Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Spagna, candidata gratis o ritorno alla routine

Pamplona Concettualmente, la squadra spagnola è tornata alla fase precedente dei suoi grandi successi, iniziata con la vittoria di Luis Aragon all’Europeo 2008 e conclusa con Vicente del Bosque, vincitore nell’edizione 2012 e con in mezzo la Coppa del Mondo in Sudafrica, un notevole risultato calcistico per i padroni di casa di origine spagnola. Concettualmente, tornare sul palco prima di questa gloriosa era significava fare molti giri e fare analisi ponderate sul fatto che la Spagna avesse le corde per superare la barriera dei quarti di finale per un’impressionante competizione per la squadra nazionale. In questi siamo di nuovo.

E visto che siamo di nuovo tra quelli, facciamo una rapida speculazione, perché di più non si può raggiungere. Diciamo che la squadra spagnola prende il primo posto nel suo gruppo, che sembra fattibile. Poi si affronteranno agli ottavi di finale all’Hampden Park di Glasgow, con la terza testa di serie del Gruppo A, B, C o D, ma non di F, la morte, dove almeno tre dei migliori candidati, come Francia, Germania e Portogallo, vengono ammoniti come campioni in carica. Per ovvie ragioni, escludiamo l’Ungheria da qualsiasi considerazione.

E già nei quarti di finale, le possibilità di un concorrente o dell’altro nel crossover sono troppo lunghe per essere dettagliate. Quello che sembra certo è che il vecchio dibattito si riprenderà: la Spagna romperà la barriera dei quarti di finale?

Ciò è stato ottenuto dopo cinque anni (2008-2012) in cui la nazionale spagnola ha utilizzato la palla di carati, una buona maneggevolezza della palla, linee sfalsate e numeri singoli in ogni posizione sul campo che hanno impressionato il mondo intero. Con quel prurito, la Spagna è andata alle finali della Coppa del Mondo 2014 in Brasile, e quei dossi hanno segnato quel periodo. In un girone con Olanda, Cile e Australia come concorrenti, l’allora campione del mondo è stato eliminato al primo scambio. Gli olandesi hanno risposto, ma bene, (5-1) per la finale in Sudafrica e il Cile ha battuto anche la Spagna (2-0), che ha ricevuto solo la consolazione di una vittoria sugli australiani (3-0).

La cosa peggiore è che tutte le personalità illustri, tranne Puyol, furono protagoniste di quel disastro: Casillas, Pique, Ramos, Xavi Hernandez, Xabi Alonso, Busquets, Iniesta, David Silva, David Villa, Cesc Fabregas, Fernando Torres…

Quasi tutti sono tornati a ripetersi a Euro 2016 in Francia, dove è stato dimostrato il declino della grande generazione del calcio spagnolo e il ritiro del suo allenatore, Vicente del Bosque. La sua squadra ha conquistato il secondo posto nel suo girone dopo la Croazia, e nel secondo turno ha perso nettamente contro l’Italia (2-0).

Niente bouquet, trasformazione radicale ل L’appuntamento successivo, il Mondiale in Russia, ha portato lo stesso stallo, scandito anche dal trucco del licenziamento improvviso dell’allenatore Julen Lopetegui e della sua sostituzione con l’irregolare Fernando Hierro, che non si sta allenando più per un sentimento di ironia. .

Poi Luis Rubiales, presidente della Federcalcio spagnola (RFEF) e responsabile del vaudeville, ha scelto di dare una svolta radicale. Luis Enrique riesce come nessun altro ad attirare l’attenzione e l’attenzione dei media, offre intrattenimento sufficiente per i giornalisti con i loro saluti in coda o chiamate e si assume la responsabilità, nella posizione di capitano unico, in attesa della competizione, cioè se è in grado di superare la barriera dei quarti di finale contro la nazionale spagnola. Farlo sarebbe un successo che nemmeno l’analista più ottimista potrebbe immaginare ora.

Ma a differenza degli eventi importanti dell’anno passato e grazie ai disastri in Brasile, Francia e Russia, la Spagna sta partecipando a questo Europeo con poca pressione e con giocatori che escono dai gol oltre l’asticella, ovvero superando l’ottavo posto.

Per espandere l’idea del gruppo, senza nessuno di particolare, Luis Enrique ha provato a lasciare da parte un’altra reliquia del passato, il capitano Sergio Ramos, immaginando che le polemiche non avrebbero avuto modo. Ramos è arrivato giusto, dopo un infortunio a catena dopo l’infortunio, ha 35 anni e anche il suo club, il Real Madrid, sembra aprirgli la porta. Si dice, e per una buona ragione, che l’unico capitano della nazionale spagnola seduto in panchina, il suo nome sia Luis Enrique Martinez, che sta correndo l’Europeo senza alcun giocatore del Real Madrid! In soli due anni, aveva 58 giocatori divisi in quattro portieri, dieci difensori centrali, undici giocatori, undici centrocampisti, quindici attaccanti (centrocampisti, ali o seconde punte), sei attaccanti e Marcos Llorente Versatile, la sua posizione è imprecisa. . Le cose sono chiare, vero?

determinante

Luis Enrique

Grato. Ha iniziato la sua carriera come allenatore nelle serie inferiori del Barcellona, ​​club in cui è tornato, dopo una tournée di Roma e Celta, per mantenere alto il livello competitivo del Barcellona, ​​e nella stagione 2014-15 ha ottenuto il secondo triplete (campionato, campionato, campione) dell’entità, dopo Guardiola nell’anno 2009. La sua forte personalità lo ha fatto scontrare con Messi, ma non ha avuto altra scelta che fare un passo indietro per mantenere la posizione. Ha esordito come allenatore della Spagna l’8 settembre, battendo l’Inghilterra a Wembley. Dopo cinque mesi dall’impatto della morte di sua figlia, quando tornò lo fece in modo provocatorio o brutto con il suo ex assistente e successore temporaneo, Robert Moreno, che aveva rivendicato la posizione.

Muffa

portieri

David de GeaManchester United

Unai SimonAtleta

Robert SanchezBrighton

difese

Jose GayaValencia

Jordi AlbaBarcellona

Pau TorresVillareal

Aymeric LaporteManchester

Eric GarciaManchester

Diego Llorente (Quarantena)Leeds

Cesar AzpilicuetaChelsea

centrocampisti

Thiago AlcantaraLiverpool

Sergio Busquets (quarantena)Barcellona

BollireAtletico Madrid

Marcos LlorenteAtletico Madrid

Danny OlmoLipsia

RodriManchester

Fabian RuizNapoli

Pablo SarabiaParis Saint-Germain

pedryBarcellona

Adama Traorelupi

attaccanti

Alvaro MorataJuventus

Gerard MorenoVillareal

Mikel Oyarzabalcomunità reale

Ferran TorresManchester

READ  Preoccupazione per la salute di Soledad Aquino: ha contratto il Coronavirus