Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Una strana “anomalia magnetica” è stata scoperta in un leggendario lago della Nuova Zelanda

Una strana “anomalia magnetica” è stata scoperta in un leggendario lago della Nuova Zelanda

Il leggendario Lago Rotorua in Nuova Zelanda. Credito: Gobitsi/Flickr.
Thiago Robles Thiago Robles Meteorite del Brasile 5 minuti

La Nuova Zelanda è ricca di bellezze naturali. Un esempio di questo è Il lago Rotorua, che confina con la città omonima ed è la seconda isola più grande dell'Isola del Nord del paese, con una superficie di 79,8 chilometri quadrati. È il luogo di una leggenda Maori che racconta la storia dell'amore proibito, ma oltre alle leggende è famosa anche per i suoi colori abbaglianti.

Il lago Rotorua è noto per le sue acque torbide di colore verde-azzurro dovute alla presenza di zolfo, che lo rendono un luogo di interesse scientifico.

Per la prima volta, i ricercatori di istituto Per la scienza GNS Hanno mappato dettagliatamente le profondità di questo lago e Hanno scoperto la presenza di una “anomalia magnetica” che aiuta a comprendere il lavoro dei laghi vulcanici nella regione.

Scoperta nel Lago Rotorua

Ricercatori Hanno mappato circa il 68% del lagoQuale Trovato in un antico cratere di un vulcano spento. L'approccio principale consisteva nell'utilizzare un ecoscandaglio multiraggio (un tipo di sonar) per rilevare la profondità e la forma o la batimetria del fondale del lago.

Si ritiene che il Lago Rotorua si sia formato dopo un'eruzione vulcanica che distrusse la Terra circa 220.000 anni fa. Il vulcano responsabile dell'eruzione è dormiente sotto il lago.

Rivelati i risultati della mappatura Segni di attività idrotermale sotto il lagotra cui una serie di piccole caldere che creavano un buco nel fondo del lago, oltre a Strana “anomalia magnetica”..

Secondo i ricercatori, Questi piccoli crateri sono probabilmente il risultato di eruzioni idrotermali: Sono realizzati scaricando gas caldi e acqua ed emettono comunque flussi di calore quasi impercettibili. Lo hanno notato lungo la costa Zolfo un punto (una zona umida geotermica a sud del Lago Rotorua caratterizzata dalla presenza di zolfo), dove l'acqua calda sale nel lago e l'acqua fredda precipita verso il basso.

READ  Come collegare Alexa alla TV

Nonostante questa intensa attività. Le temperature vicino al fondo del lago sono intorno ai 14°CQuesto perché è presente una grande quantità di acqua fredda che lavora per neutralizzare il calore proveniente dal basso.

L'”anomalia magnetica” del lago

Questo “Anomalia magnetica” Ha suscitato l'interesse dei ricercatori, indicando la presenza di pirite al posto della prevista magnetite Nelle rocce vulcaniche del lago.

Si scopre che le rocce vulcaniche spesso contengono magnetite, che è altamente magnetica. Lo pensano Acqua calda del lago (fluidi idrotermali) Conversione della magnetite in un altro minerale, la pirite, che praticamente non ha segnale magnetico (Questo può essere visto nei toni del blu nell'immagine qui sotto, che coprono i crateri causati dalle eruzioni idrotermali.) Che è associato a un'intensità magnetica bassa o assente). Questo processo idrotermale ridurrebbe significativamente il segnale magnetico e spiegherebbe il fallimento.

Lago Rotorua in Nuova Zelanda
L'elevato flusso di calore al largo della costa di Sulphur Point è rappresentato nella mappa del flusso di calore conduttivo (a sinistra) e la mappa della densità magnetica (a destra) mostra come l'acqua calda ha smagnetizzato (anomalie magnetiche negative) le rocce della regione. Insieme, queste mappe forniscono una prova evidente del fatto che la costa di Sulphur Point è un sistema idrotermale attivo. Fonte: GNS Scienza.

“Normalmente, per le rocce vulcaniche, quando si passa sopra un magnetometro, si ottengono anomalie molto positive, ma in questo caso Ottieni anomalie negativo“Ciò è probabilmente dovuto alla bassissima suscettibilità magnetica”, ha detto Cornel de Ronde, geologo dell'istituto. GNS .

Per i ricercatori questo ne è un indizio Un antico vulcano, persino dormiente, colpisce ancora il Lago Rotorua. Per Runde, questa ricerca è “un eccellente esempio di un approccio globale alla comprensione dei nostri laghi vulcanici che ospitano fonti geotermiche, permettendoci di modellare meglio il complesso funzionamento del sistema geotermico di Rotorua”.

Riferimento alla notizia:

Nuove mappe rivelano le profondità nascoste del Lago Rotorua. Scienza GNS2024.

READ  Come cancellare la cache del browser in modo che Android funzioni più velocemente