Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nuovi volti nello Specialty Coffee

Non è la prima volta, e non sarà l’ultima, a Guía Hedonista, andiamo dalla caffetteria all’angolo per entrare in uno spazio – generalmente ben arredato – dove il caffè ha un’origine controllata, viene coltivato secondo le regole del rispettare l’ambiente, lavorarlo e tostarlo, è una scienza e una preparazione, un’equazione fissa e una buona soluzione. Questi quattro progetti, Tallat, Elixir Coffees, Have Bean e Flying Bean, rendono il caffè più di una semplice misura di sollievo per il sonno.

Taglio del caffè

Calle de la Barraca 25. El Cabanyal-Canyamelar.

Questo pezzo è composto da due componenti, Lorenzo S Jessica. Lui è di Napoli, Italia. Lei, di Valencia, è dove si sono conosciuti. “Sono italiano ed è per questo che pensano che la mia ispirazione sia l’Italia, ma no. Vivevo a Londra e ho conosciuto le specialità di caffè lì. Mi sono sempre sentito ansioso e l’idea di tornare in questo quartiere. Ero non attratto dal mercato del lavoro di Valencia, è noioso, ecco perché The job è stato inventato. ”Nel novembre 2019 hanno inaugurato questo progetto che è iniziato con un carretto nel mercato gourmet all’aperto, fino a quando non è stato creato.

“La zona è meravigliosa. I clienti stranieri chiedono cose più speciali e ci incoraggiano a sperimentare. Poi ci sono quelli che non hanno conoscenze di specialità di caffè, e che fanno anche i lavori più interessanti perché c’è un compito educativo. Ecco perché abbiamo due macinacaffè, uno dall’aspetto più tradizionale e l’altro dall’aspetto più complesso. Sto correndo dei rischi, ma ho le idee chiare su quello che voglio fare “.

Lorenzo si è formato alla Artisan Coffee School, ha partecipato a diversi concorsi per baristi ed è formatore per la Specialty Coffee Association. Durante la quarantena, hanno colto l’occasione a Talat per tostare il loro caffè e sviluppare il marchio. “Il mio piano al momento non è quello di crescere e tostare troppo. Sì, mi piacerebbe prendere un caffè qui così come nelle capitali. Voglio continuare ad imparare e fare sempre qualcosa di altissimo livello”.

READ  Niente pace per Gareth Southgate | Coppa dei Campioni di calcio 2021

Un barista parla delle emozioni quando un cliente chiede un consiglio. Basato sui gusti, costruisci, pensa e impara. “A Londra non ho brindato, ma sapevo che era il management. Arrostire è raccontare una storia che puoi fare dall’inizio, guarda le reazioni. Chilo di amido, quantità molto piccola. Quindi abbiamo sempre caffè fresco. “

Elisir di caffè

Mercato di Al-Razafa, fuori dal chiosco 112-116. Al-Ruzafa

Elixir Coffees è un progetto I Restrepo, tre fratelli sono di discendenza colombiana. “Siamo venuti dai coltivatori di caffè grazie ad alcuni amici di mio padre che si sono dedicati al caffè per tutta la vita. Abbiamo avviato il progetto vendendo il loro caffè verde a piccoli torrefattori, ma abbiamo scoperto che era molto difficile inserirli. L’idea di creare l’elisir ci è venuta dopo aver appreso del movimento della terza ondata del caffè premium. Questo movimento abbraccia molti dei valori rappresentati dalla ricerca della qualità, dalla responsabilità per l’ambiente e dall’empowerment dei coltivatori di caffè. Con il marchio, chiariamo che possiamo essere tracciabili al 100% e garantiamo che il prodotto vedrà margini di profitto. Non è solo un’altra caffetteria commerciale.

Per molte persone nel mondo, i caffè Elixir scambiano le loro capsule compostabili. “L’idea delle capsule è stata molto controversa nel mondo dei caffè specialiPerché tutti pensano che stiano scaricando il prodotto, che è quello che è, ma devi raggiungere le case, perché le persone lo provino e passino ad altri metodi. La differenza di prezzo che abbiamo con le capsule commerciali è molto piccola, dato che sono specialità e sono compostabili “.

