Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Un politico si è incatenato perché questo non accadesse” |  soddisfazione

“Un politico si è incatenato perché questo non accadesse” | soddisfazione


In esclusiva da Roma, ci aiuta Gian Paolo Montale, il leggendario ex allenatore di pallavolo ed ex dirigente di Juventus e Roma. Lavora da più di cinque anni per rendere la capitale europea un hub del golf mondiale. Almeno dal 28 settembre al 1 ottobre. Perché sì, la Ryder Cup sta per iniziare nella capitale italiana.

Ecco perché portavano a Profonda riprogettazione dello stadio Marco Simon Diventando così il 13° giocatore della nazionale europea. Conosce l’importanza di un torneo seguito in tutto il mondo E cosa potrebbe significare per la città e il Paese. Per questo non nasconde l’enorme investimento per la sua organizzazione: sono stati pagati più di 160 milioni di dollari.

Quando la Roma presentò la sua candidatura nel 2014 venne pubblicato un dato interessante: la Ryder Cup è il terzo evento sportivo con maggiore influenza mediatica. Abbiamo solo la finale della Coppa del Mondo maschile e i Giochi Olimpici davanti a noi. E il Super Bowl, visto da cento milioni di telespettatori?

Sono uno sportivo e sì, mi sono posto questa domanda anche io quando sono stato chiamato a gestire questo progetto nel 2016. La Ryder Cup raggiunge più case del football americano. Ciò è confermato da numerosi studi di mercato e di audience (il Raider francese nel 2018 è stato visto in quasi duecento paesi).

Parliamo di numeri: è previsto un afflusso di oltre trecentomila persone. Uno straordinario flusso di evento concentrato in soli quattro giorni. Quanto costa organizzare questa 44esima edizione di Ryder?

Circa 160 milioni di euro. Il nostro partner è lo Stato italiano, che ci ha concesso sessanta milioni di fondi a fondo perduto, gli altri cento garantiti dal governo. Non è necessario utilizzarli tutti, anzi. Voglio infatti ricordare che questo progetto terminerà nel 2027, non nei pochi giorni in cui Europa e Stati Uniti giocheranno a golf. In più il governo ci ha messo a disposizione anche altri cinquanta milioni per il piano di fattibilità, per migliorare le strade di accesso al Campo da Golf Marco Simone.

Per chi non conosce Roma va detto che il torneo non si disputa in città, ma a Guidonia, che dista una cinquantina di chilometri dalla Basilica di San Pietro. Se Roma, con un’alta densità di popolazione e solo due linee metropolitane piene, non è semplice, come si affronterà la situazione?

READ  Mauricio Pinilla ha devastato il Depo Martinez: "Si ricorderanno di lui..."

Guarda, te lo dico: sappiamo già dove sono queste persone. Non so se ne sei a conoscenza, ma nel giro di quarantacinque minuti tutti i biglietti per Ryder erano esauriti. Era necessario sapere in quali alberghi sarebbero stati ubicati per capire i punti principali in cui sarebbero stati posizionati gli autobus. Dal centro alla periferia abbiamo condotto un censimento sulla mobilità per studio. Le persone viaggeranno con i mezzi pubblici, con i propri veicoli o con i taxi. Abbiamo anticipato di un’ora (4:30) l’apertura della metro, raddoppiato alcune linee, curato ogni dettaglio… Ciò che più ci preoccupa è che le persone si muovano quotidianamente senza problemi. Roma centro fino a Marco Simone di Gidonia e ritorno. La regolamentazione rappresenta una sfida per Roma. Sempre.

Immagino che oltre alla sostenibilità della regione (le campagne sono studiate per consumare poca acqua) e alla pace con l’avanguardia, sia sempre in contrasto con Roma. A proposito, dove si può prendere l’autobus per arrivare a Gidonia?

Nessuno arriverà a Guidona. Nella periferia romana ci saranno sei ampi parcheggi. Due molto importanti: La Rustica e Ponte Mamolo. Le persone potranno arrivarci con i mezzi pubblici. Poi avranno il trasporto per andare direttamente al campo da golf.

Il golf in Italia non sta vivendo il suo momento migliore. Non ci saranno giocatori italiani nella rosa di Luke Donald. Sì, i fratelli Molinari sono vicecapitani, insieme a Olazábal. cosa ne pensi?

Chiedetelo al presidente della federazione (Franco Chimenti), che è anche il primo appassionato di golf di questo Paese. Qualcosa come un commissario tecnico. Penso che sia stato fatto un ottimo lavoro e che in futuro si sta formando una forte generazione di giovani golfisti. Ryder sarà di grande ispirazione per tutti loro. Questo è uno sport duro. Serve una rivelazione importante, perché non è calcio. Per Ryder Sky Sport Ha creato un canale privato e anche la televisione pubblica (RAI) lo trasmetterà apertamente. Onestamente, nonostante non sia un Paese con una tradizione golfistica importante, con la speranza che diventi l’evento golfistico più importante al mondo si otterranno molti benefici in tutti i sensi.

