Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un artista tedesco apre un murale a Santiago

L’artista tedesco Robin Kowalski (Berlino, 1989) ha dipinto un murale “Dangerous Chapel” sulla facciata di un negozio di grafica in un edificio a Providencia.

L’opera di 14 metri quadrati è un caso psicologico in cui, secondo il suo autore, non è noto se la serie di strani eventi fosse un prodotto della sua immaginazione o il risultato di poteri soprannaturali.

L’artista interpreta questa idea con un potente dipinto pieno di forme, trame, personaggi e simboli, e sperimentazioni tra il reale e il sogno.

“È facile perdersi in un mondo come quello di oggi, quando strutture date per scontate iniziano a disintegrarsi, quando la parola“ strano ”sostituisce“ normale ”e viceversa, a sciogliersi in un mondo senza testa né piedi. tali volte, chiediamo aiuto. Qualcuno (o qualcosa) che ci mostri la via d’uscita dalla chiesa, elogi esperti, dèi, teorie vaghe o una miscela tossica di tutto “, commenti di Kowalowski, che descrivono molto chiaramente i tempi attuali sia in Cile che all’estero.

CAPPELLA PERICOLOSA – Murale ROMOKO di OJOXOJO 2021 a partire dal Robin Kowalski Sopra Vimeo.

“In tempi in cui la scienza diventa una battaglia di fede, l’arte è ciò che chiamiamo la nostra scienza”, aggiunge.

L’artista tedesco si è recato in diversi paesi europei per condividere le sue opere in affreschi e mostre in Spagna, Italia, Francia, Belgio, Svezia, Svizzera, Sri Lanka e altri. Attualmente è in Cile da poco più di un anno.

Il fulcro del suo lavoro è il soggetto di maschere e costumi che si trovano in tutte le culture del mondo e in tutti gli aspetti della vita: l’anonimato o la sua espansione. Questa situazione paradossale è ciò che definisce tutti i miei dipinti.

READ  Il Liverpool registra una perdita di 53 milioni di euro nell'anno fiscale 2019/2020

“Trovo estremamente spaventoso che la street art in Cile sia molto politica, abbia un messaggio brutale e sincerità. Non ci sono messaggi artificiali e rilevanza per la realtà. C’è un grande bisogno di esprimersi per strada. Persone, oltre a gridare , esprimono il loro dolore attraverso i murales. Ciò indica la sincerità del clamore popolare. Qui l’arte urbana è più di un hobby o uno stile di vita, è una lotta. Gli artisti cileni devono dipingere per strada o il messaggio non verrà ascoltato “, Dice il muralista.

Tra il 29 aprile e il 2 maggio, Kowalewsky esporrà anche approssimativamente al “Festival Arica Barroca”, insieme ai maggiori esponenti dell’arte urbana nazionale, come Alejandro “Mono” Gonzalez, Inti, Stfi e Caiozzama, tra gli altri.