Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Va bene per un atleta viaggiare all’estero in giovane età?

Fotografia: Andres Urena B.

Dopo una prestazione impressionante ai Mondiali Under 20 in Canada, Mauricio Isla ha preso una decisione rischiosa: partire per l’Udinese in Italia senza nemmeno debuttare all’Universidad Católica, club dove si è allenato. Col tempo, vista la sua carriera, può essere considerato una buona alternativa. Tuttavia, ha dovuto sopportare diversi anni per distinguersi, qualcosa a cui non molti hanno potuto resistere. Oltre allo sport, ha lasciato anche il Paese tipo Significa adattarsi a tante cose, compreso un nuovo linguaggio, come in questo caso, e allontanarsi dall’affetto.

Va bene per un atleta viaggiare all’estero in giovane età? Oggi, nel mondo del calcio con la crescita delle agenzie di gestione, uscire e fare un sacco di soldi quando ti stai solo facendo un nome nel paese è un’opzione frequente. e negli altri Gli sportAutoproclamato, sebbene il percorso possa essere più lungo e avere obiettivi legati anche agli accademici, è possibile anche tramite borse di studio.

Indipendentemente dallo scenario, l’avvento della tecnologia apre anche più possibilità per tentare la fortuna all’estero. Voci consultate da varie discipline hanno indicato che ci sono fattori chiave per il successo, ma dopo il risultato sarà sempre una bella esperienza.

Adattamento

Patricio Briones, ex cestista, ha fatto diversi passi all’esterno. A suo avviso, “Quando vai all’estero, ci sono molte sfide. Una è la lingua, poi il rigore e la disciplina. C’è anche il rendimento scolastico. Ci sono molte cose di cui i ragazzi non tengono conto e quando sono lì rendersi conto che è molto diverso e la maggior parte di loro torna. Lo fa. Questo è con un chip diverso, il che è molto positivo, ma non è sviluppato al 100%”.

In questo contesto, ha aggiunto, “il rendimento scolastico è fondamentale così come la responsabilità personale. Anche l’ambiente è molto importante, quindi la crescita di quei talenti che lasciano il Paese ha le sue condizioni, e spesso questi ragazzi sognano di viaggiare all’estero vedono è come suonare, ma ci sono molti requisiti e requisiti Il nucleo è vitale per mantenere se stessi e la proiezione che potrebbero avere in gli sport“.

Della sua esperienza, Briones ha affermato che “ho lasciato quando avevo 18, 19 anni, ed era più o meno chiaro su cosa avrei trovato, per sapere cosa era giusto e cosa era sbagliato. Chi parte con una borsa di studio lo fa pensando che il la qualità dell’istruzione che riceveranno è all’altezza, senza sottovalutare ciò che è stato fatto qui.Il mio lavoro è stato molto rivelatore, perché ho sfruttato le poche opportunità che esistevano a quel tempo, e oggi su Internet puoi trovare molte alternative e più informazioni sui paesi che offrono possibilità. Clash ti dice Cultural a volte chi può andare avanti e chi no, e non è una questione discriminatoria, le regole del gioco sono così”.

READ  La storia di El Litoral su un calciatore argentino che ha giocato in Europa negli anni '30

Raúl Omania, allenatore di pallamano del Promesas Cile, ha commentato: “Penso che abbia molto a che fare con la maturità di ogni atleta e in quali condizioni può andare. È proprio perché ci sono ragazzi che hanno un potenziale atletico enorme ma che non sono molto maturi , è probabile che affronteranno Problemi di adattamento a un mondo completamente nuovo, lontano dal proprio e dal proprio ambiente familiare, dai propri amici. Tuttavia, se ha una personalità forte e matura, ha obiettivi chiari, allora molto probabilmente sarà difficile per lui, ma affronterà delle avversità e potrà svilupparsi senza grossi problemi”.

Jaime Urrutia, allenatore di basket del Deportivo Alemán, ha osservato che “ci sono ragazzi in un buon ambiente di sviluppo per continuare il loro allenamento, all’età di 15 e 16 anni, ma il problema emotivo è complesso. Gli atleti cileni generalmente non hanno difficoltà a vivere all’estero , principalmente perché hanno forti legami familiari, gli manca la famiglia e non hanno i giusti strumenti emotivi. Ma ci sono altri che a quell’età se ne vanno, si adattano e hanno successo. Ci sono club che hanno circoli di contenimento, specialisti che aiutano ad affrontare il processo e fornire il supporto necessario”.

