Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Rigori, gloria e dramma (Ultimo Tango…)

Rigori, gloria e dramma (Ultimo Tango…)

Un calcio di rigore che ha offuscato la memoria dell’artista del pallone: Roberto Baggio, Divine. Non c’è mai stato un calciatore italiano più raffinato, un bravo giocatore con una spazzolata al piede destro. El Gohary 10. Era puro nel gioco, aveva un’estetica in più e ha migliorato le cose segnando un gol. Ha raggiunto la finale dei Mondiali 94 con lo scintillante striscione del Pallone d’Oro. E a confermarlo ha portato l’Italia in finale con il Brasile, dopo aver segnato cinque gol nelle partite precedenti.

Era il “suo” Mondiale, il torneo che lo avrebbe proiettato nella storia. NO Gianni Rivera, Paolo Rossi, Andrea Pirlo, Francesco Totti, Erano tutti molto indietro rispetto al Divino nel giudizio della storia. Tuttavia, il percorso verso la piena gloria gli ha risparmiato una svolta insidiosa: ha dovuto tirare il rigore cruciale e decisivo.

argomenti correlati

(Dani Alves: Joana Sanz ‘The Treacherous Blow’ pubblica una lettera che gli ha inviato dal carcere)

(Esploso Luis Rubiales contro Tribunale Amministrativo dello Sport)

Italia contro Brasile

alla fine del mondo. Brasile e Italia pareggiarono 0-0 nei tempi regolamentari e decisero il Mondiale con tiri da dodici passi. Il Brasile ha vinto 3-2. Per gli Azzurri mancano già Massaro e Baresi (sì, il formidabile Franco Baresi…). All’Italia restava l’ultima palla: mettere il titolo mondiale o dirle addio. Baggio era uno specialista dei calci piazzati. Era responsabile dei rigori e dei calci di punizione.

E hanno lasciato che fossero gli ultimi a garantirselo perché è una garanzia. Arrivò il suo turno. Sessanta milioni di italiani trattengono il fiato, ma non riescono a contenere il battito del cuore.

Robertino non avrebbe fallito, era un genio. Era serio e concentrato, correva, arrivava basso e la palla decollava come l’Apollo XI, verso il cielo. Troppo forte, troppo forte per essere vero. Tutto il Brasile è esploso di felicità: quattro volte campione. Roberto era paralizzato, guardava l’infinito, cercando di trovare una spiegazione inutile.

Questa deplorevole punizione distrusse la sua popolarità e quasi annientò la sua memoria e la sua eredità. Dopodiché a nessuno importò se fosse il Pallone d’Oro, se si rompesse o se affascinasse il pubblico italiano e mondiale, mandava semplicemente il pallone nella stratosfera, l’unico pallone che non doveva essere. E rimarrà nel suo santuario. È stata sfortuna…? No, la palla non va dove vuoi tu, ma dove la mandi. Ha calciato male la palla, l’ha portata molto bassa e l’ha alzata fino a limiti ridicoli.

READ  L'avvocato Casal ha inviato una lettera al Presidente della Repubblica per le sue dichiarazioni: "E' un evidente turbamento nell'esercizio delle sue funzioni".

I rigori sono in voga in questi giorni (Davinson e James lo sanno). Anche il Mondiale 2022 è stato deciso dai tiri dagli undici metri. L’Argentina ha un portiere specializzato nel fermarli ed è stato un eroe.

Nell’attuale Copa Libertadores, dall’inizio degli scontri diretti ad eliminazione diretta, su 11 partite ci sono stati 4 calci di rigore, ovvero un’alta percentuale del 36,36%, il che significa che l’importanza di una buona esecuzione diventa cruciale per avanzare nel cammino verso la qualificazione alla vittoria. .

Il Boca Juniors ha raggiunto le semifinali, vincendo due fasi ai rigori. I pagamenti sono entusiasmanti, emozionanti e, a volte, di gran lunga superiori al gioco stesso. A volte li costringiamo al pareggio e andiamo ai rigori.

Prima, quando veniva assegnato un calcio di rigore a una squadra, era una festa tra giocatori, staff tecnico e tifosi. Era un bersaglio sicuro. o quasi. Oggi fa parte di ca. Le sanzioni mancate sono quantità industriali. Hai calciato peggio di prima? No, i portieri si sono evoluti in modo straordinario ed è la posizione più avanzata nel calcio.

Questo progresso fu così notevole che la punizione divenne una scienza. I portieri sono gatti, hanno studiato tutti gli avversari e appena il tiro non è forte o perfetto li fermano. Diventa sempre più difficile segnare un calcio di rigore.

