Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Stabilire dei limiti, non essere eccessivamente empatici e chiedere aiuto sono fondamentali per la salute emotiva dei veterinari

Stabilire dei limiti, non essere eccessivamente empatici e chiedere aiuto sono fondamentali per la salute emotiva dei veterinari

“IL Gli operatori sanitari vengono istruiti e formati a prendersi cura degli altri, non a prendersi cura di se stessi.Prevenire il disagio emotivo, lo stress e i disturbi mentali nella comunità veterinaria non ha solo un impatto sulla salute, sul benessere e sulla qualità del lavoro, ma rappresenta un impegno per la sostenibilità della professione stessa. Dice lo psicologo Tony Calvopsicologo e direttore della Fondazione Galatea, fondazione che opera per la salute mentale degli operatori sanitari e con la quale il Consiglio collabora dal 2022 nel quadro del programma Assís.

Nell'ambito di questa collaborazione, e con l'obiettivo di fornire ai veterinari le competenze e le abilità necessarie per gestire le proprie emozioni, e quindi strumenti di auto-cura per il proprio benessere emotivo, Diana Barnblett E Natalia Comalerina de SupergrauGli psicologi collaboratori della Fondazione Galatea hanno recentemente presentato un simposio dal titolo “Competenza emotiva e benessere sul lavoro”, organizzato dal Consiglio delle Facoltà di Veterinaria della Catalogna.

Era uno dei partecipanti all'incontro Arianna Garciaun veterinario clinico per piccoli animali, e ciò che l'ha spinta a iscriversi è stato che “A volte, nel nostro lavoro, ci prendiamo molto carico emotivo dalle persone che vengono per una consulenzaNon sappiamo come affrontarlo e finiamo per essere esausti ed emotivamente gravati.” Parlare delle emozioni di base e comprendere le loro funzioni è uno dei primi punti affrontati nel simposio; dopodiché i terapisti hanno suggerito come regolarle attraverso autoregolamentazione e coregolamentazione (cioè grazie alla connessione con gli altri).

“Il seminario mi ha aiutato a riconoscere le emozioni che non sapevo come etichettare e a capire che un modo per progredire nella cura di sé è imparare a individuare e riconoscere cosa ti sta succedendo”, afferma Garcia, che lavora nel campo della cura di sé. In questo senso apprezza molto positivamente gli strumenti che il seminario gli ha fornito, anche “per evitare che cose che non possiamo controllare ci influenzino”.

READ  Contrastano gli attacchi informatici di un gruppo filo-russo durante il voto dell'Eurovision

Mantieni le distanze e non essere eccessivamente comprensivo

Questi strumenti sono chiamati capacità di autoregolazione emotiva. “Nel coaching parliamo di empatia, e ci concentriamo molto sul fatto che non si tratta di mettersi nei panni di un'altra persona, o al suo posto, ma di arrivare a una comprensione razionale ed emotiva di ciò che l'altra persona sta pensando e sentendo . L'altro dipende dalle sue circostanze”, sottolineano Barenblit e Comalerina di Sobregro.l Creando un legame empatico tra veterinario, cliente e paziente, i terapisti credono che “dobbiamo “Mantenere le distanze dal cliente per non entrare in empatia con lui”; non si parla di freddezza, ma di “assumere una prospettiva per comprendere le emozioni dell'altro e poterlo accompagnare e sostenere, ma tenendo conto conto delle loro caratteristiche e caratteristiche”. Senza fare della loro lotta la nostra lotta“.

Un'altra partecipante, che lavora nel campo dell'auditing nell'industria alimentare, ammette che a volte, quando riscontra una violazione, si verificano momenti di tensione. Si è iscritto al seminario alla ricerca di strumenti per affrontare la situazione. Ciò che questo collega ha imparato dal simposio è questo “L'importante è andarsene e lavorare da lì.”. Spiega: “Nel mio caso succede che incontro persone che non rispettano le norme e sono loro che sbagliano, non io. Ora posso capire che sono arrabbiati, ma non con me, bensì con il ruolo che ricopro”.

I confini sono protezione, non divieto

I confini ci regolano; È strettamente correlato al divieto, ma in realtà è protezioneUn semaforo, la ringhiera di un balcone o il guinzaglio del cane sono limiti, ma allo stesso tempo sono mezzi di protezione. “I confini ci danno sicurezza e ci regolano emotivamente perché ci permettono di sapere fino a che punto andremo, cosa possiamo offrire agli altri e cosa ci aspettiamo dagli altri”, hanno commentato Barenblit e Comalerina de Sobregro. Ora, dicono i collaboratori della Fondazione Galatea, mettere insieme questi elementi non è facile: «Bisogna connettersi ai propri bisogni, al proprio lavoro e alle proprie capacità emotive, e spesso non lo facciamo per paura di rimanere delusi. paura del rifiuto, per paura di perdere qualcosa.” ….”

READ  La scoperta della tomba di un bambino centenario in Italia | Scienze e tecnologia

La cosa su cui sono d'accordo è che dovremmo sbarazzarci della paura di chiedere aiuto: “A volte non spieghiamo che abbiamo bisogno di aiuto perché ci sentiamo in imbarazzo, ma dovremmo preoccuparci un po' di ciò che pensano gli altri e pensare di più cosa pensiamo”. Noi stessi”, dice Garcia. In questo senso, per lei, “comunicarlo, il semplice atto di dirlo, di esprimerlo, è davvero un peso da togliersi dalle spalle e un primo passo per andare avanti”.

Per gli psicologi uno dei valori più importanti di tali seminari è la possibilità di scambiare esperienze emotive in un luogo affidabile. “Persone diverse, provenienti da luoghi diversi, che non si conoscono, finiscono per trovare molti problemi, preoccupazioni e ansie comuni, e solo per questo motivo, e rendersi conto che non sono gli unici a soffrire per qualche motivo, ha già un valore terapeutico “, sottolineano.