Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nuova minaccia da Pechino: avverte il nuovo presidente di Taiwan che “esiste una sola Cina”

Nuova minaccia da Pechino: avverte il nuovo presidente di Taiwan che “esiste una sola Cina”

Immagine dell’archivio. Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi (Reuters/Marko Gorica)

Ministro degli Esteri cinese, Wang sì, E ricorda questo lunedì Taiwan fa parte della Cina Dopo l’insediamento del nuovo presidente taiwanese, William Lye, Ha esortato Pechino ad “affrontare l’esistenza” dell’isola come entità completamente indipendente.

Esiste una sola Cina al mondo. Questo è un fatto storico e giuridico. “Non importa come cambia la situazione a Taiwan”, ha detto nel contesto di un incontro dei ministri degli Esteri dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai ad Astana, la capitale del Kazakistan.

In questo senso, ha sottolineato che il separatismo taiwanese “costituisce la sfida più seria all’ordine internazionale, il cambiamento più grave dello status quo nello Stretto di Taiwan e il danno più grave alla pace” nella regione.

“La tendenza verso la riunificazione della Cina è irreversibile. Il ministro degli Esteri ha sottolineato che la nazione cinese ha la convinzione comune che i territori non possono essere divisi, aggiungendo che l’obiettivo dell’unificazione è “il consenso di tutto il popolo cinese”.

In precedenza, il portavoce del ministero degli Esteri cinese. Wang WenbinLo ha sottolineato in conferenza stampa “L’indipendenza di Taiwan non porta a nulla”.

“Non importa quale slogan o pretesto utilizzino i separatisti: l’indipendenza di Taiwan è… È destinato a fallire“, lei ha aggiunto.

Da parte sua, un portavoce dell’Ufficio per gli affari di Taiwan del Consiglio di Stato cinese ha dichiarato: Chen BinhuaLui ha sottolineato in una dichiarazione che le azioni del Partito Democratico Progressista “contrarie all’opinione pubblica prevalente sull’isola” danneggiano la pace e la stabilità nella regione.

“Taiwan è una parte inalienabile della Cina. Il principio della Cina unica è la regola fondamentale delle relazioni internazionali e il consenso generale della comunità internazionale. È rispettato dalla stragrande maggioranza dei paesi del mondo”, ha concluso.

William Lai (EFE/Richie B. Tongo)

Chen ha descritto l’attuale situazione nello Stretto di Formosa come… “complesso” e “pericoloso” A causa della “cocciuta insistenza” del Partito democratico progressista di Lai “sui suoi postulati separatisti”.

READ  L'artiglieria israeliana sta già bombardando Rafah L’invasione della parte meridionale di Gaza City è imminente e si sta negoziando una tregua 24 ore su 24

“Ma l’opinione pubblica vuole la pace invece della guerra, lo sviluppo invece della stagnazione, gli scambi invece della separazione e la cooperazione invece dello scontro. I leader della regione di Taiwan vanno controcorrente inviando segnali pericolosi che minano la pace e la stabilità”, ha aggiunto Chen.

Ciò avviene dopo che il presidente eletto di Taiwan ha annunciato: William Lye, Lunedì è entrato ufficialmente in carica e ha esortato la Cina a “cooperare” con l’esecutivo di Taiwan per mantenere lo status dell’isola come entità completamente indipendente dalla Cina.

Spero che la Cina affronti la realtà dell’esistenza della Repubblica Cinese “Cooperiamo in buona fede con il governo legittimo eletto dal popolo di Taiwan”, ha detto durante il suo discorso, come riportato dal portale Focus Taiwan.

Lai, entrato in carica lunedì per sostituire Tsai Ing-wen (2016-2024), anch’essa del Partito Democratico Popolare, ha sottolineato nel suo discorso che “la pace non ha prezzo e la guerra non ha vincitori”, e ha chiarito la sua intenzione di mantenere la situazione attuale. Lo status quo nello Stretto e la mancata dichiarazione dell’indipendenza di Taiwan.

Pechino considera Taiwan una provincia ribelle poiché i nazionalisti del Kuomintang si ritirarono lì dopo aver perso la guerra contro l’esercito comunista nel 1949.

(Con informazioni da EP ed EFE)