Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Quali strumenti esistono per monitorare l’ipoglicemia?

Quali strumenti esistono per monitorare l’ipoglicemia?

Javier Delgado e Javier Ina Muñoz.

Rischi vascolari e aritmie associate mancanza di zucchero nel sangue Può essere ridotto nei pazienti diabetici grazie ai progressi Il nuovo monitoraggio e sicurezza di glucosio e insulina offerti dagli ultimi farmaci. Così si è mostrato Javier Ina Muñoz, addetto al Servizio di Medicina Interna dell’Ospedale Marina Baixa (Villajoyosa, Alicante), durante la sua presentazione in Sedicesima riunione del Gruppo di lavoro su diabete, obesità e nutrizione della Società Spagnola di Medicina Interna (SEMI).

Abbiamo strumenti Migliorare la diagnosi del diabete Più sicurezza e questo deve provare Diffusione a tutta la popolazione. Abbiamo strumenti migliori per il trattamento, la diagnosi e la prevenzione e dovrebbero essere utilizzati nella maggior parte dei pazienti diabetici”, afferma Ina Muñoz.

Un’affermazione che nasce dal ‘ritardo’ tra il progresso e la prescrizione che molti professionisti della salute eseguono nella loro vita clinica quotidiana.. Stiamo ancora aspettando che il suo utilizzo diventi generalizzato Perché il breakout della prescrizione può ancora essere migliorato. Ci sono molti pazienti che potrebbero trarre beneficio da questi farmaci, ma sono con i farmaci più vecchi, che controllano il glucosio, ma non riducono la mortalità”, spiega l’internista.


Significativi “progressi” nell’ipoglicemia negli ultimi cinque anni

Secondo l’esperto di diabetologia, il panorama è cambiato drasticamente negli ultimi cinque anni grazie alla possibilità di monitoraggio, insulina e nuovi farmaci. “I nuovi farmaci sono più sicuri perché Ridurre il rischio di ipoglicemia e migliorare la prognosi Con un minor numero di casi di infarto miocardico, incidenti cardiovascolari e morti improvvise”, spiega Ina Muñoz.

Un internista definisce l’ipoglicemia come: L’effetto collaterale “più spaventoso”. Prevenire il trattamento del diabete perché “influisce in modo significativo” sulla qualità della vita del paziente e perché consuma molte risorse sanitarie. “Ci sono molti casi di assenteismo per ipoglicemia e, soprattutto, se devono andare in ospedale e influisce anche sull’aderenza alla cura che cura il diabete. Pertanto, è un effetto negativo che dovrebbe essere prevenuto”.

READ  Rapporto sulla salute pubblica sul Coronavirus n. 432

Per questa prevenzione, Ena Muñoz evidenzia l’emergere di nuovi farmaci che sono altamente attivi nell’abbassare i livelli di glucosio e hanno rischi di ipoglicemia inferiori rispetto a quelli finora conosciuti, come l’insulina umana e le sulfoniluree. “Questo è rimasto Vai sullo sfondo A causa del rischio di sviluppare ipoglicemia”, afferma l’internista.

L’ipoglicemia è comune nei pazienti con diabete di tipo 1 e di tipo 2 con dosi multiple di insulina. Tuttavia, questi sono diminuiti in modo significativo grazie ai progressi nel trattamento. “Notizia Insulina di terza generazione Sono ancora migliori degli analoghi dell’insulina. Lo specialista sottolinea che è stato un progresso molto importante per ridurre i rischi.

Prevenire le aritmie con il monitoraggio remoto

Un effetto dell’ipoglicemia è un prolungamento dell’intervallo QT sull’elettrocardiogramma. “Questi pazienti hanno Il rischio di sviluppare una grave aritmia cardiaca Con comune tachicardia o fibrillazione. Questo può portare alla morte improvvisa, motivo per cui è così importante prevenire l’ipoglicemia”, spiega Ina Muñoz.

Come ha spiegato l’internista, il rischio di soffrire di questo è maggiore nei pazienti che soffrono di ipoglicemia frequente, perché bloccano la risposta dell’organismo ad essa. Quindi sono dentro Rischio di sviluppare aritmia Senza alcun precedente sintomo di ipoglicemia.

Attualmente, per i diabetici di tipo 1 particolarmente a rischio, esistono aSistema di monitoraggio continuo di glucosio. Ciò consente, attraverso un dispositivo posizionato sulla pelle e con una relativa applicazione, di controllare l’ipoglicemia in ogni momento. È stato un progresso significativo”, spiega lo specialista, che assicura che i pazienti che utilizzano questo strumento di monitoraggio continuo frequentemente (più di 30 volte al giorno) hanno un migliore controllo glicemico e una significativa riduzione del tempo e della frequenza dell’ipoglicemia.

Sebbene possa contenere dichiarazioni, dichiarazioni o note di istituzioni sanitarie o professionisti, le informazioni nella scrittura medica sono curate e preparate dai giornalisti. Raccomandiamo al lettore di consultare un professionista della salute per qualsiasi domanda relativa alla salute.