Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

video.  Riapre la ginastera: il cuore dell’argentino torna a battere

video. Riapre la ginastera: il cuore dell’argentino torna a battere

Dopo quasi sei anni di armeggiamenti, scuse e tiri fuori palla, la sala di Alberto Ginastera al Teatro Argentino, orgoglio di La Plata e uno dei più preziosi dell’America Latina, ha alzato ancora una volta il sipario. Lo ha fatto ieri sera, in una cerimonia privata per gli ospiti che si ripeterà oggi per il grande pubblico, con il testamento di Beethoven, la Nona Sinfonia, inno universale sigillato tra forza, passione e gioia nella sua registrazione, riaprendo una data che rimarrà nel storia.

La Ginastera è stata rinnovata con sedili neri più accessibili e accessibili disposti con più spazio tra fila e fila per un maggiore comfort per gli spettatori. L’ultima volta è stata nel novembre 2017, con la rappresentazione dell’opera “Così fan tutte”, che è stata chiusa dal governo di María Eugenia Vidal per ripristinarne il valore dopo “17 anni senza manutenzione”. I lavori sono iniziati nel 2018, ma presto si sono interrotti e l’unico programma attuato è stato il programma di abbandono.

Anche se sembra bello dall’esterno, il cuore del Teatro Argentino, la sua sala principale, rimane sconnesso. Gli affari si sono fermati, gli operai hanno smesso di chiamare e le carcasse delle stalle “si sono arrugginite” ma non hanno mai smesso di chiedere: “Vogliamo giocare, vogliamo cantare, vogliamo ballare”.

Nel 2019 è cambiato il bastone politico, poi è scoppiata la pandemia, e sebbene Piazzolla abbia riaperto nel 2022 e ci fossero attività popolari in luoghi come Plaza Seca, Ginastera è rimasta in silenzio per altri quattro anni, fino a ieri.

La sua riapertura, come hanno indicato le autorità provinciali, rientra nel piano complessivo di rilancio dell’Argentina, per il quale sono stati stanziati 350 milioni di pesos. Restano da ultimare molte opere infrastrutturali e migliorie per gli organi tecnici, che promettono di realizzarle con il “pubblico in sala”.

READ  Georgina Barbarossa ha aperto Tinder e ha rivelato i requisiti che un uomo dovrebbe avere

Gala di riapertura

Abiti, abiti e pezzi di sobria eleganza con poche eccezioni sono stati incorniciati ieri sera da una serata in cui il governatore Axel Kiselov è stato il principale eroe politico. Era affiancato da Veronica Magario, vicegovernatrice, e da Florencia Santot, direttrice dell’Istituto di cultura, a cui ora si affida l’argentino. Era presente anche il suo direttore artistico, Ernesto Bauer.

Sul palco, Kiselov ha definito il primo Colosseo di Buenos Aires un “gioiello”, ma è stato descrittivo affermando che la sua amministrazione aveva ricevuto una “gemma piena di spazzatura”. Ha detto di essere diventato “ossessionato” dal migliorarlo e di aver lavorato a stretto contatto con Saintout che a un certo punto ha pensato che arrivare alla riapertura sarebbe stato “impossibile”, ma lo hanno fatto. Ha spiegato che hanno lavorato “dall’esterno verso l’interno” con North impostato per promuovere un “progetto diverso” di programmazione generale. “L’idea era di riunire tutti i generi e non distinguere tra i generi teoricamente più alti e i generi più popolari perché la verità è che tutto è cultura, tutto è arte e tutto è persone”, ha affermato.

Tra gli ospiti che hanno gremito la sala (che oggi può ospitare 1.780 spettatori), c’erano molti personaggi illustri. Da Victor Hugo Morales, a Thelma Vardin, passando per le attrici Christina Banegas, Mirta Busnelli, Luisa Kuliuk e Cecilia Roseto. Erano presenti anche il sindacalista Roberto Paradel, l’ex ministro dell’Economia, Silvina Patakis, e il capo delle Nonne di Plaza de Mayo, Estela de Carlotto, tra gli altri dignitari.

