Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Pjanic, incompreso da Koeman, conclude il processo di uscita dal Barcellona

Difficile capire la condizione Miralem Pjanic Nel FC Barcellona. Un anno fa i blaugrana si sono sbarazzati di un progetto futuro come Arthur Melo (all’epoca 24enne) in uno scambio per il centrocampista bosniaco, che ha aggiunto altre sei primavere. L’idea per la direzione atletica si basava sulla prestazione istantanea che Pjanic poteva portare nella classifica di Ronald Koeman. Il centrocampista ha giocato le sue ultime stagioni alla Juventus a Torino prima di difendere per formare il sistema offensivo degli italiani. Il parallelo con Sergio Busquets era chiaro e Si sperava che potesse dare una pausa all’hub con garanzie. Ma c’erano differenze, soprattutto nelle posizioni difensive dei bosniaci – Pjanic giocava circondato da interni rocciosi dello stadio come Matuidi o Khedira in Italia – che non avevano nulla a che fare con questo. Con la capacità di intercettazione di Busi.

Griezmann è tornato nella sua zona di comfort

Alberto Ramirez

Le sfumature non erano molto importanti per Koeman, che non ha cercato di integrare Pjanic nel suo sistema. Le occasioni del bosniaco parlano da sole: 13 partite da titolare per tutta la stagione e 1.295 minuti in totale. Nella stagione precedente ha difeso la maglia della Juventus, giocando 3350 minuti. “Ci sono molti giocatori”, ha detto l’allenatore olandese. A pochi giorni dalla chiusura del mercato, un cenno alla situazione in cui si trovano sia Pjanic che Umtiti, due delle forze lavoro più pagate. Ed è stata sperimentata fino all’ultima giornata con la possibilità di un ritorno a Torino – il giocatore è arrivato ad esprimere la sua voglia di tornare sui social rispondendo ai tifosi bianconeri, sconvolti dall’anno in panchina – ma c’era nessun accordo. Anche la versione di prova funziona Il Siviglia è entrato in scena all’ultimo minuto, che non ha falsificato i 12 milioni che costituivano il suo stipendio.

READ  indipendente vs. Central Cordoba, Pro League: gol, sintesi e polemiche

Quando tutto sembrava affidato ai residenti bosniaci, almeno fino a gennaio, nel capoluogo di provincia, il mercato turco ha finito per regalare una vita in più. Pjanic lascia il Barcellona per almeno una stagione, Senza poter festeggiare un solo gol con la maglia blaugrana… o distribuire un assist. Il Besiktas ha rapito il giocatore con un annuncio ufficiale arrivato poco prima delle 12, per poterlo iscrivere in Champions League. Il giorno prima, Pjanic ha iniziato con la Bosnia nel pareggio per 1-1 con la Francia, lasciando campioni della sua efficienza.

Pjanic difende la maglia bosniaca. (F)

Il comportamento di Pjanic durante il suo anno difficile al Barcellona è stato impeccabile. Le lamentele pubbliche erano rare e rispettate, ed è stato evitato il confronto con l’allenatore o il club. Anche Koeman ha apprezzato la professionalità di cui ha goduto il bosniaco durante l’estate. L’inizio di stagione per lui è stato tetro. Senza convocazioni nelle prime due partite di campionato, in attesa che arrivi un’offerta, e senza partecipare contro il Getafe nonostante facesse parte del roster. All’età di 31 anni, Pjanic era ancora un calciatore attraente ed era fiducioso di far posto al mercato turco o russo, come è successo. È il dodicesimo giocatore a lasciare il Barcellona quest’estate. A differenza di UmtitiL’aspetto fisico del centrocampista non è stato un problema da mostrare.

chirurgia plastica mali

Il commercio che includeva Pjanic e Arthur non ha lasciato nessuno indifferente. Il club spagnolo era scontento della posizione del promettente centrocampista brasiliano negli ultimi mesi della loro relazione, ma è riuscito a ottenere 72 milioni di euro per lui. Ovviamente, il processo era una bufala. Il Barcellona pagherà 60 chilogrammi per il 30enne centrocampista bosniaco. La valutazione di entrambi gli attori in questo movimento è stata significativamente superiore al mercato, il che ha permesso di bilanciare i conti su entrambi i lati della connessione. Questa situazione provoca La firma di Pjanic è all’ottavo posto nella storia del Barcellona.

READ  'Sembrava completo': Diego Valencia rivela i grandi progressi che ha fatto in Italia
Fotografia: giornalista Simon Cooper di Latina.  (Alejandro Martinez Felice)
Il giornalista che si è intrufolato nel Barcellona racconta la sua discesa all’inferno: “Era inevitabile”.

Carlos Barragan Foto: Alejandro Martinez Velez

Nello sport, nessuna delle due squadre coinvolte era soddisfatta. “Non so cos’altro devo fare per giocare (…) ho bisogno di giocare tre o quattro partite di fila per apprezzarmi un po’ di più”, ha detto Pjanic a dicembre. Intervista a “El Pais”. Quelle opportunità non sono arrivate, dato che è stato scelto come uno degli ultimi centrocampisti a girare – al livello di Riqui Puig-. Arthur Melo ha avuto un vantaggio alla Juventus a Torino, chiudendo un anno disastroso per le aspirazioni competitive degli italiani, che non celebravano lo scudetto per la prima volta dal 2010-11. Il ritorno in panchina di Allegri, e l’assenza di Pjanic, sono le migliori notizie per il brasiliano, che sta recuperando dal passaggio in sala operatoria a causa di una calcificazione alla gamba destra.