Elixir è nato solo online, ma il caffè è esigente per i sensi. “La nostra idea non era quella di essere una tipica caffetteria, volevamo essere il takeaway che non c’era cultura in quel momento. Quando abbiamo visto l’angolo del mercato, abbiamo pensato che il posto fosse perfetto tra i passanti”. Per i coltivatori di caffè, l’elisir è “un passaggio a metà tra il caffè”. La specialità più commerciale e più folle. unQualcuno ci ha detto che eravamo borghesi specializzati in caffè. È un modo per vederlo. L’idea è di portare più risorse, di ruotare. Quello che facciamo in modo diverso da altri marchi di nicchia che cambiano molto rapidamente, siamo più stabili “.

READ  Zarate, lo scienziato fedele cresciuto nei collegi in Italia

“Al momento, Oscar, un Maya, ci sta arrostendo, ma proviamo a comprare un tostapane e lo mettiamo in una posizione centrale, pesa cinque o sei chilogrammi. Anche se Oscar lo fa molto bene, ma non controlliamo l’intero processo, il gioco è fatto. “Il passo successivo. Se ti trovi in ​​una caffetteria che vende altri marchi, va bene, ma se vuoi la tua caffetteria, devi essere la persona che griglia, altrimenti il ​​concetto è perso. “

Hai fagioli

Via Vitoria, 4. Centro

Have Bean è un progetto a due piedi, gastronomia e specialità di caffè. È stato aperto all’inizio dello scorso anno, appena un mese prima dello scoppio. Dentro Cassandra, Responsabile della cucina e Carmen, MD, specialista in neurologia, ha preso una svolta drastica nella sua carriera e si è formata come barista.

Carmen lavora con caffè di varie marche e origini, come SlowMov o Nomad Coffee. Si trova nel caffè filtro e nel flat white poiché brilla di più. Al momento non hanno il Marzocco, ma se il progetto continua con i buoni progressi fatti fino ad ora, non ci vorrà molto.

Fagioli volanti
Calle del Doctor Vila Barberà, 12. Arrancapins

Di fronte a Flying Bean Marcus S Aliso. Il primo dall’Australia, il secondo dall’Italia. Flying Bean si trova in una piccola strada ad Arrancapins, al confine con Renfe. Lo spazio è fantastico: poco arredamento, tanto caffè e una selezione musicale che lascia Pitchfork. È apprezzato.

“Apriamo il 13 maggio 2019. Il binario era un treno a serpentina, molto intenso. Molto bello. Quando abbiamo aperto, era solo uno spazio mensa, e ora abbiamo anche uno spazio di lavoro, corsi di insegnamento e stiamo anche mangiando brindisi . Abbiamo combinato più attività. Nel nostro spazio. Ogni aspetto ha un ruolo. Al momento, siamo molto contenti, abbiamo tutto lo spazio utilizzato, possiamo concentrarci sul miglioramento e sull’organizzazione di più laboratori, anche se un po ‘ora si sono fermati. Pazienza. ” Flying Bean si impegna anche a tostare il proprio caffè. “La tostatura del nostro caffè ci permette di lavorare con la migliore qualità di caffè. In Spagna, a Valencia, ci sono molte opportunità per avviare un’attività e ci sono molte persone che non hanno ancora lasciato il caffè commerciale. Le persone possono vivere un’esperienza diversa dai normali caffè, ma allo stesso tempo trovano un posto in cui non hanno paura di entrare.

READ  L'ambiente, fonte di benessere emotivo

Fuggi e democratizza i caffè speciali esotici. Costanti che si ripetono nelle mense visitate. Anche se chiedono pezzi di saccarina, sono i benvenuti. Quindi spieghiamo loro l’argomento e li invitiamo a provarlo da soli, senza zucchero. La tendenza c’è, le persone sono più aperte a provare cose nuove. È qualcosa di speciale a Valencia, perché un tempo si pagavano tariffe molto basse. La chiave è trovare un compromesso, ma in generale molte persone sono aperte a provare cose nuove e provarle. Quello che penso sia più prezioso è concentrarsi su buoni caffè che non siano molto strani. Nel settore del caffè molto speciale o molto speciale, il mercato è ancora molto impegnativo. Sono più stranieri che residenti del quartiere che lo chiederebbero. Nella nostra esperienza, caffè dolce, cioccolato e meno acidità sono ciò che le persone apprezzano.