Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Queste sono le donne che prendono il potere in ‘Mafia Mamma’

Queste sono le donne che prendono il potere in ‘Mafia Mamma’

Nel bel mezzo di una pandemia, Toni Collette ha ricevuto una telefonata da Amanda Steers, la regista e scrittrice di origine francese che l’ha diretta nella commedia drammatica Madame (2017). Gli disse che aveva una sceneggiatura scritta basata su una sua idea originale in cui il trattamento abituale dei film di mafia veniva invertito per dare predominanza ai personaggi femminili, e che avrebbe voluto che lui la rivedesse per farne a meno. quello che volevo

Grazie alla libertà di scelta che le è stata data, l’attrice è diventata famosa per i suoi ruoli in film iconici come “Muriel’s Wedding” (1994), “The Sixth Sense” (1999) e “My Legacy” (2018), come così come nelle popolari serie TV “United States of Tara” (2008-2011) e Unbelievable (2019), è nata l’idea che questo sarebbe stato il suo primo film da regista, qualcosa che aveva in programma da molto tempo.

Ma ha finito per mettere da parte questa possibilità e accettare invece di essere la protagonista, perché la storia davanti ai suoi occhi era troppo complicata per essere il suo debutto su una major, dato che non era solo una commedia, era anche un film. Più di un momento violento, come noterà chiunque si presenti a vederlo nelle sale, dato che è in onda da questo fine settimana.

Ce lo ha raccontato Colette tramite Zoom Connection, riferendosi al regista che si è ritrovato a occuparsi di film come li ricordavo come “Thirteen” (2003) e “Twilight” (2008). “Può fare qualsiasi cosa. È una donna sfrenata con una creatività illimitata e un’energia altamente contagiosa, quindi è stato un enorme sollievo quando ho accettato la posizione”.

In realtà abbiamo fatto un film insieme, “Mi manchi già”. [2015]Ma in questo caso ero così fissato con Drew Barrymore, la mia co-protagonista, che non sono riuscito a conoscerla a fondo – ha proseguito l’interprete – Ora la nostra amicizia si è approfondita. La rispetto molto come regista e ho intenzione di lavorare con lei molte altre volte, poiché questa è stata l’esperienza più piacevole che ho avuto nel cinema”.

Trasformazione del personaggio

Hardwicke, che abbiamo intervistato separatamente, è stato subito entusiasta della proposta. “Quando ho letto la sceneggiatura che Tony mi ha inviato, ho adorato il modo in cui il personaggio principale, Christine, è passato dall’essere una donna debole che tutti ignorano a una donna che scopre la propria forza”, ci ha detto. “Ho anche adorato il fatto che non fosse un sermone femminista su cosa dovrebbe essere maschile e cosa dovrebbe essere femminile, ma qualcosa che ha sicuramente un messaggio, ma dovrebbe essere divertente”.

“Tony è molto divertente e molto positivo; All’inizio è completamente insicura, ma alla fine la vediamo sdraiata sul letto con addosso questi fantastici capi di lingerie italiana”.

READ  È così che oggi Grecia Colmenares compie 60 anni ed è completamente rimossa dalla televisione

Fin dall’inizio, “Mafia Mama” mostra quei cambi di tono indicati dall’attrice: la prima scena mostra un massacro all’ingresso di una villa italiana, e la seconda inizia con il personaggio di Christine che piange a dirotto e urla. …perché tuo figlio è uscito dal college.

“È una persona così adorabile che mette sempre gli altri al primo posto”, riprese Colette. “È una di quelle persone a cui piace così tanto essere una madre. Quando suo figlio se ne va, si sente persa, e non migliora quando scopre che suo marito la tradisce e continuano a trarre vantaggio dai suoi affari .”

Un altro momento del film.

(Via più deprimente)

Ha continuato: “Poi riceve una telefonata inaspettata in cui gli viene detto che suo nonno non sapeva che era morto e che doveva andare in Italia per risolvere alcune cose”. “È nata in quel paese, ma non l’ha mai visitata, e quando è arrivata ha scoperto che suo nonno faceva parte della mafia e che avrebbe dovuto rilevare l’azienda di famiglia”.

