Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

110 anni dall’apertura della metropolitana di Buenos Aires, la prima del suo genere in America Latina

110 anni dall’apertura della metropolitana di Buenos Aires, la prima del suo genere in America Latina

Foto: Archivio Telam.

Scavi che hanno portato alla luce fossili vecchi di milioni di anni, storie di felice convivenza con i tram quando erano contemporanei, ma anche di incorporazione sempre più rapida delle più grandi innovazioni di ogni epoca: tutto questo e molto altro fa parte di 110 anni di Metropolitana. Buenos Aires, la prima in America Latina e nei paesi di lingua spagnola.

“All’inizio del secolo scorso gli investimenti mirarono alla progettazione della struttura e del paesaggio urbano, per questo motivo si pensò alla proposta di un trasporto pubblico che accompagnasse lo sviluppo di Buenos Aires alla luce del primo centenario del Paese. iniziò la costruzione della metropolitana, simbolo della modernità e di un’Argentina prospera.” Manuela López MenendezSegretario dei Trasporti e dei Lavori Pubblici della città.

Foto di Firenze Downs
Foto: Firenze Downs.

La prima sezione dell’attuale rete metropolitana di Buenos Aires, Il tratto della linea A che va da Plaza de Mayo a Plaza Miseri fu inaugurato il 1° dicembre 1913..

“L’impatto dell’apertura della metropolitana sulla città è stato enorme, e non solo in termini di movimento dei cittadini: nei giorni successivi, ad esempio, si è diffusa la leggenda metropolitana che viaggiare in metropolitana faccia girare la testa ai passeggeri e che non sia adatto alle donne”, ricorda l’ex presidente della Sbase. Juan Pablo Picardo In questo libro Metropolitana di Buenos Aires, 100 anniemanato in occasione del centenario.

“La proposta di trasporto pubblico per accompagnare lo sviluppo di Buenos Aires è stata contemplata alla luce del primo centenario del Paese. Così è iniziata la costruzione della metropolitana, simbolo della modernità e di un’Argentina prospera.”Manuela López Menendi

Tre anni fa, la capitale argentina celebrava il centenario della Rivoluzione di Maggio e si trovava in una marcia accelerata. Una trasformazione che cercava di emulare le capitali europeesulla base delle possibilità offerte da anni di crescita economica.

“Erano tempi in cui tutto doveva essere fatto, e uno dei problemi da risolvere era facilitare lo spostamento della popolazione in un momento di crescita demografica e urbanizzazione”, ha detto a Telam. Pablo BicerchiaMembro dell’Associazione Amici del Tram Autista delle famose “Streghe” del 1912 È stata messa fuori circolazione nel 2013 ed è utilizzata per tour turistici.

READ  Il paese più piccolo del mondo

Foto di Pablo Biscerchia Florencia Downs
Pablo Biscerchia / Fotografia: Florencia Downes.

Besserchia ha osservato che aveva precedenti diretti come mezzo di trasporto pubblico “Tram a cavalli” che furono gradualmente sostituiti Per la sua versione elettrica, formando un’ampia rete.

“Erano tempi in cui bisognava fare tutto, e uno dei problemi da risolvere era facilitare lo spostamento della popolazione in un momento di crescita demografica e di urbanizzazione”.Pablo Bicerchia

Il passo successivo nello sviluppo delle politiche dei trasporti, “seguendo il pensiero europeo” ma anche sotto l’influenza di “compagnie straniere che sono venute ad offrire i loro servizi qui in Argentina”, è stata una decisione costruttiva. Un servizio ferroviario metropolitano collega, in linea di principio, il porto con la Ferrovia Ovest che collega a Plaza Messeri.

Foto di Firenze Downs
Foto: Firenze Downs.

Lo ha sottolineato anche Bisirchia Dal primo prolungamento del 1914 che le permise di raggiungere la Primera Junta, la linea è emersa per proseguire lungo Avenida Rivadavia e “terminare a Floresta”. In modalità tram, consentendo un percorso “anche più lungo di quello che abbiamo oggi, che arriva fino a San Pedrito”.

“A Primera Junta, una o due vetture sono state staccate dalla metropolitana – a seconda se era l’ora di punta e la domanda – e lasciate come servizio di superficie, come tram, per fare il viaggio fino a Oliveira e Rivadavia, da dove ha svoltato verso la Prima Giunta”, ha detto la Prima Giunta.

Foto di Firenze Downs
Foto: Firenze Downs.

Questa è un’alternativa che può essere pagata in un’unica soluzione “biglietto combinato” Invece di essere semplice, lo era Disponibile fino al 1927Il tratto che fino ad allora era stato trasportato dal tram della “Linea Autobus N. 1” iniziò ad essere introdotto per la necessità di trasportare un maggior numero di passeggeri su un’arteria che rischiava di crollare.

