Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Per la prima volta, gli scienziati sono stati in grado di coltivare piante sul suolo lunare

Il suolo lunare utilizzato per l’agricoltura è stato raccolto durante le missioni Apollo 11, 12 e 17 sulla luna (Foto: UF/IFAS Tyler Jones)

Una delle più grandi incognite per gli astronomi era se qualcosa sarebbe emerso dal solido suolo lunare, con l’obiettivo di scoprire se questo materiale roccioso potesse essere utilizzato per coltivare cibo in futuro. Questa domanda ha recentemente ottenuto una prima risposta incoraggiante: i ricercatori dell’Università della Florida Piantarono piante sul suolo lunare, per la prima volta nella storia dell’uomo e una pietra miliare nell’esplorazione della luna e dello spazio.

un gruppo Università della Florida Mostra che le specie vegetali possono germogliare e crescere con successo sui materiali lunari. Il loro studio ha anche esaminato come le piante rispondono biologicamente al suolo sulla Luna.conosciuto anche come regolite lunare, che è fondamentalmente diverso dal suolo terrestre. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Biologia della comunicazione.

“Le piante crescono nel suolo della luna. Davvero? Robert Ferrell dell’Institute of Food and Agricultural Sciences (UF/IFAS) dell’Università della Florida. Ferrell e colleghi Hanno piantato una specie di Arabidopsis thaliana Nel suolo lunare, è stato portato sulla Terra dagli astronauti dell’Apollo 11 Neil Armstrong e Buzz Aldrin e da altri astronauti. Tutti i semi sono germogliati.

Piante di Arabidopsis 6 giorni dopo la semina (Foto: UF/IFAS Tyler Jones)
Piante di Arabidopsis 6 giorni dopo la semina (Foto: UF/IFAS Tyler Jones)

Questo lavoro è Il primo passo verso un giorno la coltivazione di piante per cibo e ossigeno sulla luna o durante le missioni spaziali. Questa indagine arriva immediatamente quando il programma Artemis prevede di riportare gli umani sulla Luna.

Rob Ferrell, uno degli autori dello studio e professore di orticoltura presso Istituto di scienze agrarie e alimentari dell’Università della Florida.

READ  Il telescopio spaziale Webb invia le sue prime immagini sulla Terra

Le piante hanno contribuito a dimostrare che i campioni di suolo prelevati dalla Luna non contenevano agenti patogeni o altri componenti sconosciuti che avrebbero danneggiato la vita sulla Terra.Ma quelle piante erano solo polvere nella regolite lunare e non erano mai state coltivate in esse”. Anna Lisa Poole, anche una delle autrici dello studio e Professore di Ricerca di Scienze dell’Orticoltura presso UF/IFAS.

Il Arabidopsi È ampiamente usato nelle scienze vegetali a causa di Il tuo codice genetico è completamente impostato. La coltivazione dell’Arabidopsis nel suolo lunare ha consentito ai ricercatori di comprendere meglio come il suolo influenzi le piante, fino al livello di espressione genica.

Il terreno respingeva l'acqua (era idrofobico), facendo accumulare acqua in superficie.  È stata necessaria un'efficace agitazione del materiale con l'acqua per rompere la resistenza all'acqua e inumidire uniformemente il terreno (Foto: UF/IFAS Tyler Jones)
Il terreno respingeva l’acqua (era idrofobico), facendo accumulare acqua in superficie. È stata necessaria un’efficace agitazione del materiale con l’acqua per rompere la resistenza all’acqua e inumidire uniformemente il terreno (Foto: UF/IFAS Tyler Jones)

A livello genetico, le piante dispongono degli strumenti che solitamente vengono utilizzati per affrontarle Fattori di stress, come sale, minerali o stress ossidativoquindi possiamo concludere che le piante considerano stressante l’ambiente del suolo lunare.” “Come ultima risorsa, Vorremmo utilizzare i dati di espressione genica per aiutare ad affrontare come possiamo migliorare le risposte allo stress a un livello in cui le piante, in particolare le colture, possono crescere sul suolo lunare con un impatto minimo sulla loro salute.“.

Più il suolo è esposto al gradiente cosmico e al vento solare sulla Luna, peggiore sarà la situazione per le piante. Il Campioni dell’Apollo 11 – Altri 2 miliardi di anni saranno influenzati dall’età della superficie del Mare della Tranquillità – Era il meno favorevole alla crescitasecondo gli scienziati.

READ  Xiaomi Smart TV cala di prezzo e si avvicina ai 200 euro

potrebbe essere la soluzione Approfittando di luoghi geologicamente nuovi sulla Luna, come i flussi di lava, per scavare terreno per l’agricoltura. L’ambiente può anche essere modificato, cambiando la miscela di nutrienti o regolando la luce artificiale.

Circa 382 chilogrammi di roccia lunare e suolo sono stati portati da sei equipaggi delle missioni Apollo.. Alcuni dei campioni iniziali di polvere lunare sono stati spruzzati su piante in quarantena con gli astronauti a Houston dopo il loro ritorno dalla luna.

Questo lavoro è un primo passo verso la coltivazione di piante per cibo e ossigeno in un giorno sulla luna o durante i voli spaziali (UF/IFAS/Handout via REUTERS)
Questo lavoro è un primo passo verso la coltivazione di piante per cibo e ossigeno in un giorno sulla luna o durante i voli spaziali (UF/IFAS/Handout via REUTERS)

La maggior parte dei campioni è rimasta con accesso limitatoche ha costretto i ricercatori a sperimentare terreni simulati fatti di cenere vulcanica sulla Terra.

La NASA ha finalmente fornito 12 grammi di suolo lunare agli scienziati dell’Università della Florida all’inizio dello scorso anno. La coltivazione prevista è avvenuta lo scorso maggio in laboratorio. Questo terreno è stato raccolto durante le missioni Apollo 11, 12 e 17 sulla luna. Paul e Ferrell hanno presentato domanda per tre volte nel corso di 11 anni per l’opportunità di lavorare con la regolite lunare.

Il momento per un simile esperimento è stato finalmente opportuno, ha affermato la NASA, poiché l’agenzia prevede di inviare nuovamente gli astronauti sulla Luna in pochi anni. La situazione ideale, hanno affermato gli scienziati, è che i futuri astronauti possano utilizzare il suolo lunare per l’agricoltura in serra, piuttosto che dover creare un sistema idroponico che si basa solo sull’acqua.

“Il fatto che sia saltato fuori qualcosa significa che abbiamo già un buon punto di partenza e ora la domanda è come possiamo migliorarlo e migliorarlo”, ha affermato Sharmila Bhattacharya, uno scienziato del programma di astrobiologia della NASA. ione.

READ  Come sarà la prossima missione su Venere?: la NASA ricrea il viaggio in un nuovo video

* Con informazioni da AP

Continuare a leggere: