Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Primoz Roglic, il guerriero che ha superato tutti gli ostacoli per vincere il Giro d’Italia 2023

Primoz Roglic, il guerriero che ha superato tutti gli ostacoli per vincere il Giro d’Italia 2023

Primoz Roglic (Turboveli, 33), vincitore del Giro d’Italia e di una tripla Vuelta, è un’aquila del ciclismo a pieno titolo. Si potrebbe anche considerare una fenice che riappare sempre, anche se non diventa mai pura cenere. Ha appena lasciato la Roma in maglia rosa. Dal 2021, con il ruolo dello spagnolo, non ne ha vinte di importanti. Ora aggiungi il quarto. Le decisioni e la genetica dell’aquila slovena lo hanno reso possibile.

Roglic ha un logo personale sul proprio sito Web che riflette una ruota di bicicletta con le ali. Il vincitore del Giro ha volato da giovane sugli sci fino a 22 anni, poi ha continuato a volare; Prima in silhouette, poi in bicicletta. L’ambizione regna sovrana nell’Aquila slovena, nata dalla sfida personale e affinata dall’azione.

L’aquila reale americana vive fino a 70 anni, ma per raggiungere questa età, intorno ai 35 anni, deve prendere una decisione, perché i suoi artigli e il suo becco non hanno più abbastanza potenza per catturare la preda. Le alternative sono affrontare la morte o sottoporsi a un processo di rigenerazione di 5 mesi per recuperare le forze.

Il roguelike non si arrende mai
Roglic non si è mai esaurito del tutto, ma negli ultimi anni ha alternato successi a gravissime battute d’arresto. Il suo percorso non ha mai smesso di prendere slancio, nemmeno quando era saltatore con gli sci, doppio atleta, né quando ha iniziato a pedalare a 21 anni, quando nessuno credeva in lui. Qualche difficoltà lo rallentava, ma era sempre più forte, come le aquile.

Appena dopo 10 anni in cui si è dedicato seriamente al ciclismo, il suo curriculum parla da solo: 3 Giri di Spagna, 2° posto al Giro 2020, Giro d’Italia, Liegi Bastogne, 2 Giri dei Paesi Baschi… Alcuni traguardi all’insegna dell’ambizione personale per Roglic, che già sognava tanto quando non era nessuno e nessuna squadra lo voleva in mezzo a loro perché non veniva dal ciclismo ed era troppo vecchio per iniziare a pedalare.

READ  L’Italia diventa una fortezza finanziaria per i calciatori

Tipo sensibile, metodico e freddo, lo sloveno non può dirsi scostante perché non sorride facilmente in pubblico o davanti alla stampa. Preferisce essere discreto ed esprimersi in viaggio.

Una sfida continua alla concorrenza
Roglic è diventato un ciclista intorno a Lubiana, nel Continental Team Radinska, dove è entrato nel 2012. L’ex ciclista sloveno Andrej Hauptmann, medaglia di bronzo della Coppa del Mondo 2011, era a capo della squadra giovanile e delle 23 sotto-squadre di questa squadra. Fu il primo a sentire l’ostilità.

“Mi ha detto che aveva smesso di pattinare, che aveva scoperto il ciclismo e che voleva diventare un professionista. Pensavo fosse impossibile, ma lui ha insistito. L’ho mandato nella squadra amatoriale e gli ho detto che doveva comprare una bici E Ha pagato la licenza e che questa gli sarebbe costata 5.000 euro. Era una spiegazione per togliermi di dosso, ha ricordato Hauptmann.

Beh, non se ne è sbarazzato e ha ricevuto una telefonata da Roglic: “Ciao, sono Primoz Roglic, ti ricordi di me? Ho i soldi e la moto”. Ha chiesto al padre 5.000 euro ed è andato a lavorare in un supermercato per alzare la cifra.

Il tecnico stentava a credere di vedere i primi passi di questo progetto di vialetto. “Arrivava con la bici della Wilier, che pesa un chilo in più delle concorrenti. Ricordo che cadeva spesso, non sapeva mangiare in bici, né togliere la carta dalle sbarre, era una specie di disastro. Da dilettante non vinceva grandi gare”.

