Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un gas antico risalente all’inizio del tempo che fuoriesce dall’interno della terra

Gli scienziati affermano che il gas che fuoriesce dal nucleo della Terra risalga all’inizio dell’universo e questo indicherebbe che il nostro pianeta si è formato con il sole

la vecchia Elio primordiale Gli scienziati riferiscono in un nuovo studio che questa falsificazione sulla scia del Big Bang sta scappando dal centro della Terra.

Ma stai tranquillo, non devi preoccuparti, dicono gli esperti, La Terra non si restringema questa scoperta è una conferma di dettagli finora irrisolti sulla nascita del nostro pianeta: La Terra si è formata all’interno di una nebulosa solare, la stessa nuvola molecolare che ha dato origine al sole.

Un’altra cosa che questo studio suggerisce è che altri gas primitivi possono filtrare dal nucleo terrestre nel mantello, Che a sua volta può fornire informazioni sulla composizione della nebulosa solare.

Sulla Terra, l’elio si presenta in due isotopi stabili. Per molto tempo, Il più comune è l’elio-4Il suo nucleo contiene due protoni e due neutroni. L’elio-4 rappresenta circa il 99,99986% di tutto l’elio presente sul nostro pianeta.

L’altro isotopo stabile, che è circa lo 0,000137% dell’elio terrestre, È elio-3, con due protoni e un neutrone.

Helium-4 è fondamentalmente un prodotto decadimento radioattivo dell’uranio e il torio, che sta accadendo qui sulla Terra. Al contrario, l’elio-3 è principalmente essenziale, Si è formato negli istanti successivi al Big Bang, ma può anche essere prodotto dal decadimento radioattivo del trizio.

Questo è il gas scoperto fuoriuscire dal cuore della Terrapari elio3che filtra principalmente lungo il sistema di dorsale vulcanica medio-oceanica, Il che ci dà una buona indicazione di quanto velocemente fugge dal guscio.

READ  WhatsApp | Cosa significa la lettera "i" accanto ai tuoi messaggi | Applicazioni | Smartphone | vagare | nda | nnni | gioco sportivo

Questo tasso è di circa 2000 grammi all’anno: “Abbastanza per riempire un globo delle dimensioni di una scrivania”, Lo spiega il geofisico Peter Olson dell’Università del New Mexico.

“È una delle meraviglie della natura, e una prova della storia della Terra, che c’è ancora una grande quantità di questo isotopo nel terreno”. Aggiungere.

Ciò che è meno chiaro è la fonte. Quanto elio-3 può uscire dal nucleo, rispetto a quanto elio-3 c’è nel mantello.

Questo ci parlerebbe della fonte dell’isotopo. Quando la Terra si è formata, lo ha fatto accumulando materiale dalla polvere e dal gas che galleggiava attorno al sole appena nato.

L’unico modo in cui grandi quantità di elio-3 possono esistere all’interno del nucleo del pianeta è Se formato in una nebulosa fiorente. Cioè, non nei suoi sobborghi, né mentre si disperdeva e volava.

Olson e il suo collega, il geochimico Zachary Sharp dell’Università del New Mexico, hanno studiato modellando gli stock di elio della Terra durante l’evoluzione. in primo luogo, come si è formato, il processo mediante il quale il protopianeta ha accumulato e fuso l’elio; Poi dopo il grande impatto.

Gli astronomi credono, È successo quando un oggetto delle dimensioni di Marte si è scontrato con una Terra molto piccola, inviando detriti volanti nell’orbita terrestre, che alla fine si sono ricombinati per formare la Luna.

Durante questo evento, che avrebbe rifuso il mantello, gran parte dell’elio intrappolato all’interno del mantello era andato perso. Tuttavia, il nucleo è più resistente agli urti, suggerendo che potrebbe essere un serbatoio abbastanza efficiente per contenere l’elio-3.

Si ritiene che il Sole si sia formato in una nuvola come il Lago Nebulosa e questa ultima scoperta indica che anche la Terra lo è (ESA/NASA)
Si ritiene che il Sole si sia formato in una nuvola come il Lago Nebulosa e questa ultima scoperta indica che anche la Terra lo è (ESA/NASA)

In effetti, questo è ciò che hanno scoperto i ricercatori. Utilizzando l’attuale velocità di fuoriuscita dell’elio-3 all’interno, nonché modelli del comportamento dell’isotopo dell’elio, Olson e Sharp hanno scoperto che è probabile che ci siano 10 teragrammi (10 trilioni di grammi) per petagramma (100 milioni di tonnellate) di elio-3 nel cuore del nostro pianeta.

READ  Come in Star Wars: la NASA realizza il primo "trasferimento di massa" dello spazio

Ciò suggerisce che il pianeta deve essersi formato all’interno di una fiorente nebulosa solare e non “unito” al sistema solare dopo la sua formazione. Tuttavia, rimangono molti dubbi. La probabilità che tutte le condizioni per sequestrare l’elio-3 siano soddisfatte nel nucleo terrestre è piuttosto bassa, il che significa che potrebbero esserci meno isotopi di quanto suggerisce il lavoro del team.

Tuttavia, È anche possibile che ci fosse abbondante idrogeno primitivo nel nucleo del nostro pianeta, intrappolato nello stesso processo in cui l’elio-3 potrebbe essersi accumulato. I ricercatori affermano che cercare prove di perdite di idrogeno può aiutare a convalidare i risultati.

Continuare a leggere