Il programma, dell’orchestra e del coro degli Estables – che questa sera sarà sicuramente accolto meglio dal pubblico che entrerà in sala -, si è aperto con l’inno nazionale argentino, e ha visto la partecipazione della Camerata Académica, diretta da Bernardo Teruggi, e del Coro di voci bianche, diretto da Monica Daguerre. E poi, il piatto forte: la Sinfonia n.9, in re minore, Op. 125, di Ludwig van Beethoven, che, con il suo volume strumentale, ha commosso anche chi non la conosceva.

READ  Preoccupazione per la salute di Carlos "La Mona" Jimenez

Il concerto è stato diretto dal Maestro Carlos Feu e, con Edoviges Bacon a capo del coro, comprendeva il quartetto solista composto da Juan Carlos Vassallo, il baritono Hernán Iturralde, il mezzosoprano Cecilia Diaz e il soprano Paula Almeiras, che hanno vissuto una notte di profondo perché questa era la seconda volta che doveva riaprire a Ginastera dopo il 1999.

In quell’occasione il programma era diverso e prevedeva un pezzo di danza per il corpo di ballo che, ieri sera, era l’unico corpo stabile a non partecipare. Secondo Bauer, è stato esclusivamente dovuto a una questione di “tempismo” che ha impedito loro di ottenere il palcoscenico giusto, anche se ha annunciato che si stava già preparando per “Romeo e Giulietta”, il titolo con cui avrebbe aperto la stagione del ballo. giugno, sotto la direzione di Iñaki Orlizaga di La Plata.

stagione 2023

La cerimonia di riapertura ha contribuito anche alla promozione della stagione artistica che si terrà ad Argentino 2023 e che, per quanto riguarda l’opera lirica, aprirà e chiuderà con Verdi: “Aida” sarà rappresentata a maggio e “Falstaff” ad ottobre. Ad agosto andrà in onda anche “Pagliacci”, ma in versione concerto.

All’interno del ciclo annuale di concerti, che si è aperto con la Nona di Beethoven, i punti salienti includono il Requiem di Mozart e la Sinfonia n. 4 di Haydn a luglio; “Rapsodia su un tema di Paganini” di Rachmaninoff e Sinfonia n. 6 di Dvorak a settembre; e il “Requiem” di Verdi, a novembre.

Per quanto riguarda il balletto, oltre al già citato “Romeo e Giulietta”, ad agosto sarà presentato “Giselle” ea dicembre l’imbattibile “Schiaccianoci” con cui Ginastera calerà il sipario.

READ  Anguissola, il pittore rinascimentale che abbagliò Michelangelo a vent'anni

Man mano che progrediscono, i biglietti per questa stagione saranno gratuiti e continueranno a essere prenotati tramite il metodo virtuale. Dopo aver consultato questo mezzo sulla possibilità di abilitare una biglietteria fisica per le persone che non hanno accesso a Internet, hanno confermato che avrebbero fatto tutto il possibile affinché nessuno rimanesse escluso.

Martedì è stato annunciato che il nono avrebbe avuto una seconda funzione, aperta e gratuita, al grande pubblico, che si sarebbe svolta oggi alle 20:00 Ma i biglietti sono andati esauriti in cinque minuti. Quindici minuti prima dell’inizio della funzione, i biglietti non estratti verranno consegnati anche se prenotati.

Chi non ha il privilegio di assistere alla serata di stasera avrà un’altra opportunità domenica: The Stable Orchestra, diretta da Vieu, e con il soprano Daniela Tabernig come solista, eseguirà il programma n. 2, composto dalle “Four Last Songs” di Strauss e Mahler Sinfonia n. 4. Verrà eseguita Abilita biglietti per la prenotazione oggi pomeriggio.