READ  L’Italia bandisce il numero 88 per combattere l’antisemitismo – DW – 28/06/2023

Ci saranno anche tanti pezzi grossi di Marco Simone: Shevchenko, Carlos Sainz, Bale, Djokovic…

Sì, ma non vengono a vederlo (ride). Sì all’All-Star Game, mercoledì della Ryder Cup.

Al Simone, l’Europa arriva con delle opzioni. Fleetwood, McIlroy, Rose, ma soprattutto Rahm. Cosa risalterebbe di più in lui?

Questa è forse la massima espressione del golf europeo. Ha una qualità e una continuità di prestazione incredibili. È eccellente e ha molto talento. È competitivo e sempre lì, con la possibilità di vincere. Questa mentalità vincente è la sua grande forza.

Hai qualcosa da Ballesteros?

Questo vale anche per il presidente. Io sono solo un appassionato di golf, mentre Franco sa tutto. Può darti una risposta più precisa e tecnica. Posso solo dire che Ballesteros è una leggenda. Non dico come una tigre, ma è un mito. Rahm può vincere tanto o poco, ma lo stile di Severiano… Magari arriverà a quelle vette, ma Ballesteros è una stella eterna nel firmamento del golf.

Non sei rimasto sorpreso dalla scelta del giovane Aberg?

Conosco molto bene Luke Donald. Penso che sia qualcosa da considerare. Forse, con l’aiuto dei suoi assistenti, ha selezionato un golfista capace di giocare in squadra su un campo non semplice come quello di Simon. Inoltre, in questo Il jolly Emozione e livello di forma sono molto importanti e Aberg sta vivendo un grande momento. Negli sport di squadra non vengono selezionati i giocatori migliori, ma quelli più adatti ad accumulare massa.

Dato che il vostro lavoro è più istituzionale e meno tecnico, quanto è stato difficile per il governo italiano raggiungere questo obiettivo? Negli ultimi sei anni ci sono stati cinque organi legislativi che hanno apportato numerosi cambiamenti al profilo dello sport.

È stata un’opportunità, perché ho imparato molto, soprattutto sulla politica. Ma sì, è stato molto difficile perché dovevo andare tutti i giorni in entrambe le case. Cinque cambi di governo, invece, con ideologie diverse. Uno di loro si è incatenato davanti al Palazzo Shigi (residenza del Primo Ministro) per estorcere le garanzie dell’organizzazione.

READ  Allerta globale: infortuni, un problema per la nazionale argentina e Scaloni

Chi si è incatenato?

Sostenitore del Movimento Cinque Stelle.

Anche Roma sceglierà di celebrare EXPO 2030? In questo caso sarà determinante il test a cui vi sottoporrete con Ryder.

Lo decideranno a fine anno. Sapete benissimo che Roma non è una città facile, ma abbiamo grandi alleati, come questo ultimo governo. Il Ministro dello Sport Andrea Aboudi ci sostiene come nessun altro. Capisce che tutto questo rappresenta una grande opportunità per il Paese e ci sta dando più sostegno del solito.

A pensarci bene, avere i fratelli Molinari come assistenti della Nazionale europea avrà un impatto positivo sullo sviluppo del tutto. Può andare anche oltre il golf.

Mi concentro sul qui e ora. Sono due istituzioni del golf italiano e internazionale. Parliamo di due profili diversi: Francesco sarà fondamentale nell’alchimia del gruppo e credo semplicemente che questo determinerà il risultato finale di Ryder. Atmosfera di gruppo.

La squadra americana di Johnson non renderà le cose facili. Né le etichette mediatiche che hanno scosso Roma negli ultimi decenni: sporca, inefficace, caos totale, anarchia, criminalità… Come spiegare che Roma è un miracolo? Perché la città non è stata creata per essere un contenitore, bensì per essere contenuta in se stessa… E quando i romani erano due, uno uccise l’altro.

Da notare che fu assegnato all’Italia solo a causa di Roma. È una città insolita e meravigliosa. Amo la sua bellezza, ma amo anche le cose che non funzionano, che è un problema che viene dall’antica Roma. Anche il Consiglio Comunale ci ha aiutato molto a migliorare la viabilità. Vogliamo dare una buona immagine, perché l’80% del pubblico sarà straniero. L’arredamento romano è pronto. Si respira l’aria del golf.

Giulio Ocampo

Julio Ocampo è un giornalista, fotografo e scrittore spagnolo. Visse a Roma per più di dieci anni. Collabora con i media nazionali e internazionali: stampa, internet, radio e televisione.