Così, l’innocente e adorabile Christine si trova ad affrontare una situazione che non sa come gestire, che ben presto dà vita a una tipica favola da “pesce fuor d’acqua”. “Spesso è sconcertante, perché c’è sempre la possibilità che succeda qualcosa di sanguinoso; ma è anche una bellissima storia su una donna che assume il potere che ha e guadagna gradualmente autonomia”, ha detto Collett.

ha aggiunto l’attrice, prima di riferirsi in qualche modo al ruolo del sindaco che interpreta nella nuova serie di fantascienza “The Force”. “È interessante che ora ho due progetti che, sebbene diversi, trattano argomenti simili”.

La scienza delle donne

Oltre allo sviluppo della trama che gestisce, “Mafia Mama” ha un’ampia partecipazione femminile in campo creativo e interpretativo, che si riflette nei ruoli da protagonista (affidati a Colette e alla star mondiale Monica Bellucci), nella regia (che interpreta in le mani di Hardwicke) e nella scrittura (perché l’idea originale è venuta da Strass).

“I ruoli femminili sono scritti meglio dalle donne perché possono attingere dalle proprie esperienze di vita”, ha detto Colette. “Ma la verità è che abbiamo lavorato con le persone giuste e in modo molto collaborativo, ed è stato necessario perché le riprese sono state così brevi e intense. Non credo nell’assumere qualcuno perché ha una vagina o perché ha un certo colore; va bene farlo, ma l’importante è che siano i migliori della classe.” “.

Esteticamente, Hardwicke voleva anche trovare uno stile che si distinguesse nettamente dai classici della mafia con protagonisti uomini, nonostante il fatto che Il padrino (1972) di Francis Ford Coppola sia citato costantemente nei dialoghi.

READ  Lo annuncia la Warner Bros. Scoperta di una nuova struttura di gestione per l'Europa

“Sono cresciuto guardando quell’epopea, e ovviamente lo adoro, perché amo anche Goodfellas e tutto ciò che ha fatto. [Martin] Scorsese “, ha specificato il regista. “Ma l’idea qui era di mescolare ‘The Bride’ con ‘The Godfather’ o qualcosa del genere. Se stai passando un momento difficile, Il Padrino ha un’illuminazione molto lugubre dal basso. Ma avevamo queste bellissime donne nel cast e volevamo che sembrassero affascinanti e potenti, quindi non volevamo nascondere i loro volti”.

Arma segreta

Come abbiamo già sottolineato, “Mafia Mama” presenta Monica Bellucci, attrice e modella italiana che ha ottenuto il plauso di spettatori e critica per la sua interpretazione di ruoli iconici – e spesso rischiosi – che vanno da una brutale vittima di violenza sessuale in “Irreversible ” (2001) sulla più vecchia ‘Bond Girl’ mai vista in Spectre (2015), interpretando Maria Maddalena nella controversa Passione di Cristo di Mel Gibson (2004).

Nel nuovo film, l’affascinante attrice europea, che ha fatto scalpore nei giorni scorsi per la sua nuova relazione con il celebre regista Tim Burton, interpreta Bianca, la consigliera del clan Baldano a cui appartiene Christine.

In un’intervista separata, Bellucci ci fornisce i dettagli di un ruolo che, storicamente, è stato assegnato agli uomini, e il braccio destro di Don Corleone, Tom Hagen (Robert Duvall), continua a recitare ne Il Padrino. “Sono stata davvero felice di leggere la sceneggiatura, perché mi ha fatto ridere a crepapelle; non potevo credere a quanto fosse divertente”, ci ha detto l’attrice. “Inoltre, sono una grande fan di Tony e sapevo quanto fosse talentuoso lo era, ma non sapevo che avesse così tanta energia nella vita reale. Abbiamo fatto una scena sperimentale e la chimica è stata incredibile”.

