Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Scaloni non dà indizi sulla squadra nel finale: cinque sullo sfondo o Di Maria al via?

Doha (inviato speciale). – Se c’è un messaggio che questa squadra vuole lasciare in questa città, è che l’unione del gruppo è lo strumento principale con cui devono credere che il sogno di salire ai vertici del calcio mondiale sia a portata di mano. Sono arrivati ​​qui con questa scienza e nell’ultima pratica, durante le prove prima del gran finale, erano convinti che questa fosse l’unica formula. Perché al di là delle speculazioni tattiche che possono diffondersi in questa Università del Qatar, la sensazione che è rimasta emotivamente nell’atmosfera è che la squadra argentina stia attraversando il suo momento migliore. Nella corsa al confronto con la Francia, le energie erano tanto positive quanto si muovevano.

Perché vedere Scaloni da una parte a contemplare il lavoro dei suoi figli e di altri, quelli rimasti fuori dal roster, seduti da una parte del campo è stato il momento perfetto per la foto perfetta. È che l’allenatore aveva a disposizione tutto il suo staff. Aveva già chiacchierato con loro, ed erano tutti d’accordo per quest’ultimo e poi sono andati tutti ad esercitarsi. anche in, Joaquin Correa, Giovanni Lo Celso e Nicolas González si sono uniti al gruppo, ma senza tuta da allenamento: sono rimasti su una delle panchine di proprietà della proprietà e hanno bevuto i compagni.

De Paul, Messi e Paredes uniti dentro e fuori dal campoAnnibale Greco – La Nazione

Nei social network, sono stati responsabili di raddoppiare lo slogan “Siamo tutti insieme”. Lo hanno sempre fatto, e ancora di più quando hanno perso contro l’Arabia Saudita. Questo gruppo è il creatore di questa idea. Mantiene il rito e non lo interrompe. Così, Che ripetere ciò che hanno costruito sulla strada per l’incoronazione della Copa America è ancora una religione qui: un tavolo per mangiare insieme, il barbecue di regola, il torneo acrobatico con tutta la delegazione, la chiacchierata di matematica tra Rodrigo de Paul, Lionel Messi e Claudio Tapia… non è cambiato nulla, tutto è stato migliorato.

READ  Una risposta insolita di Bebo Gorosito allo scandalo del Pallone d'Oro e di Messi

Quindi, in pratica, l’ultimo punto, Scaloni ha voluto ripetere ogni momento e stare da parte quando i suoi giocatori si divertivano “da matti”. L’allenatore ha raccolto la palla e l’ha giocata da una parte all’altra. La prese per un piede, lo sguardo fisso sull’erba, come se si godesse a modo suo quello che stava accadendo. S Non ha dato alcuna indicazione su come intendesse formare la rosa per definire la Coppa del Mondo. Il mistero si è svolto durante tutta la competizione e non poteva esserci altro modo per questa finale. Non una singola informazione per il concorrente.

L’allenatore ha spiegato che il valore di avere un gruppo impegnato è il suo più grande successo in questo Mondiale, ed è diventato chiaro in questo ultimo allenamento, perché Tutti i calciatori sono scesi in campo, si sono concentrati, hanno riso insieme e si sono anche divertiti. Anche se l’incertezza tra gli oltre 500 giornalisti che si sono presentati per assistere all’ultimo allenamento della Coppa del Mondo di Messi era se l’allenatore avrebbe finalmente deciso di mettere Angel Di Maria dall’inizio per la partita al Lusail Stadium.

Un momento di relax, tra Acuña (che tornerà titolare), Dybala, Lautaro Martinez e Molina
Un momento di relax, tra Acuña (che tornerà titolare), Dybala, Lautaro Martinez e Molina
Annibale Greco – La Nazione

Anche se è stata una breve prova, Scaloni ha impiegato un po’ di tempo per far muovere tatticamente la squadra. E in questo scenario, la sua scommessa iniziale non era quella di assegnare la proprietà dell’attaccante della Juventus, ma di assegnare la proprietà Ancora una volta aveva cinque difensori: Nahuel Molina, Cristian Romero, Nicolas Otamendi, Lisandro Martinez e Marcos Acuña.. La sua prima scelta di cambiare è stata togliere Martínez, per costruire la squadra con lui Dici Maria E dare alla squadra una trasferta più offensiva. Scaloni è autentico, perché il tecnico sa di non poter nascondere quello che sta facendo in allenamento, quindi mette in mostra tutta la gamma per non lasciare nulla di certo. Anche se ha ammesso di aver già capito come voleva trattare con la Francia.

READ  Luis Vazquez ha ricevuto la notizia che stava aspettando e l'allarme è scattato al Boca Juniors

Ogni azione di questo gruppo ha una ragione per la sua esistenza ed è legata alla prova che nulla può rompere questa unione. Anche lo stesso Scaloni ha commesso un errore perché i suoi giocatori sanno già chi sarà in campo nella Grand Final, quindi DT non ha paura della formazione che filtra attraverso i suoi ragazzi. E non è un caso che l’allenatore abbia parlato in questo senso, sa di essersi stabilito qui che in alcune occasioni certe informazioni arrivano dagli stessi calciatori o dalle loro famiglie.

Si tratta di capire che in quest’ultima tappa prima del Gran Finale è stato inviato un segnale anche dall’interno. La nazionale argentina è un gruppo affiatato, una squadra convinta dei propri punti di forza ed è chiaro che ‘Todos Juntos’ sta alimentando la più grande speranza che possano immaginare.

Ulteriori informazioni su The Trust Project