Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Stanno studiando un vaccino sperimentale per prevenire le infezioni da superbatteri negli ospedali

Stanno studiando un vaccino sperimentale per prevenire le infezioni da superbatteri negli ospedali

Le infezioni associate all’assistenza sanitaria (ICA) sono invasioni di microrganismi patogeni che colpiscono i pazienti in un ospedale o in un altro contesto sanitario (Stampa europea)

Quando una persona nell’ospedale A causa di malattia o incidente Anche lui corre il rischio di un’acquisizione Infezioni associate all’assistenza sanitaria. Un modo per ridurre questi rischi è che le organizzazioni ne siano proprietarie Prevenzione delle infezioni.

Scienziati stato unito Sviluppano a Siero Anche Energizzante In modo che i pazienti possano essere protetti dai superbatteri che potrebbero colpirli durante il trattamento ospedaliero.

quello Vaccino sperimentale. I risultati preliminari sono stati pubblicati in A Studio pubblicato Dagli studiosi sulla rivista Medicina traslazionale scientifica. Appartengono a Università della California del Sud Hanno già ottenuto il brevetto.

I ricercatori hanno progettato la formula per prevenire gravi infezioni causate da agenti patogeni resistenti ai farmaci.

Nello studio pubblicato, hanno dimostrato che una singola dose, somministrata a modelli murini, mette le cellule immunitarie in “modalità”.La struttura è incredibileCiò significa che fornisce una protezione rapida contro otto diversi tipi di batteri e funghi.

Gli scienziati negli Stati Uniti stanno sviluppando un prodotto che potrebbe proteggere i pazienti dai superbatteri quando vengono ricoverati negli ospedali (Getty)

Lo sviluppo agisce come un “sistema di allarme rapido”. “È come se la Sicurezza Nazionale avesse lanciato un allarme terroristico”. Brad Spielbergautore principale e direttore medico di Centro medico generale di Los Angelesaffiliato all’università.

Formulato con tre composti che forniscono fino a 28 giorni di protezione contro i batteri ospedalieri. Pseudomonas aeruginosaTra le altre cose, sembra che agisca rafforzando il sistema immunitario innato, che è la risposta generalizzata di prima linea del corpo agli agenti patogeni invasori.

READ  Terzo elenco di temi per la Giornata di Prensa Latina

Due dei tre composti sono già utilizzati nei vaccini approvati dall’Autorità di regolamentazione dei medicinali Amministrazione degli alimenti e dei farmaci. Il terzo componente è una piccola porzione della superficie dei funghi comuni sulla pelle umana.

Il vaccino sperimentale stimola una fornitura preesistente di cellule immunitarie che sopprimono i patogeni chiamate macrofagi, che inglobano e digeriscono batteri, funghi e altri agenti nocivi. Queste cellule attive, presenti in tutti i tessuti, neutralizzano rapidamente gli invasori in arrivo, che possono moltiplicarsi rapidamente e sopraffare le difese dell’organismo.

L’innovazione è già brevettata. In uno studio è stato dimostrato che stimola una fornitura preesistente di cellule immunitarie che sopprimono i patogeni chiamate macrofagi, che digeriscono batteri, virus e funghi che colpiscono i pazienti / Istituto Nazionale delle Allergie e delle Malattie Infettive (NIAID)

“Questo è molto diverso dallo sviluppo di nuovi antibiotici”, ha spiegato. Jun Yan, dottorando presso la Keck School of Medicine della University of Southern California e primo autore dello studio. “Si tratta di usare il nostro sistema immunitario per combattere diversi superbatteri, che è un approccio diverso da quello di tutti gli altri”, ha detto.

“È un approccio molto interessante”, ha commentato. Jay Colespneumologo e ricercatore di vaccini Università di TulaneNegli Stati Uniti non ha partecipato allo studio. “È uno dei primi lavori che ho visto in cui si tenta di attaccare l’infezione utilizzando più componenti che attivano il sistema immunitario innato”, ha aggiunto.

Ma ha sottolineato che il nuovo prodotto utilizza ingredienti non specificati per fornire una protezione a breve termine contro vari batteri e funghi. Pertanto, invece di chiamarlo “vaccino”, ritiene che sarebbe meglio considerarlo uno “stimolante immunitario” o un “booster”.

READ  Un osservatorio cercherà l'origine dell'universo dalle alture di Salta

Ogni anno, le infezioni contratte in ambito sanitario uccidono più di 90.000 persone negli Stati Uniti e costano all’assistenza sanitaria dai 28 ai 45 miliardi di dollari. Secondo i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, uno su 31 pazienti ricoverati in ospedale ha almeno un’infezione.

In America Latina, quando un paziente ricoverato si infetta, il tasso di mortalità raggiunge il 30%. Quando si hanno due infezioni, la percentuale sale al 40% per file

“In America Latina il tasso medio di mortalità ospedaliera è solo del 17% dei pazienti ricoverati se non sviluppano un’infezione ospedaliera”, ha affermato. informazione Dottore argentino Victor Rosenthalfondatore e presidente Comunità scientifica internazionale per il controllo delle infezioni nosocomiali.

Quando invece un paziente ricoverato si infetta, il tasso di mortalità raggiunge il 30%. Quando subiscono due infortuni la percentuale sale al 40%. Se un paziente contrae tre infezioni, il tasso di mortalità può raggiungere il 63%.

Per sviluppare il vaccino, Spielberg e i suoi collaboratori crearono l’azienda Exak LLCAbbiamo già iniziato a parlare con potenziali partner farmaceutici che potrebbero essere interessati a sviluppare ulteriormente il vaccino per gli studi clinici sull’uomo. Il prossimo passo è ottenere indicazioni dalla FDA sui requisiti per il completamento degli studi preclinici e la presentazione di una domanda di prodotto sperimentale nel 2024.

Il primo studio di questo tipo sarà condotto su volontari sani per trovare la giusta dose di vaccino che sia sicuro e inneschi negli esseri umani lo stesso tipo di risposta immunitaria osservata nei topi.