Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Rappresentano un gigantesco esopianeta, sei volte più pesante di Giove, in una posizione completamente inaspettata

Pubblicato:

20 aprile 2021 23:01 GMT

La posizione di questo gigante gassoso contrasta con le attuali teorie sulla formazione planetaria.

Un team di astronomi guidato da Alexander Bohn, dell’Università di Leida (Paesi Bassi), ha ottenuto immagini di un gigante extrasolare YSES 2b, situato a 360 anni luce dalla Terra. Il pianeta gassoso orbita a grande distanza attorno a una stella simile al sole, YSES 2, che non è coerente con le attuali teorie sulla formazione dei pianeti.

YSES 2b è, ed è, sei volte più pesante di Giove, il pianeta più grande del sistema solare È distante 110 volte dalla sua stella, dalla Terra, dal sole. Da parte sua, YSES 2 è simile al Sole nei suoi standard, ma è molto più giovane: ha solo 14 milioni di anni, mentre il Sole ha 4,5 miliardi di anni.

La scoperta è stata effettuata nell’ambito dello studio Young Suns Exoplanet (YSES) e supportata dal Very Large Telescope Complex, situato in Cile e dotato di SPHERE, uno strumento spettrofotometrico ad alto contrasto che consente immagini dirette degli esopianeti. La stella YSES 2 è stata annotata il 30 aprile 2018 e l’8 dicembre 2020.

Le grandi distanze tra la stella e il pianeta in un sistema così giovane non si adattano a nessuno dei due modelli più noti di formazione di giganti gassosi. Se il pianeta si fosse formato nella sua posizione attuale, lontano dalla stella e attraverso l’accumulo del nucleo, allora non potrebbe essere di queste dimensioni, a causa della mancanza di materiale nel disco di gas e polvere. E se è creato dalla cosiddetta instabilità gravitazionale in un disco planetario, non sembra essere abbastanza pesante.

READ  La famiglia di fascia media più popolare, rinnovata con 3 opzioni accessibili

È anche possibile che il pianeta si sia formato vicino alla stella, accumulando il nucleo, e poi migrato verso l’esterno. Tuttavia, questo scenario richiederebbe l’effetto gravitazionale di un altro pianeta, che non è stato ancora trovato.

“Investigando più esopianeti simili a Giove nel prossimo futuro, impareremo di più sui processi di formazione di giganti gassosi attorno a stelle simili al sole”. indiano Bohn. Le nuove scoperte sono state pubblicate sulla rivista Astronomia e astrofisica.

Se ti piace condividilo con i tuoi amici!