“Ai miei tempi i rigori non venivano celebrati”, ha detto. Alfredo Di Stefano-. È stata una cosa molto semplice, l’ho colpito da un lato e ha segnato, I tiratori non si sono nemmeno mossi”. E per poter andare avanti non c’erano problemi.

I calciatori possono fingere, facendo migliaia di piccoli passi prima di calciare e rallentare, ma i portieri non possono avanzare, muovere le braccia o parlare con i tiratori. Devono essere costretti a coprirsi gli occhi con una benda. Anche così, è difficile convertire un calcio di rigore contro di loro. L’arco continua a misurare 2,44 di altezza e 7,32 di larghezza, e si dà il caso che gli attuali portieri siano molto atletici e posati.

READ  Viaggi in Portogallo e Barcellona

Non molto tempo fa – e questo si sente ancora spesso – molti giornalisti dicevano/dicono: “La partita si deciderà con i calci di rigore della lotteria”. Niente da guardare. Se i rigori fossero una questione di casualità, non puramente tecnica ed emotiva Così com’è, l’allenatore sceglie le cinque persone più fortunate che ha in squadra.

Ma no, scegli i tuoi cinque migliori attaccanti. O quelli che sono mentalmente più forti per assumersi una simile responsabilità. La forza mentale è essenziale in questo gioco di torturatori e vittime. Se hai davanti un portiere come Depo Martinez sappi che devi assicurarti del risultato durante la partita e non ricorrere ai rigori. La mente di Debo fluttuerà nell’umore dei banditori.

La punizione è un fatto psicologico oltre che artistico. La cosa strana è che gli stessi che parlano di “lotteria dei calci di rigore” sollevano, come verità biblica, un altro assioma: “Un calcio di rigore ben fatto è un gol”. Allora, dove siamo? È una questione di fortuna o di prenderli a calci nel modo giusto? E la realtà attraversa l’ultima frase: se eseguita in modo efficiente, non diventa altro che il lavoro del portiere.

Un tiro potente e curvo è difficile da coprire, poiché è stato dimostrato che la velocità della palla supera la reazione umana. Forte, ben diretto e inarrestabile. Sergio Goicoechea, “Se la palla va a 50 centimetri dal palo, non c’è modo di farla uscire”, dice l’esperto nell’arte di coprire i calci. Il 99% dei tiri parati sono fallati, dichiarati o al centro dell’arco.

Ciò che è stato omesso è che la definizione dei rigori solitamente non coincide con le capacità e i vantaggi che le due squadre hanno dimostrato durante la partita. Chi ha giocato peggio può essere il migliore ai rigori.

READ  La "sparizione" che nel bel mezzo dell'epidemia ha provocato l'isteria nelle reti

Un’altra voce che circolava era: “Il portiere appare indifeso davanti al plotone di esecuzione”. Al contrario, la pressione è sull’esecutore (chiedi a Baggio).

Il portiere ha tutto da vincere e niente da perdere. Se non para un tiro, non è colpa sua; se ne copre uno, è il numero; Due, il campione, e così via… Ai calci di rigore, un buon portiere è più importante di un buon tiratore. Perché il portiere è in ognuno.

Aspetta fino all’ultimo. Quando la Liga de Quito vinse il campionato Libertadores 2008 ai rigori contro il Fluminense, l’allenatore Edgardo Bauza non sopportò lo stress e andò nello spogliatoio. “Mi ha dato un solo segnale: aspettare fino all’ultimo minuto per vedere dove andava la palla e poi buttarmi lì”. “Ha effettuato tre tiri”, afferma Jose Francisco Cevallos, il portiere eroe del giorno.

Era la strategia di Goicoechea che tutti i portieri dovrebbero usare: non indovinare, aspettare il tiro e poi, sì, lanciarsi. Se il tiro non è abbastanza buono, o se viene morso o finisce in porta, la palla passa al portiere. E molti vanno nel mezzo. I portieri che rischiano il bastone raramente effettuano parate prima di vedere il tiro di un calcio di rigore.

Molte persone sono infastidite da questo tipo di finale del gioco, specialmente quello della missione, ma in qualche modo bisogna rompere il pareggio. Ad oggi nessuno ha suggerito un modo migliore.

Jorge Barraza

per il momento

@jorge barraza ok

(Video: Teofilo Gutierrez perde il filtro e si confronta con il giornalista in conferenza stampa)