Josefina Viafora, una giocatrice di basket dell’UdeC, ha dichiarato: “Ho avuto la stessa breve esperienza, solo due mesi, ma comunque mi ha aiutato molto nell’apprendimento e nella crescita, anche se all’inizio il processo di adattamento è molto complicato, quando ci si abitua al ritmo che fai solo Divertiti e sfrutta al massimo l’opportunità.”

Filippo Iniako È stato in Argentina poco più di un anno fa, nei Sanitarias Obras. Il giocatore che si è allenato nel Deportivo Alemán si sta sviluppando con successo nel paese vicino.

Maturità ed esperienza

Le persone consultate hanno notato che la sfida di uscire e riuscire ad adattarsi dipenderà molto da come si posiziona ogni persona. “Penso sia una buona idea fare una valutazione psicologica per vedere se hanno le capacità o la capacità di gestire situazioni complesse. Un fattore importante è la flessibilità. In generale, vedo le nuove generazioni più disposte ad uscire e “cercare vita”. In questo senso, possono affrontare sfide nuove in un modo migliore, e la tecnologia aiuta molto in questo, permettendo loro di comunicare meglio a distanza. Ora, devi pensare che di fronte alle possibilità, non è come vivere in Argentina come in Europa Jaime Urrutia ha detto: “Il supporto emotivo rappresenta un problema, perché a un certo punto può succedere che più cose non vadano come previsto”.

Raul Omania ha commentato: “Nella pallamano, molti giocatori di 19, 20 e 21 anni sono andati all’estero di recente, nelle leghe secondarie di secondo e terzo livello, e i ragazzi di solito giocano e studiano, cosa che penso sia una buona opzione. Per loro. Un atleta che vuole iniziare un percorso professionale”.

READ  Gianluca Lapadula e Papa Francesco insieme in Italia | Il giocatore della nazionale peruviana ha presentato la maglia di Jorge Mario Bergoglio | Qatar 2022 Qualificazioni | Benevento | Serie B | NCZD video | Sport totali

Inoltre, l’allenatore di pallamano ha affermato che “Quello che non dovrebbe accadere è precipitarsi nel processo o saltare fuori. Tutto dovrebbe essere fatto a suo tempo, e talvolta succede che quando i bambini sono molto chiari sui loro obiettivi, su ciò che vogliono , l’ambiente La famiglia li fa non adattarsi o dare il meglio di sé, hanno fretta, ad esempio nel calcio, quando i palchi non bruciano, se ne vanno e fanno fatica ad adattarsi. Due cose si combinano: c’è non c’è bisogno di correre, conoscendo il livello di maturità e gli obiettivi che hanno gli atleti, e capendo che hanno tutti una capacità fisica sopra la pari, e a livello internazionale, un calo importante”.

Patricio Briones ha osservato: “In Cile ci sono giocatori molto bravi, ma all’estero ci manca ancora lo stile vivace, il più alto e con molte abilità, che sappia perfettamente giocare in più posizioni e che corra sulla distanza in un dato tempo.” E la testa, che sanno sopportare tante cose. A volte si creano tante aspettative, e qui hai una certa situazione, per così dire, ma te ne vai e non è la stessa di là. mostrati in Cile, e se qualcuno viene con esperienza all’estero è un vantaggio. Uscire sarà sempre bello, ma non è per tutti.

Josefina Viafora ha sottolineato l’opportunità di fare coming out di nuovo, dicendo: “Devo valutare molto bene la situazione, ma mi piace molto la verità … Penso che vada bene se è un atleta eccezionale, puoi promuoverlo di più in un così giovane età.”

calcio

Senza dubbio, lui gli sport È più probabile che se ne vada in tenera età. Patricio Almendra, vice allenatore di Francisco Buzan oggi a San Luis, l’ha testato durante le sue giornate da giocatore e ha commentato: “Nel mio secondo anno da giovane, a 18 anni, Huachpato mi ha mandato in prestito in Nuova Zelanda. Dipende da un molto su dove vai, e questa è la cosa più importante. Oggi, all’età di 12, 13 o 14 anni, trasportano giocatori dal Sud America all’Europa. Ma se mi dici che a 17 o 18 anni tu vai in Spagna, in Italia o in Inghilterra per un fantastico progetto di carriera, poi vattene, ma se tu andassi in un paese come quello che è successo a me, dove il calcio non è lo stesso gli sport Soprattutto e la competizione è imprevedibile, tornerai sicuramente come è successo a me. Se oggi mi chiedono di andare in prestito all’Oceania, non andrò, seguirò il mio lavoro”.

