Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Una difesa inaspettata di Beto Casella a Yanina Latorre: “Non la voglio, ma ha informazioni su questo”

in un scandalo Wanda Nara Insieme a Mauro Icardi per flirtare Cina Suarez, Yanina Latorre Prendi il centro della scena con l’accesso diretto a un’estremità e dettaglia la clamorosa rottura.

Tuttavia, più di un collega ha messo in dubbio la parola dell’oratore da blu. In questo contesto, il Difesa inaspettata Beto Casella di Yanina occupazione Congratulazioni, viste le controversie legali e la rabbia personale che le perpetua.

In piena discussione, Gabriel Kartana Espressione: “Quando Yanina dice che la Cina ha rotto tre matrimoni, ricordale che i mariti infedeli rompono i matrimoni.E non il terzo. E chi ha un patto di lealtà è il marito».

Nessuna delle dichiarazioni rilasciate da Janina può essere verificata”, ha affermato Gabriel Kartana. Peto ha risposto: “Ho parlato con la mia protagonista! Non la voglio, ma ha delle informazioni”.

D’altra parte nessuno Le dichiarazioni che ha rilasciato Yanina possono essere verificate‘”, ha detto lo psichiatra e membro del comitato di Benedetta.

Subito dopo, Peto lo contraddisse e bandì l’opera di Yanina Latorre: “Ha parlato con i due eroi! Non mi piace, ma Latorre fa davvero bene queste cose. Ha informazioni.

Dall’altro lato, Edith Hermida Ha dato la sua netta opinione: “Capisco la difesa di Yanina, ma lei Lo fa come una cosa personale..

“Yanina rende personale difendere Wanda”, ha detto Hermida. E Casella stupisce: “Per la prima volta in vita mia difenderò Latorre”.

“Forse lei, perché ha sofferto di infedeltà Chi è suo marito. L’unico responsabile era suo marito. Pertanto, non puoi ribellarti a tutte le donne…”, ha sottolineato Hermida.

Con forza e presa di posizione, Beto Casella ha colto di sorpresa la parola: “Fermati, Per la prima volta nella mia vita difenderò Latorre”..

READ  Carolina Acevedo: "A volte vorrei essere un rosmarino"

“Poiché ha vissuto una situazione personale, che qui non abbiamo menzionato, Non puoi lavorare di più sul tuo genere?disse l’autista.

Edith Hermida concluse, fermamente nel suo pensiero: “Ma Attacca le donne”.