Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Superfulmini: perché i fulmini ad alta energia favoriscono il Mediterraneo e il Nord Atlantico

Superfulmini: perché i fulmini ad alta energia favoriscono il Mediterraneo e il Nord Atlantico

Un fulmine associato alla tempesta Philip distrugge l’Antigua Yacht Club

I famosi cacciatori di tempeste stanno proseguendo i loro studi. Oltre a catalogare i tornado, concentrano la loro linea di ricerca ampliata anche sui fulmini. In questo campo specifico, Super raggi o super fulmini, Come è scientificamente noto, sono loro che lasciano l’impressione più grande.

“I Superbolt, come sono tecnicamente noti, hanno maggiori probabilità di avere un impatto quanto più si avvicina la distanza L’area di carica elettrica di una nuvola temporalesca sulla superficie terrestre o oceanica“, come spiega un nuovo studio condotto da specialisti dell’Istituto Scienze della Terra presso l’Università Ebraica di Gerusalemme in Israele. Queste condizioni sono responsabili dei punti critici che generano questi enormi momenti su alcuni oceani e alte montagne.

Secondo questo studio, Fulmini ad alta energia (super fulmini) Si verificano principalmente durante l’inverno nell’Oceano Atlantico settentrionale, nel Mar Mediterraneo e nel Sud America nordoccidentale. I superboliti costituiscono meno dell’1% di tutti i fulmini, ma quando colpiscono hanno un impatto potente. Mentre il fulmine medio contiene circa 300 milioni di volt, I super bulloni sono 1000 volte più resistenti Gli autori hanno spiegato che ciò potrebbe causare danni significativi alle infrastrutture terrestri e alle navi in ​​mare.

Un fulmine ha colpito un camion in Florida

“Sebbene i superbolter rappresentino solo una percentuale molto piccola di tutti i fulmini, sono un fenomeno affascinante”, ha spiegato Avichai Ephraim, fisico dell’Università Ebraica di Gerusalemme e autore principale dello studio.

Un rapporto del 2019 ha rilevato che i superlativi Tendono a raggrupparsi sull’Oceano Atlantico nord-orientale, sul Mar Mediterraneo e sulle montagne dell’Altiplano del Perù e della Bolivia. Che è considerato uno degli altipiani più alti della Terra. “Volevamo sapere cosa rende più probabile la formazione di questi potenti raggi in alcuni luoghi rispetto ad altri”, ha detto Ephraim.

Quando la zona di carico della tempesta è vicina alla superficie terrestre, il “superfulmine” risultante può essere 1.000 volte più potente del fulmine normale (Oliver Schlenczyk)

Il nuovo studio fornisce la prima spiegazione per la formazione e la distribuzione dei superbolt sulla terra e sul mare in tutto il mondo. La ricerca è stata appena pubblicata dentro Giornale di ricerca geofisica: atmosfereuna rivista dell’Università del Golfo Arabico dedicata a migliorare la comprensione dell’atmosfera terrestre e della sua interazione con altri componenti del sistema terrestre.

Le nuvole temporalesche raggiungono solitamente un’altezza compresa tra 12 e 18 chilometri (da 7,5 a 11 miglia) di altezza e copre un’ampia gamma di temperature. Ma affinché si formino i fulmini, la nuvola deve oltrepassare la linea dove la temperatura dell’aria raggiunge 0°C. Al di sopra della linea del gelo, nella parte superiore della nuvola, avviene l’elettrificazione e viene generata una zona di carica di fulmine.

READ  Nintendo Switch annuncia l'arrivo di un nuovo gioco, gratuito per sempre, nel suo catalogo

Ephraim e il suo team si sono chiesti se i cambiamenti nell’altezza della linea del gelo, e quindi nell’altezza della zona di carico, potessero influenzare la capacità di una tempesta di formare enormi fulmini.

Una donna e un venditore di amache muoiono sul colpo a causa di un fulmine su una spiaggia in Messico nel 2023

Studi precedenti Hanno scoperto se la sua forza poteva essere influenzata dagli spruzzi del mare, Emissioni provenienti da rotte marittime, salinità dell’oceano o persino polvere del deserto, ma tale ricerca è stata limitata ai corpi idrici regionali e può, al massimo, spiegare solo parte della distribuzione regionale dei superbolter. Una spiegazione esaustiva dei punti critici è rimasta sfuggente.

Per determinare perché i superbolter si raggruppano in determinate aree, Ephraim e i suoi colleghi avevano bisogno di conoscere l’ora, la posizione e l’energia di raggi specifici, che hanno ottenuto da una serie di rilevatori di onde radio.

Hanno usato questi dati per estrarli Principali caratteristiche degli ambienti temporaleschi, Inclusa l’elevazione della superficie terrestre e dell’acqua, l’altezza della zona di carico, la base delle nuvole e le temperature superiori e le concentrazioni di aerosol. Hanno poi cercato le correlazioni tra ciascuno di questi fattori e la forza estrema dei fulmini, acquisendo informazioni su cosa provoca fulmini più forti e cosa no.

Perché si formino i fulmini, la nube deve oltrepassare la linea dove la temperatura dell’aria raggiunge 0°C

I ricercatori hanno scoperto che, a differenza degli studi precedenti, gli irrigatori non hanno avuto effetti significativi sulla resistenza dei superbolter.

Invece, una distanza minore tra l’area di carico e il suolo o la superficie dell’acqua Provoca raggi significativamente più attivi. Le tempeste vicino alla superficie consentono la formazione di fulmini ad alta energia perché una distanza più breve generalmente significa meno resistenza elettrica e quindi una corrente più elevata. Ciò include i raggi più forti.

READ  I giochi PS Plus e Xbox Game Pass sono gratuiti per le serie PS5 e Xbox a novembre

Le tre regioni che sperimentano i fulmini più straordinari (l’Atlantico nord-orientale, il Mediterraneo e le montagne dell’Altiplano) hanno qualcosa in comune: una breve distanza tra le aree e le superfici soggette a fulmini. Lo specialista continua: “La connessione che abbiamo visto era chiara e molto ampia, e si verifica in tutte e tre le regioni”. “Questo è un grande passo avanti per noi.”

Hanno utilizzato questi dati per estrarre le caratteristiche chiave degli ambienti temporaleschi, tra cui l’elevazione della superficie terrestre e dell’acqua, l’altezza della zona di carico, la base delle nuvole e le temperature superiori e le concentrazioni di aerosol (EFE/Evangelos Bougiotis).

Sapere che la breve distanza tra la superficie e la zona di carico della nuvola si traduce in più superbolt aiuterà gli scienziati a determinare in che modo i cambiamenti climatici influenzeranno la comparsa di questi giganteschi fulmini in futuro. “Le temperature più calde possono aumentare i raggi più deboli“Ma l’elevata umidità nell’aria potrebbe annullarlo”, ha detto Ephraim. Non esiste ancora una risposta definitiva.

In futuro, il team prevede di esplorare altri fattori che potrebbero contribuire alla formazione dei superbolt, come il campo magnetico o i cambiamenti nel ciclo solare. “C’è molto che non sappiamo, ma quello che abbiamo scoperto qui è un grande pezzo del puzzle. E non abbiamo ancora finito. C’è molto da fare”, ha concluso.