READ  Il programma degli eventi di La Jornada - FIL Ciencia inizia oggi

Da allora ne è testimone la “rampa ancora esistente e in uso” nei pressi della stazione Primera Junta.

Foto di Firenze Downs
Foto: Firenze Downs.

La metropolitana di Buenos Aires è stata la quattordicesima in funzione a livello mondiale Dopo quelli di Londra (1863), Atene (1869), Istanbul (1875), Chicago (1892), Glasgow (1896), Budapest (1896), Vienna (1898), Parigi (1900), Boston (1901), Berlino ( 1901). 1902), New York (1904), Filadelfia (1907), Amburgo (1912).

Nel frattempo, la famosa metropolitana di Madrid vide la luce solo sei anni dopo la metropolitana di Buenos Aires.

Foto di Firenze Downs
Foto: Firenze Downs.

“Tutti i terreni sottratti ai lavori del primo tratto della Linea A furono utilizzati per colmare le zone di Paracas a sud, che erano tutte paludi, e quando furono ampliati da Misiri a Primera Junta, tutti quei terreni furono portati a Bajo Flores”, ha detto.

IL Prima guerra mondiale Iniziò nello stesso anno 1914, imponendo una fermata forzata nel prolungamento della metropolitana e Si dovette attendere il 1928 per iniziare i lavori sulla linea Bil cui progetto fu approvato nel 1912.

Ha aggiunto: “Il conflitto ha interrotto tutto, compresa la consegna di alcuni pezzi di ricambio e di automobili che avrebbero dovuto arrivare dall’Europa ma non sono state consegnate a causa della guerra in corso”.

Foto di Firenze Downs
Foto: Firenze Downs.

Le righe successive da aprire furono: B (1930) e C (1934) e D (1937), e E (1944), Essere H Il più recente (2007) e però l’unico creato nel nuovo secolo Dal 2001 è stata approvata la costruzione di altre tre linee: IL F (Italia – Piazza della Costituzione) G (Retiro – Signor Campedor), e Ehi (Chicabuco Park-Plaza Italia) ai sensi della Legge n. 610 della Legislatura di Buenos Aires.

Archivio fotografico Talam
Foto: Archivio Telam.

In tre occasioni, Gli scavi per l’ampliamento del sottosuolo hanno permesso il ritrovamento di reperti paleontologici.

Si metteva così in risalto la costruzione della metropolitana B nel 1930 Resta il mastodonte Che è esposto oggi nel Museo di Scienze Naturali di La Plata; Nel 1999, la Linea D fece notizia per averlo denunciato Guscio di gliptodonte che può essere visto alla stazione di Juramento Un anno dopo, una squadra stava scavando sotto via Trionferrato 2900, nel quartiere Chacarita di Buenos Aires, e trovò… Resti fossili di un gliptodonte di milioni di anniChe oggi è conservato nel Museo Argentino di Scienze Naturali “Bernardino Rivadavia” situato nel Parque Centenario.

READ  Edvard Moser, premio Nobel per la medicina, ha ricevuto l'UNSL Honoris Causa

Archivio fotografico Talam
Foto: Archivio Telam.

Intanto la pagina più triste della metropolitana di Buenos Aires è senza dubbio Un attacco con ordigni esplosivi effettuato da un commando antiperonista il 14 aprile 1953. Nel frattempo, un’altra esplosione simile è esplosa in un hotel del centro, uccidendo sei persone in entrambi gli attacchi. Tra le tragedie bisogna annoverare anche Un deragliamento portò alla morte di quattro persone il 26 aprile 1985 In linea d.

Archivio fotografico Talam
Foto: Archivio Telam.

Nel corso della sua storia, La metropolitana è stata uno dei primi spazi di infrastruttura urbana a incorporare le innovazioni di ogni epocacome le scale mobili che la Linea B ha aggiunto sin dalla sua apertura, o le carte magnetiche (prima l’abbonamento Sube, poi il portafoglio fino all’attuale Sube) o l’attuale QR code.

Archivio fotografico Talam
Foto: Archivio Telam.

Dal 2020 è proprietaria di Subterraneos de Buenos Aires Laboratorio del Patrimonio CenteneraÈ uno spazio gestito congiuntamente dall’Associazione Amici del Tram e dedicato alla conservazione e alla diffusione del patrimonio di Buenos Aires associato a questo mezzo di trasporto, come le antiche carrozze della linea A.

Foto di Firenze Downs
Foto: Firenze Downs.

“Oggi, 110 anni dopo, disponiamo di una rete forte, che insieme alla rete di autobus costituisce uno dei sistemi multimodali più grandi al mondo”.“, ha concluso Lopez Menendez.