Gli studi non hanno contattato Roglic. Ha studiato alla High School of Economics di Kranj e poi al College of Business Studies. Non ha mai continuato a collezionare certificazioni, e ha preferito cimentarsi per 6 mesi nel team Adria Mobil e diventare un professionista.

Primoz Roglic, ciclista sloveno della squadra Jumbo-Visma.

Immagini Getty

“Ha fatto dei test impressionanti, lo abbiamo ingaggiato, ovviamente, e ha trascorso due anni con noi. Ricordo che per lui ogni gara era definitiva, ha dato tutto”, commenta l’allora capitano della squadra, Bogdan Fink.

READ  Morata: "Ci sono stati giorni in Coppa dei Campioni in cui mi sono svegliato e non avevo voglia di fare niente" | Gli sport

Roglic è approdato già nel 2016 nella sua squadra attuale, allora chiamata Lotto Jumbo. Al Giro d’Italia di quell’anno, 2016, vinse la cronometro di 40 km e fu così dichiarato campione nazionale.

Nel 2017 si è accorto di un’altra vittoria di tappa al Tour, il Giro dell’Algarve, due tappe nei Paesi Baschi e un argento mondiale contro il tempo. Un anno dopo ha vinto di nuovo al Tour, un generale rumeno e Paesi Baschi.

Era già infuocato, fino a quando non è stato dichiarato vincitore del suo primo major alla Vuelta 2019. Ha anche ottenuto un altro premio d’oro: diventare il padre di Leo.

Nel Tour de France 2020 l’obiettivo era la maglia gialla a Parigi. Lui e la sua squadra hanno dominato la gara e per 10 giorni è stato il leader, ma il penultimo giorno è stato interrotto dal suo connazionale di 21 anni Tadezh Pogacar. Fu secondo in quel dannato processo a La Planche des Belles Filles.

Un colpo terribile per Roglic, ma è durato quel pomeriggio e nient’altro, perché l’aquila non smette mai di volare. Nel 2020 fa doppietta al Pandemic Tour e vince con Ezzolea. Nel Tour 2021, altra sorpresa: è partito dall’ottava tappa trascinandosi dietro il dolore della caduta del terzo giorno. Nel 2021 ha fatto la storia con il trio alla Vuelta.

Nel 2022, più amari. Vinse la Parigi Nizza e il Delfinato, ma rinunciò nuovamente al Tour alla sedicesima tappa schiacciato da una caduta. Un altro incidente alla Vuelta lo ha eliminato dal round spagnolo. Non era il suo anno, ma cercava il riciclo per affilarsi le unghie, come un’aquila.

READ  La Russia può qualificarsi in alcuni Giochi Olimpici.

Il volo vincente nella giornata decisiva
Nel 2023 le cose non potevano iniziare meglio per Roglic, vincendo la Tirreno-Adriatico e la Vuelta a Catalunya come antipasto prima del Giro, arrivando subendo una bagarre con il campione del mondo e Touring Remko Evenpoel.

Il duello c’è stato ma Coffe ha dominato il giovane belga prima della decima tappa quando indossava la maglia rosa. Senza arcobaleno, la resa dei conti del Giro è stata incentrata su tre uomini: Geraint Thomas, Roglic e Joao Almeida.

La leadership ha preso il sopravvento Thomas, leader per quasi metà del Giro, ma Roglic, che sapeva meglio di chiunque cosa potesse significare il tempo della scalata del Monte Losari, ha tenuto nella manica la carta vincente.

Non ha brillato sulle cime del Monte Crans, del Monte Bondone o delle Tre Cime di Lavaredo, ma l'”Aquila” slovena si è presentata il giorno dello sbarco all’ora H, l’ora in cui affonda gli artigli nella preda che tutti inseguivano : il Giro d’Italia. Il viaggio di Roglic continua. Al Tour?, alla Vuelta?. In entrambi è previsto.