Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Studio italiano, la mutazione rende l’Iris più resistente – Scienza e Tecnologia

Studio italiano, la mutazione rende l’Iris più resistente – Scienza e Tecnologia

Ansamed – Roma – Una nuova ricerca condotta dall’Università dell’Insubria sulla variante Eris del virus Covid-19, coordinata da Fabio Angeli, del Dipartimento di Medicina e Innovazione Tecnologica dell’Università, spiega il motivo dell’emergenza del contagio e tutti gli altri indicatori dell’epidemia. crescente.
La maggiore resistenza agli anticorpi e l’immutata capacità di trasmettere e legarsi alle nostre cellule della variante EG.5 rispetto alle precedenti e temute varianti Omicron spiegherebbero l’aumento degli indicatori (numero di casi positivi, tasso di occupazione dei letti in terapia intensiva, tasso di mortalità e positività al tampone) anche in Italia (+43,4% casi positivi, +44,6% decessi nell’ultima settimana, rispetto alla settimana precedente).
I risultati spiegano anche perché questa variante è dominante (in Italia è presente in almeno il 40% delle sequenze) e smorzano le speranze che nuove varianti (inclusa Iris) diventino meno diffuse nel tempo.
Lo studio è stato pubblicato oggi sull’European Journal of Internal Medicine da un gruppo di studio dell’Università dell’Insubria coordinato da Fabio Angeli, professore ordinario di Malattie cardiovascolari presso il Dipartimento di Medicina e Innovazione Tecnologica, che ha firmato l’articolo insieme a Martina Zappa, ricercatrice biotecnologo dell’Insubria, Andrea Andolina, infettivologo dell’ICS Maugeri, e Paolo Verdecchia, ricercatore cardiovascolare di Perugia.
Dopo che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha designato l’EG.5 come una nuova variante preoccupante del SARS-CoV-2 il 9 agosto, i ricercatori hanno analizzato se e come questa variante è cambiata e quale è il suo contributo all’aumento di infezioni, ricoveri e decessi osservati negli ultimi anni. settimane a livello globale.
Lo studio condotto dall’Università dell’Insubria ha valutato l’effetto di una mutazione specifica (F456L) avvenuta a livello della proteina spike del virus, che conferirebbe a questa variante una maggiore capacità di eludere le difese anticorpali (conseguenti a precedenti infezioni e da vaccini).
In particolare, gli autori dello studio hanno dimostrato che questa nuova mutazione fa sì che EG.5 mantenga le stesse capacità funzionali e capacità di trasmissione delle precedenti varianti di Omicron che hanno dominato lo scenario pandemico negli ultimi mesi.
“Ora più che mai – spiega Angeli – è importante continuare a studiare e monitorare la diffusione delle varianti del virus, nonché orientare le future strategie preventive”. (Io dimentico).

READ  I tre scenari giudiziari di Mancuso prima della decisione di nominarlo responsabile della pace

Tutti i diritti riservati. ©Copyright ANSA