Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Spagna, Francia, Italia e Grecia spingono per riforme del mercato elettrico

Mercoledì Spagna, Francia, Italia, Grecia e Romania hanno chiesto riforme nel mercato dell’elettricità dell’Unione europea (UE), con Germania, Paesi Bassi e altri sette paesi che aderiscono alla posizione altrimenti protetta dalla Commissione europea. . EFE / Louis Tejido

Bruxelles, 1 dicembre (EFE).- Spagna, Francia, Italia, Grecia e Romania questo mercoledì hanno chiesto riforme nel mercato dell’elettricità dell’Unione Europea (UE), con Germania, Paesi Bassi e altri sette paesi, rispettivamente, in una posizione protetta dalla Commissione Europea (CE).
“L’attuale design del mercato non sarà una fonte per il futuro, quindi una valutazione approfondita dell’idoneità e delle prestazioni del mercato elettrico nazionale per l’orizzonte 2030 dovrebbe iniziare senza indugio”, hanno affermato i cinque paesi in una nota.
Il documento, diffuso prima del panel dei ministri dell’Energia di domani a Bruxelles, è arrivato poche ore dopo Germania, Austria, Danimarca, Estonia, Finlandia, Irlanda, Lituania, Lettonia e Paesi Bassi. Non modificato.
La federazione di questi Paesi del Centro e Nord Europa ha ribadito la propria posizione un mese fa e ha ribadito che interferire sul mercato a fronte di una carenza di gas, riflessa nel prezzo del kilowatt da parte del sistema marginale, minerebbe la sicurezza. Fornitura e sviluppo di prodotti rinnovabili.
Sono in contatto con la Commissione, che ritiene non sia necessario modificare i regolamenti europei per far fronte all’aumento dei prezzi, e si affida all’ultimo rapporto iniziale dell’Agenzia europea per la cooperazione tra i regolatori dell’energia (ACER) per avviare un’eventuale discussione. Cambiamenti da aprile quando l’Organizzazione Europea presenta il suo studio finale.
Tuttavia, il gruppo dei paesi del sud, guidato da Spagna e Francia, ha chiesto “un’attuazione rapida nell’unione energetica di piani già pronti per affrontare i forti picchi dei prezzi dell’energia e del carbonio, concentrandosi sulla ripresa economica. Verde e neutralità del carbonio” .
“Dobbiamo agire a breve termine in modo che i consumatori realizzino i vantaggi delle tecnologie a emissioni zero nei segnali di prezzo, proteggendosi allo stesso tempo dalla crescente volatilità del mercato del gas naturale”, affermano.
Per aprire quel dibattito, che sarà affrontato a livello ministeriale domani, 27, propongono che gli Stati membri possano mettere in atto “meccanismi” pensati a livello europeo per garantire il pagamento dei prezzi dell’energia elettrica che riflettono i costi dell’elettricità del “consumatore finale” .
“Questi meccanismi, in termini di trasferimento di fondi tra produttori e consumatori, non hanno alcun effetto sul funzionamento del mercato all’ingrosso, né incidono sulla classifica qualificante dei diversi impianti di generazione accumulati nel mercato orario dell’energia”, assicurano.
Suggeriscono inoltre che “gli Stati dovrebbero essere autorizzati a implementare servizi di interesse economico pubblico progettati per garantire l’accesso a zero emissioni ai consumatori finali e un’elettricità competitiva che rifletta i costi di produzione di base”.
Al di là del rapporto Acer, chiedono che “le parti interessate siano consultate entro sei mesi per individuare le riforme necessarie nell’attuale mercato elettrico in modo che sia pronto per il futuro e fissi un obiettivo del 55% di emissioni di CO2 entro il 2030”.
Propongono che i termini sugli “accordi dinamici sui prezzi dell’energia elettrica” ​​siano rivisti in modo che i consumatori siano consapevoli dei loro “rischi associati” e legifichino che i consumatori possano chiedere “concessioni di fornitura” che li proteggano dalle variazioni a breve termine dei “prezzi”. Sono incoraggiati i contratti a termine basati sull’energia a emissioni zero.
Infine, occorre agire per affrontare la carenza di gas, “affrontare i fallimenti del mercato” e “garantire un approvvigionamento di gas coerente e sostenibile ai consumatori a prezzi accessibili”, promuovere l’uso e lo stoccaggio del gas naturale liquefatto ed esplorare gli acquisti centralizzati di gas. .

READ  Coronavirus in Italia hoy: registro dei conti cassos el 4 febro