Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Più TV, meno concorrenti: Hollywood si avvicina all’oligopolio

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 maggio 2021 – 13:09

Javier Romualdo

Los Angeles (USA), 30 maggio (EFE). Più schermi, migliore internet, meno concorrenza: se nel 1980 c’erano decine di mezzi di comunicazione, ora solo sei colossi controllano il 90% delle reti televisive e degli studi di Hollywood, il nuovo territorio che aziende tech come Apple e Amazon vogliono conquistare.

L’annuncio della fusione di Warner con Discovery Group e l’acquisto da parte di Amazon di Metro-Goldwyn-Mayer (MGM) ha suonato un campanello d’allarme. I marchi sono concentrati nelle mani di pochissime persone, il che è particolarmente spinoso nel mondo dei media.

L’acquisizione di MGM Studios (ancora in fase di approvazione) arriva mentre i regolatori statunitensi stanno indagando su Amazon su presunte pratiche monopolistiche.

E nello stesso mese si è svolto un processo per lo stesso contro Apple, che aveva appena iniziato il suo viaggio a Hollywood grazie a contratti milionari con Martin Scorsese, Oprah Winfrey e Jennifer Aniston.

Rappresentanti di ogni schieramento politico mettono in guardia da tempo sui pericoli di una mancanza di concorrenza nel mercato della tecnologia, problema provato anche nell’industria dell’intrattenimento.

Più TV che mai, meno concorrenti

Questo problema è strano perché la stragrande maggioranza degli spettatori ha la sensazione che ci siano più programmi TV che mai.

Il 2019 si è concluso con 532 serie in anteprima negli Stati Uniti, secondo un rapporto di FX Channel del New York Times. Nel 2009 i lanci sono stati meno della metà, per un totale di 210.

La televisione sta vivendo una bolla gonfiata dallo “streaming” che ha frenato la pirateria e attirato l’attenzione della Silicon Valley, ma ha anche ridotto la concorrenza tra le imprese.

READ  L'Ambasciata d'Italia presenta la bussola "La Guida Italia 2021" che ogni italiano in Venezuela dovrebbe avere |

La rivoluzione è iniziata nel 2013, quando Netflix ha deciso di smettere di essere un contenitore per altri studios per filmare e rilasciare le prime due serie originali: “House of Cards” e “Orange is the New Black”.

Meno di un decennio dopo, la piattaforma ha dozzine di romanzi propri in paesi come Regno Unito, Francia, Spagna, Italia o Turchia, posizionandosi come leader in tempi record.

Il successo del suo modello – produzione, fotografia, pubblicità e vendita diretta al consumatore – ha portato i principali studi cinematografici a concentrarsi sempre più sul piccolo schermo ea imitare un “modo di fare affari” basato sull’obiettivo.

Disney, i Titani godono del potere in tutto il mondo

La Disney è il miglior esempio. Per anni, la società di Topolino ha acquistato studi più piccoli: Lucasfilm (Star Wars), Marvel, Pixar, Miramax… e nel 2019 ha completato la sua crescita travolgendo uno dei grandi di Hollywood, 21st Century Fox e i suoi marchi associati. Scout e National Geographic.

La società ha ottenuto che la sua piattaforma “live” Disney+ ha superato i 100 milioni di abbonati in un solo anno. Il servizio riunisce marchi di famiglia come Pixar, fenomeni prodotti in serie come la serie Marvel e blockbuster come “Nomadland”, che ha vinto l’Oscar di quest’anno per il miglior film.

Grazie a queste operazioni, Disney controlla anche altre due piattaforme negli Stati Uniti, Hulu ed ESPN, oltre al marchio Star in Europa, Asia, Oceania e America Latina.

Attenzione, internazionale, fondamentale contro Disney

Per competere con un tale conglomerato, il resto ha risposto rapidamente e ha concentrato i propri marchi a passi da gigante.

Nel 2018, AT&T ha acquistato TimeWarner, che include, tra le altre cose, gli studi della Warner Bros.. e HBO e CNN. Ma dopo tre anni il processo non basta e AT&T fonderà questa divisione con Discovery Group, che possiede il marchio Eurosport e i diritti di trasmissione dei Giochi Olimpici in Europa.

READ  Angelina Jolie ha parlato della paura che ha provato durante il suo matrimonio con Brad Pitt: "Temevo per la sicurezza di tutta la mia famiglia".

Questo porterà alla nascita di un altro gigante dei media simile a Comcast, che nel 2013 ha acquistato azioni di proprietà di General Motors in NBCUniversal, un marchio focalizzato su Universal Studios (Jurassic World, Fast & Furious), NBC e piattaforma di streaming Peacock.

Da parte sua, nel 2019, Viacom (MTV, Nickelodeon) si è unita a CBS e Paramount Studios sotto lo stesso ombrello.

Amazon e mele, catturano i più piccoli little

In questo contesto, Metro-Goldwyn-Mayer (MGM) è stato uno dei pochi studi a rimanere libero, anche se la sua resistenza si è fatta sentire e ha accumulato ingenti debiti.

Apple si è inizialmente interessata all’acquisto, ma la trattativa non ha funzionato. Infine, Amazon, che ha già un proprio studio, ha vinto il premio con cui aspira ad aumentare il proprio potere.

Sony Pictures, che dieci anni fa era un gigante a Hollywood, ora è una guerriera di medie dimensioni e ha appena firmato un accordo con Netflix per distribuire le sue prossime uscite.

Più TV, ma meno persone. EFE

© EFE 2021. È espressamente vietata la ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi Efe, senza il previo ed espresso consenso di EFE SA.