Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Notizie, rilascio di ostaggi e altro ancora

Notizie, rilascio di ostaggi e altro ancora

Un medico palestinese-americano a Rafah avverte che il sistema sanitario di Gaza è “totalmente distrutto”.

Un medico palestinese-americano ha parlato lunedì alla CNN da Rafah della sua esperienza nel trattamento di pazienti con lesioni traumatiche nelle tende nel sud della città di Gaza.

“Qui le infrastrutture sanitarie sono state completamente distrutte. “Siamo fondamentalmente l'unico centro traumatologico e lavoriamo in tende per prenderci cura di eventuali lesioni traumatiche e delle emergenze mediche”, ha detto a Michael Holmes della CNN il dottor Mohamed Sobh, un medico d'urgenza in California, aggiungendo che le persone stanno morendo da malattie curabili. Come il diabete e l’ipertensione.

“È una differenza tra il giorno e la notte… Per quanto riguarda le nostre strutture in California, abbiamo la possibilità di dirottare i pazienti dagli ospedali quando sono al massimo delle loro capacità, dove è troppo pericoloso prendersene cura.”

Ha detto che la discrepanza è emersa anche a causa della mancanza di accesso alle forniture mediche.

“Non abbiamo nemmeno i tamponi imbevuti di alcol se devi fare una flebo. Devo pulire bene la pelle per essere sicuro di non introdurre alcuna infezione… Tutto è fermo alla frontiera”, ha detto.

“Fai quello che puoi con le risorse limitate di cui disponi e, come medico d'urgenza, cerchi di lavorare in modo creativo per trovare rapidamente soluzioni per stabilizzare le persone e cercare di salvare vite umane”, ha affermato.

Sobeh ha affermato che a Gaza c’è stata “una distruzione sistematica e deliberata di ogni elemento delle infrastrutture”.

Israele ha ripetutamente affermato che la sua guerra è contro Hamas e che non attacca deliberatamente i civili.

Ma il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha promesso di procedere con un’operazione militare a Rafah, dove più di un milione di persone si sono rifugiate dopo essere fuggite dai combattimenti in altre zone di Gaza.

READ  Il culto dei “Dieci Comandamenti” che massacrò 800 credenti in un tempio si trasformò in un inferno.

Molti governi e agenzie umanitarie, comprese le Nazioni Unite, hanno invitato Israele a non procedere, citando i rischi per i civili.

Secondo gli ultimi dati pubblicati domenica dal Ministero della Sanità di Gaza, 30.410 persone sono state uccise e altre 71.700 ferite a Gaza dal 7 ottobre.

La CNN non può confermare in modo indipendente questi numeri a causa della mancanza di accesso dei media internazionali a Gaza.

Domenica il vicepresidente Kamala Harris ha chiesto un cessate il fuoco immediato a Gaza, affermando che le persone nella zona stanno morendo di fame a causa delle condizioni “disumane” e esortando Israele a fare di più “per fornire assistenza immediata alla popolazione di Gaza”. Uno dei tentativi più forti fino ad oggi compiuti da un funzionario americano.