Fermignano. Qualche anno più tardi, il non ambito riconoscimento andò allo stesso Paolo Brandi, il quale detiene il record di rottura della caviglia in dieci secondi netti dall’ingresso in campo. Poi, coppe al miglior giocatore, al miglior portiere e al Capo cannoniere. Che vinca il migliore! E, si augura il sindaco, che i danni da rinvii alla “viva il parroco” siano contenuti. Intanto il Pronto Soccorso è stato debitamente allertato.