Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Tutto il mio lavoro riguarda i miei ricordi d’infanzia”.

Cosa hanno a che fare le arti marziali e il wrestling, le cose di un famoso mercato messicano, il rock e la musica dei coniglietti con l’arte? Niente e molto, se si arriva a questo dare una mano, La prima opera solista dell’artista venezuelano Carlos Zerba in Messico, che presto aprirà al Museo di Arte Contemporanea di Oaxaca.

Mr. Rabbit è senza dubbio il protagonista di questa mostra che ha preso il titolo dalla prima registrazione discografica di Willie Colone e Robin Blades, nel 1977, che fa riferimento alla boxe, e in cui Zerpa raccoglieva dipinti, sculture, video e schizzi di grande formato . E sculture della fine degli anni ’90, sono esposte nei musei in Colombia e Venezuela, con opere realizzate dal suo arrivo nella capitale azteca, nel 2019.

Signor Shula (Cortesia)

Mr. Rabbit
Originario di una città chiamata Puertollano nella Mancia, in Spagna, Great Henry era il mago più famoso della televisione venezuelana. Era il proprietario della casa magica, con l’aiuto del figlio e del nipote, che si dedicarono anche loro al mestiere. È stato lì che Carlos Zerba ha incontrato Mr. Rabbit nel 2012 e lo ha portato a lavorare.

“C’è una bellissima storia con quel coniglio e come voleva venire con me ed essere mio amico. Era il cosiddetto coniglio di El Gran Henry, che lo accompagnava in tutte le sue opere e uscite in televisione”, dice l’artista dal Messico.

“Una volta, sono andato nel negozio di un mago a Sabana Grande, ho visto un coniglio e sono andato.” Ma sono tornato e ho fatto una foto con lui, perché l’energia era così forte e bella. Ho lasciato il negozio e sono tornato a mezzo isolato, perché ho capito che dovevo comprarlo per metterlo in vendita nel mio showroom. Spine d’acciaio. Sono andato a comprarlo, ma non l’hanno venduto, perché era il coniglietto di un mago, faceva parte della sua attività di magia ed era anche un’attrazione per i negozi.

“Così ho incontrato il mago e gli ho spiegato tutto quello che volevo fare con un coniglio: lo espongo in gallerie e gallerie d’arte”. Abbiamo parlato e parlato e parlato fino a quando non me l’ha venduto. Sapeva che avrebbe continuato a vivere con me, perché si rese conto che una volta morto da mago, il coniglio sarebbe finito in una scatola di cartone e sarebbe stato dimenticato in un magazzino. Quindi Mister Rabbit è tornato in vita, e sono i miei pantaloncini. È venuto con me in Messico e vive qui a casa. Ora è un’opera d’arte mentre guida una moto, guida la metropolitana, sale una scala o attira conigli. Qui indossa i guantoni da boxe. Questa è la storia così semplice.

Mr. Rabbit: Dalla mano del mago Henry alla mano di Carlos Zerba (Cortesia)

“Libero come una farfalla e una tigre”
Il coniglio fa parte di un’installazione con la testa del combattente, il signor Shula, in questa mostra in cui Zerba si allenava nelle arti marziali (karate, boxe, tai chi e tai chiking) e appassionato di wrestling, si dedica ad entrambi i campi .
“Faccio molte strizzatine d’occhio ad altre opere d’arte. Rubo immagini e le incorporo nel mio lavoro. Abbasso le mani”, dice, riconoscendosi come un artista “multidisciplinare e” funky “.

È proprio questo dialogo interdisciplinare nel suo lavoro che il critico messicano Santiago Espinosa de los Monteros, Curatore, in Venezuela, lo mette in luce come uno dei principali esponenti della riflessione interdisciplinare sull’arte nel continente. “Immerso nel lavoro interdisciplinare, Zerpa si è avvicinato allo stesso modo alla performance, alla pittura, alle installazioni e ai raggruppamenti e, in modo preponderante, all’abbandono della cultura popolare, che ha scelto come sfondo estetico diretto e senza compromessi”, che è stato anche un addetto culturale in Venezuela negli anni ’90.

Nato nel 1950 a Valencia, Carlos Zerba ha fatto della cultura di quel decennio il centro del pensiero artistico e visivo che emanava magia, nostalgia, paura o rifiuto. “Tutto il mio lavoro riguarda i miei ricordi d’infanzia”, ​​ammette l’artista che è emerso negli anni ’80 come uno dei nomi correlati nelle tendenze artistiche non convenzionali in Venezuela.

L’artista ha studiato design artigianale e tessile in Colombia e incisione a New York, ma la sua formazione principale avviene in Italia, dove ha studiato visual design, serigrafia e fotografia con Bruno Munari (1907-1997), come insegnante, è considerato uno dei più influenti creatori del ventesimo secolo.

Faccia sporca (Cortesia)

READ  La bussola che ogni italiano dovrebbe avere in Venezuela

Quali sono gli standard organizzativi di questa mostra?
– Mostra quei dipinti strettamente legati al mondo delle arti marziali e molto ispirati al Messico: wrestling, frida, la lotteria messicana e aggiungi tutto ciò che stavo facendo in quel momento nelle terre messicane.

Cosa c’è di nuovo?
-il mio lavoro attuale. La galleria è piena di cose acquistate nei mercati popolari. In uno ho comprato diversi tamburelli e li ho usati come quadri su cui dipingevo maschere messicane e venezuelane.

Da quanto tempo sei in Messico?
– Vivrò e farò il mio lavoro qui per due anni. Ho molte gallerie in programma in gallerie e musei messicani, ma queste sono state congelate a causa della pandemia. Stanno appena iniziando a riattivarsi.

Hai intenzione di tornare in Venezuela?
– Certo che tornerò nel mio paese. Ho sempre vissuto fuori e torno sempre. A Dio piacendo, in democrazia.
Qual è la tua visione dell’arte oggi?
L’arte va sempre prima di tutto. Le mode fanno sembrare molte cose non concettuali, ma ci sono grandi opere contemporanee.

Qual è la lezione più importante che hai imparato dal tuo maestro, Bruno Munari?
– Un giorno, mi guardò negli occhi, mi diede una pacca sulla spalla e disse: “Caro Carlos, esultò Dala Tigre Farfla”. Vale a dire: “Bello e fragile in apparenza come una farfalla. Astuto, forte e feroce come una tigre. Libero come una farfalla e una tigre”. Bruno Munari mi ha insegnato, saggiamente, il rapporto tra arte e vita e mi ha avvicinato alla via dello Zen. Mille grazie al maestro che mi ha dato la libertà di essere chi sono e che ancora mi accompagna nello spirito di oggi.

READ  "Cadranno tutti, uno per uno!"

Incorpora un Tweet