Secondo Colette, l’ammirazione è reciproca. Quando gli abbiamo chiesto del suo lavoro con Bellucci, ha risposto: “È un’icona completa!” “Non mi aspettavo che fosse così dolce. Rideva molto con me. Mi piaceva farla ridere. Dato che non faceva molte commedie, mi piaceva molto la libertà che le dava di essere divertente e fare brainstorming, perché abbiamo improvvisato molto”.

Monica Bellucci sul set.

Monica Bellucci sul set.

(Via più deprimente)

“In questo film, Monica è molto elegante e molto misteriosa; non sappiamo molto del passato del suo personaggio”, ha detto Hardwick. [risas]. Ma Bianca è cresciuta circondata dalla violenza e dal pericolo. Non vuoi fare nulla che possa offenderla”.

Ha aggiunto: “È stato molto facile lavorare con Monica, perché è venuta per prepararsi e non si è innervosita quando le ho chiesto qualcosa di nuovo durante le riprese”. “Inoltre, poteva essere molto più contenuta di Toni, che era molto più pazza; ed è proprio questo che ha reso le scene che hanno condiviso così divertenti”.

READ  Michelle Salas e Danilo Diaz condividono le prime foto del loro matrimonio in Italia

Bellucci conferma che l’influenza maggiore nella costruzione del suo personaggio viene dai film sulla mafia che si svolgono in Sicilia, una città che per lei ha un significato speciale perché è stato il luogo in cui è stato girato “Malina” (2000), commedia drammatica, con tocchi erotici di Giuseppe Tornator che l’hanno resa famosa in tutto il mondo.

“Sono rimasto lì per cinque mesi a causa di queste riprese, e non importa di cosa parli la mafia, è la città natale di Giuseppe, che ha anche fatto il Cinema Paradiso”. [1988]Un’altra bella storia siciliana”, ha aggiunto il traduttore, riferendosi questa volta al film, che è considerato uno dei migliori titoli cinematografici di sempre.

Catherine Hardwicke diretto da Monica Bellucci.

Catherine Hardwicke diretto da Monica Bellucci.

(Via più deprimente)

In ogni caso, e nonostante il fatto che dovrebbe svolgersi in Calabria, “Mafia Mama” è stato girato a Roma, una città che Bellucci conosce molto bene, anche se è nato in Umbria – una regione situata nel centro Italia -, trascorre la maggior parte del suo tempo tra Parigi e altre capitali europee.

Ha spiegato che “la mia famiglia è ancora in Umbria, e io vivo a Parigi perché è lì che vanno a scuola i miei figli, anche se passo molto tempo a Roma e lì ho molti amici”. “Questo è stato un motivo in più per fare questo film, perché Roma è una città meravigliosa con un’illuminazione incredibile. Tony e Katherine si sono divertiti moltissimo, mangiando pasta e bevendo del vino”.

Bellucci è consapevole del fatto che, oltre ad essere un film con protagoniste donne, Mafia Mama è diretto da attrici di una certa età, cosa che raramente accade nelle produzioni commerciali hollywoodiane. “Nonostante ciò, è molto eccitante, molto divertente e molto folle”, ha affermato. “Le cose sembrano cambiare nel settore, non solo negli Stati Uniti, perché in Francia stiamo ottenendo sempre più posti di lavoro con grandi attrici. [y maduras]Come Catherine Deneuve, Natalie Bay e Isabelle Huppert. Penso che sia un’ottima direzione”.

In questo senso, Bianca è un personaggio la cui atmosfera misteriosa non contrasta con il suo senso di sensualità, qualcosa che, per esempio, non era nemmeno lontanamente presente nel personaggio interpretato da Duvall, almeno ai nostri occhi. Ha commentato: “È sexy, sì, ma in modo divertente, perché finiamo per vedere che la sua gamba è finta, che è un’idea che è venuta da Katherine”. “E questo non le impedisce di commuovere lo stesso uomo in modi provocatori.”