Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Starliner: la nave che non vuole portare le persone nello spazio

Starliner: la nave che non vuole portare le persone nello spazio

Gli Stati Uniti hanno attualmente tre veicoli spaziali con equipaggio in servizio, il Crew Dragon di SpaceX, lo Starliner di Boeing e l’Orion della NASA (prodotto da Lockheed Martin). Questa è la prima volta che un paese ha tre veicoli spaziali con equipaggio contemporaneamente. Ma finora, Crew Dragon è volato nello spazio solo con persone a bordo (e lo hanno già fatto dieci volte con successo). Orion trasporterà gli astronauti intorno alla Luna nella missione Artemis II, si spera nel 2024, ma per quanto riguarda lo Starliner? Dopo aver effettuato due voli senza pilota – OFT nel 2019 e OFT-2 nel 2022 – la prima missione con gli astronauti avrebbe dovuto svolgersi il 21 luglio di quest’anno. Tuttavia, la NASA e Boeing hanno annunciato pochi giorni fa che questo primo volo con gli astronauti è stato nuovamente ritardato. Di conseguenza, il compito di finanziare il terrorismo (Prova di volo dell’equipaggio) fino a marzo 2024 al più presto.

Lo Starliner è attraccato alla Stazione Spaziale Internazionale nella missione OFT-2 del 2022 (NASA).

La principale fonte di ritardi sono i collegamenti della linea paracadute-capsula, che sono meno robusti del previsto. Incredibilmente, dopo due missioni orbitali e molti test a terra, Boeing non ha ancora soddisfatto i requisiti di sicurezza della NASA per i paracadute delle capsule. A novembre Boeing effettuerà un test per verificare le migliorie apportate ai paracadute, quindi non si possono escludere ulteriori ritardi se il test non avrà del tutto successo. Ricordiamo che a quel tempo anche SpaceX fu costretta a cambiare il sistema di paracadute originale della Crew Dragon e dovette introdurre, tra le altre modifiche, un quarto paracadute principale. Tuttavia, l’azienda di Elon Musk ha apportato e verificato queste modifiche in una serie di test condotti in un periodo di tempo relativamente breve. L’altro problema con la missione CFT è più surreale e ha a che fare con il nastro utilizzato per legare i fasci di cavi, chiamato P-213. Apparentemente, Boeing ha utilizzato questo nastro in aree in cui non dovrebbe avere materiale infiammabile in determinate circostanze. Il nastro è ampiamente utilizzato nell’industria aerospaziale, ma sembra che la NASA non si fidi degli standard Boeing per il suo utilizzo in alcune aree della capsula esposte a una maggiore concentrazione di ossigeno. Boeing ha rimosso l’85% del nastro sulla parte superiore della capsula, ma sembra che non possa essere rimosso sul fondo senza causare danni. La tacca… scusate, la soluzione è coprire il nastro problematico con uno conforme agli standard della NASA o, a seconda della posizione, creare barriere per impedire la propagazione di un potenziale incendio.

READ  Da un altro mondo: scoprono due super-Terre in orbita attorno a una stella vicina
Starliner No. 3 Calypso dalla missione CFT presso le strutture Boeing al KSC in Florida (ex OPF dello shuttle) l’8 febbraio (NASA).
Veicolo spaziale Starliner e razzo Atlas V N22 (Boeing).
I principali paracadute di Starliner nella missione OFT-2 (NASA).

In effetti, la ragione ultima dei ritardi è l’indecisione che Boeing ha mostrato nella sua creazione. Lo Starliner potrebbe essere il veicolo spaziale prodotto con meno entusiasmo nell’intera storia dell’astronautica. Boeing – azienda che, come tutti sappiamo, non sta attraversando il suo momento migliore – sarebbe felice di ritirarsi da questo progetto dopo aver dovuto mettere di tasca propria 1 miliardo di dollari per tenerlo a galla, visto che il contratto con la NASA è scaduto a prezzo fisso (ovvero l’eventuale aumento del costo del programma è a carico di Boeing). Ma l’agenzia spaziale è determinata ad avere un secondo fornitore per i voli con equipaggio verso la Stazione Spaziale Internazionale nel caso in cui Crew Dragon o Falcon 9 incontrino problemi, e non permetterà al gigante aerospaziale di sottrarsi alle proprie responsabilità. La posizione della NASA è giustificata perché se la Crew Dragon dovesse subire uno sfortunato incidente, la russa Soyuz sarà ancora una volta l’unico veicolo in grado di trasportare gli astronauti alla stazione spaziale. È chiaro che la situazione internazionale non è in grado di aumentare la cooperazione con questo paese. Di conseguenza, Boeing ha confermato con riluttanza di impegnarsi a lanciare tutte e sei le missioni operative con equipaggio sulla Stazione Spaziale Internazionale, nonché la missione di test CFT, come previsto nel contratto originale firmato con la NASA. Ovviamente, dato che è prevista una sola missione Starliner all’anno, non è chiaro se Boeing avrà il tempo di lanciare queste sei missioni prima che la NASA si ritiri dalla Stazione Spaziale Internazionale nel 2030.

Unione della capsula e del modulo di servizio Starliner 3 Calypso (NASA).
La navicella Starliner 2 si avvicinerà alla Stazione Spaziale Internazionale nel 2022 (NASA).

Nel 2014, la NASA ha selezionato Boeing e SpaceX come società per costruire un nuovo veicolo spaziale con equipaggio americano. Boeing ha ricevuto 4,2 miliardi di dollari e, dopo molti ritardi, il CST-100 Starliner ha raggiunto l’orbita per la prima volta il 20 dicembre 2019 nella missione OFT (Prova di volo orbitale), ma non è stato in grado di attraccare con la Stazione Spaziale Internazionale a causa di un imbarazzante problema tecnico nell’orologio della nave che ha portato a un consumo di carburante superiore al previsto. La prossima missione senza equipaggio, OFT-2, ha dovuto essere ritardata più volte a causa di vari problemi con le valvole del carburante e altri sistemi. Alla fine è decollato il 19 maggio 2022 e questa volta è stato in grado di attraccare con la Stazione Spaziale Internazionale. La prima missione con equipaggio di Starliner ha subito così tanti ritardi che l’equipaggio è passato di mano diverse volte. Il primo equipaggio, annunciato a gennaio 2018, è composto da Chris Ferguson, Eric Boe e Nicole Onabu-Mann. Nel gennaio 2019 Bo si è ritirato per motivi medici ed è stato sostituito da Michael Fink. Nell’ottobre 2020 Ferguson si è ritirato per motivi personali e il suo posto è stato preso da Barry Wilmore. Da parte sua, Mann è stata assegnata alla missione Crew-5 e ha sostituito Sunita Williams, che avrebbe dovuto volare la prima missione Starliner operativa, nell’ottobre 2021. Nel giugno 2022, la NASA ha ritirato Fincke da quella missione, che alla fine includerà solo Barry Wilmore e Sunita Williams. .

READ  Watch Dogs Legion non riceverà ulteriori aggiornamenti e ringrazia i fan per il loro supporto sin dal lancio
Jebediah Kerman davanti al pannello di controllo di Starliner (Oleg Artemyev / Roscosmos).
La capsula Starliner Spacecraft 2 della missione OFT-2 dopo l’atterraggio a White Sands. I tecnici sono dotati di tute speciali in caso di perdita di propellente (NASA).

Lo Starliner è una nave del 21° secolo perfettamente in forma con un design, ricordiamolo, derivato dalla proposta di Boeing per l’Orion of the Constellation, un contratto che Lockheed Martin alla fine vinse. I problemi ei ritardi che questo progetto ha subito sono dovuti esclusivamente al disinteresse di Boeing. Ma, nonostante la mancanza di desiderio, speriamo che l’anno prossimo arrivi nello spazio con gli umani dentro.

Distaccamento Starliner (Sergey Korsakov / Roscosmos).