Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Whoopi Goldberg ha ricordato la notte in cui ha vinto un Oscar per Ghost, Shadow of Love

Esattamente trent’anni fa, Whoopi Goldberg Ha vinto un Oscar nella categoria “Miglior attrice non protagonista” per il suo lavoro L’ombra fantasma dell’amore. Per l’attrice, questo trionfo è stato duplice perché non solo significava soddisfazione per l’apprezzamento, ma era anche la prima volta in cinquant’anni che un artista afroamericano veniva premiato con la prestigiosa statuina. In una recente intervista, ha ricordato quella notte speciale.

Su una nota per una varietàL’attrice che ha interpretato Oda Mae che ricorda come si è sentita rivelata quella sera. “Stavo così bene. I miei capelli erano fantastici e il vestito era carino. Non potevo vedermi affascinante quanto lui capiva la gioia degli altri: non ero magra e non ero una donna bianca, quindi dovevo trovare il mio stile. Ricordo di essere stato solo felice di essere lì, di dire la mia e di andarmene velocemente. “

In seguito suo fratello, morto nel 2015, ricorda: “C’era mio fratello che non era più con noi. È stato bello vedere lui e mia figlia”.

Il discorso di Goldberg quella sera è stato fissato nell’immaginario pubblico come uno dei più importanti nella storia degli Oscar. In quell’occasione, l’attrice ha espresso: “Fin da piccola, questo era quello che volevo. Vorrei ringraziare tutte le persone che fanno film perché eravate voi a guardare. Mi avete fatto venire voglia di fare l’attrice. Sono molto orgoglioso di essere qui. ” Infine, riguardo a quel discorso che è stato ricordato, Whoopi ha ammesso: “Non volevo rovinare tutto. Pensavo solo di dover andare lì senza alcun tipo di aspettativa e lasciare che cosa sarebbe successo”.

READ  Vaccinazione contro il virus corona emergente in nuovi gruppi a rischio

Nello stesso articolo, ha detto il regista Jerry Zucker L’ombra fantasma dell’amore, Ha anche fatto riferimento all’importanza che l’attrice aveva nelle riprese e ha riflettuto: “Ad un certo punto durante le riprese, Oda May ha smesso di essere quello che avevo immaginato ed è semplicemente diventato Whoopi”.

Nazione

Konosah The Trust Project