Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Vélez-Blanco accoglie quasi un centinaio di studenti di musica e storia

Vélez-Blanco accoglie quasi un centinaio di studenti di musica e storia

Il Festival Vélez-Blanco di musica rinascimentale e barocca è impensabile senza la sua parte accademica. Perché non si tratta solo di concerti, ma va ben oltre. Come spiega la direttrice, Candida Martínez, “fin dall’inizio abbiamo pensato che una delle peculiarità del festival sarebbe stata la parte formativa alla musica e alla storia, così come la parte divulgativa del contesto in cui la musica è stata prodotta”.

Lunedì il Velizano Festival ha accolto quasi un centinaio di studenti che, fino a sabato, hanno partecipato sia all’Accademia di Musica che all’International History Colloquium come laboratorio di dottorato.



Alle 9:30 sono tutti chiamati al Convento di Saint-Louis per incontrare i loro insegnanti e compagni di classe e iniziare le lezioni, che in alcuni casi si tengono in formato mattutino e pomeridiano. La gente veniva a Vélez-Blanco da tutta la Spagna, ma anche da fuori i confini nazionali. Come ha spiegato sabato Martínez all’apertura del festival, quest’anno ci sono studenti provenienti da Italia, Francia, Messico e Colombia … “Stiamo raggiungendo l’internazionalizzazione e questo è un successo per il festival e motivo di orgoglio per Velez Blanco”, ha detto il regista.

La chiave del successo dei seminari di formazione è il loro elenco di insegnanti, secondo Martinez. Tutti loro sono professionisti con eminenza nei loro campi. Ciò significa che ci sono studenti che si ripetono ogni anno, e in realtà vengono riformati ogni luglio. Ma ci sono anche molte nuove persone che, rendendosi conto del buon lavoro del festival, non esitano a trascorrere una settimana a Los Feliz per allenarsi, godersi concerti e vivere un’esperienza unica in cui studenti, insegnanti, volontari e vicini formano una grande famiglia.

READ  Lo trascorsero raccontando il giorno in cui Nerone Quintana tradì Rigoberto Uran per mantenere la Razza d'Italia.

L’Accademia di Musica Rinascimentale e Barocca presenta in questa edizione cinque corsi specifici tenuti da professionisti di lunga data. Così il mezzosoprano Marta Infante dirige il corso di canto. Il canto corale è affidato al controtenore e il direttore è Jorge Enrique García. Aaron Zabeko, professore di orchestra barocca e musica da camera, clavicembalista e direttore di ensemble specializzati e orchestre sinfoniche, ricorre nel ciclo orchestrale barocco. Membro della Royal Seville Symphony Orchestra, del Royal Brass Quintet e dell’Early Musical Ensemble, Francisco Play dirige il ciclo di saxpot e menestrelli. Infine Noelia Riverti, docente di viola da gamba presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano, dirige il corso di viola da gamba.

D’altra parte, il contesto storico è fornito dall’International History Symposium – PhD workshop e da una serie di conferenze con famosi storici. Non dobbiamo dimenticare che questo festival fa parte dei corsi estivi dell’Università di Almeria. Questo simposio è guidato dai professori Francisco Andujar Castillo, dell’Università della California, Bernard Vincent e Jean-Frédéric Schaub, della Graduate School of Social Sciences di Parigi. Quest’anno, come nelle precedenti edizioni, includerà studenti provenienti da diversi paesi del mondo.

Durante la festa di benvenuto per gli studenti, Candida Martínez spiega che l’educazione musicale ha una lunga tradizione a Velez Blanco, “almeno dal Rinascimento”. Il regista e cronista racconta che nel castello si faceva già musica, oltre che nel convento e nella chiesa di Santiago, “dove c’erano sempre gli organi”. Inoltre, all’inizio del XIX secolo, fu istituita in città una delle prime accademie musicali, i cui studenti e insegnanti sono perfettamente documentati.