Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Serie A: Giovanni, Simeone con un obiettivo più grande |  Gli sport

Serie A: Giovanni, Simeone con un obiettivo più grande | Gli sport

“Sarà un calciatore, è Simeone”, ha detto un analista dell’Atlético poco dopo che Giovanni (Buenos Aires, 26), il figlio maggiore dell’allenatore del Rojiblanco, ha iniziato a segnare i suoi primi gol a Genova. La prima squadra quando è arrivata in Europa nel 2016. Lo stesso mantra sul significato del cognome si ripete al Cerro del Espino de Majadahonda con il fratellino, Giuliano, che ha fatto il suo ultimo precampionato su ordine del padre ed è stato chiamato con la prima squadra in tre partite di campionato.

Cinque anni dopo, il primogenito Simeones è un noto attaccante della borghesia italiana che è ancora fiducioso che la sua ossessione per il miglioramento e il lavoro lo spingerà a un livello superiore. Nazionale argentino, e ora giocatore dell’Hellas Verona, i quattro gol segnati domenica scorsa contro la Lazio, ex squadra del padre, sono uno di quei traguardi che possono definire prima e dopo. “Mio padre mi ha scritto che mi ha regalato il miglior gioco della mia carriera, che non mi aveva mai visto così e, a parte i gol, non ho mai perso palloni e aiutavo sempre la squadra”, ha raccontato con orgoglio in un’intervista. insieme a Gazzetta dello sport.

La forza nel trascinare in contropiede, la mobilità e la gestione di entrambe le gambe e la testa nel tiro (56 gol dal suo arrivo in Italia) lo hanno aiutato a sfondare la spietatezza della squadra. calcio. Quando era un membro del River Plate, suo padre gli consigliò di andare in Italia per una stagione per affrontare le difficoltà degli attaccanti lì e poi in Spagna. Nemmeno lui stesso poteva immaginare di iniziare la sua sesta stagione in Serie A. Il carattere del croato Ivan Juric, a cui è stato affidato il sostituto nel Genoa, lo ha distinto e lo ha aiutato molto “ad affrontare le partite e a prepararmi”. Tratti per nulla sconosciuti in famiglia.

READ  Di Santo, senza filtro: dai Palazzi a San Lorenzo alla frustrante possibilità di andare a Boca

Le statistiche per questo ciclo finora descrivono il marcatore più preciso in Serie A tra coloro che hanno segnato almeno cinque gol. Per aggiungere alla sua mezza dozzina di gol, Gio Simeone ha avuto bisogno di soli nove tiri ed è l’attaccante che ha bisogno di meno minuti (78) per segnare. Ciro Immobile, il capocannoniere del torneo, ha richiesto 33 tiri per segnare i suoi otto gol e segnare gol ogni 87 minuti.

Si abbina nell’ambiente di Simeone con i tre figli, Jiu è il più simile a un padre in termini di desiderio di agire come un credo in crescita. All’inizio era interessato ad adattare il proprio fisico alle esigenze del calcio italiano, non trascurò il perfezionamento della tecnica e acquisì una tradizione affermandosi “Simeone”. Mentre guarda le partite, scrive nel suo taccuino i suoi studi sulle difese avversarie e sui portieri. “Come non lasciare i tre ragazzini del calcio se mio padre pratica tattica a tavola con bicchieri e piatti!” , come dice spesso. Riguardo al fatto che i tre figli siano venuti alla ribalta, Gio Simeone si riferisce a se stesso come un presunto riferimento. “Non ne abbiamo mai discusso, forse perché sono più grande e mi hanno visto segnare gol o perché quando giocavamo in tre ci piaceva segnare”, ha ammesso intorno a sé. Come suo padre, è un raccoglitore e catalizzatore di energie, anche se forse più precisamente attraverso le sue tecniche di meditazione. Dalla zia Natalia ha acquisito il gusto per il cinema, il teatro e la lettura. Geo non ha mai nascosto la voglia di giocare per il padre, che non prende appunti tattici per rispetto dei suoi allenatori. E in una recente intervista in Argentina, ha immaginato come sarebbe stato l’allenamento con i suoi due fratelli: “A causa del suo fisico, Gianluca (gioca per l’Ibiza) sarà un bufalo, Giuliano, Tiki-taka Correrei ovunque per tutti e tre”.

READ  L'attaccante che ha iniziato la sua situazione in questo momento il Boca aveva più bisogno di lui

Puoi seguire EL PAÍS DEPORTES su Sito di social network Facebook e Twitter, o registrati qui per ricevere Newsletter settimanale.