Inoltre, ha osservato: “Oggi capisco che il giovani giocatori Dovrebbero vivere il loro processo di formazione con i loro soliti amici e insegnanti. Questa è la cosa numero uno per me, ho vissuto la frustrazione, la gioia, la tristezza a causa degli scarsi risultati, ecc. Quel giovane deve fare esperienza, ma quando va all’estero capita di essere preso come rinforzi o giocatori importanti. Ed essendo lì ti accorgi che non sei molto, non cresci, ma torni indietro e non funziona. Ora, se hai una scelta dal Barcellona, ​​vattene, ma se ti offrono qualcosa dall’Indonesia, diciamo, non andare. Gioca qui e se non hai opzioni cogli questa possibilità. Sono rischi. Se hai fatto un’ottima campagna e uno dei tre grandi ti vuole, ma non te ne vai e poi vieni colpito, è complicato. Ma fa parte delle regole del gioco”.

READ  Egan Bernal, Daniel Felipe Martinez ed Evan Ramiro Sousa saranno i colombiani di Ineos Grenadiers in gara

Viviana Torres, giocatrice di Fernandez Villa, ha esperienza in Ecuador. “Viaggiare all’estero con i giovani ha cose buone e cattive. La cosa positiva è che cresci come persona, come atleta, e fai nuove esperienze, non solo sportive, ma anche sociali o socio-culturali. Impari anche metodologie di allenamento . E negativo, c’è una disconnessione dal lasciare il tuo paese, non avvicinarti o avere la tua famiglia, ma col tempo succede, ci si abitua e si creano nuove connessioni. Alla fine, le cose “cattive” portano a cose buone, che è crescita ed esperienza che puoi acquisire”.

Riguardo alla sua permanenza in Ecuador, ha detto: “All’inizio c’era tensione perché non sapeva dove sarebbe andata a finire. Era tutto nuovo, non conoscevo nessuno e probabilmente avevo paura di quello che avrei trovato . Ma è stata un’esperienza meravigliosa e gratificante e una crescita unica. Ho incontrato molte nuove persone e ho avuto il tocco di giocare in un altro paese con persone di un’altra cultura e livello di calcio. È stata un’esperienza sportiva e personale molto bella .Ho viaggiato con Dani Ceballos, abbiamo vissuto cose uniche, ci siamo sostenuti a vicenda in ogni momento, questo non è mai da dimenticare.siamo stati fortunati che la famiglia ci abbia accolto molto bene…se dovessi consigliare una ragazza tipo Se vai all’estero, ti direi di fare la scelta, anche se ovviamente vedi i pro ei contro, e soppesa quanto è buono o cattivo.

Brian Rabello, che ha giocato per l’UdeC nel 2019, è uscito velocemente dopo un buon anno al Colo Colo. “I giocatori cileni hanno bisogno di bruciare i palchi. Devono giocare di più, essere importanti nei loro club, si spera essere campioni, rafforzarsi e poi andarsene. Succede che quando sei giovane vieni morso dall’insetto europeo. Ti cattura occhio a vedere Alexis o Arturo vincere e uscire. Ogni giocatore ha l’idea di giocare per il Real Madrid, Barcellona, ​​Manchester o altri campionati. Ma non ci prendi il peso. Pensi che una volta arrivato lì, tutto è fatto, ma la realtà è completamente diversa, alla fine te ne vai tipoInciampi e questo deve esserti successo prima che ti rendessi conto di cosa avresti dovuto pensare prima di partire. Personalmente non mi pento di nulla. Sì, vorrei viaggiare all’estero e avere più esperienza. È l’unica cosa che manca”.