Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Non scriverò mai più Gomorra, mi hai rovinato la vita.”

“Non scriverò mai più Gomorra, mi hai rovinato la vita.”

Roberto Saviano convive con un compagno dal 2006.Foto: Maki Galimberti


  • Lo scrittore napoletano pubblica I coraggiosi sono soli, romanzo incentrato sulla figura del giudice antimafia Giovanni Falcone.


  • Considerato il giudice che ha cambiato la battaglia contro la criminalità organizzata nel mondo, lui e la moglie furono assassinati da Cosa Nostra


  • Saviano vive sotto sorveglianza e isolamento dalla pubblicazione del suo libro “Gomorra contro la camorra” nel Sud Italia nel 2006.

Non sappiamo dove si collega allo zoom. Forse dall’Italia. o no. L’indirizzo di casa di Roberto Saviano è un segreto nazionale. Infatti dovette cambiare più volte indirizzo perché non c’era più. Questo ha pareti bianchissime e decine di piccoli quadri, le sue fotografie preferite che ha stampato lui stesso, dice, “con il cellulare”. È facile provare la metafora: L’uomo rimasto solo a incriminare la mafia brama però la buona compagnia. Lui “Gorilla in gabbia” Quando riconosce i suoi sentimenti, cerca di circondarsi di altri. Mostrato ora “Solo i coraggiosi” (anagramma) Sembra facile trovare anche un’altra similitudine in questo titolo: si tratta di vita di giovanni falcone, Il suo ego simbolico e il suo riferimento, ed è un completo donchisciotte contro di lui Cosa Nostra, ucciso per ordine di Capo di Capi.

Saviano aveva 26 anni quando mandò il suo editore Il libro che gli ha cambiato la vita. Chi ha ribaltato la situazione “nel male” Come ha ammesso in diverse interviste. Era un giornalista inquieto, da poco laureato, Figlio di un medico e di una casalinga, ha radici ebraiche liguri e «vuole essere Hemingway». Uno dei suoi insegnanti, che era consapevole del suo talento ma per gli standard letterari, gli chiese di smettere di “scrivere sciocchezze inverosimili” e di iniziare a guardare ciò che lo circondava. Napoli. Strade, emozioni, balconi, Maradona, moto. E così è nata “Gomorra”. Dove ha denunciato La struttura economica, emotiva e politica della camorra. Ciò significa: ha iniziato a raccontare ciò che ha vissuto nella sua infanzia, mescolato con ciò che ha realizzato quando aveva vent’anni. Risultati? Ha venduto più di 10 milioni di copie e ha raggiunto la fama mondiale in film e serie. L’altro risultato? Diciotto anni con una scorta, tenuto nascosto, minacciato di morte.

READ  Joe Keery dice addio alla sua iconica acconciatura per "Fargo": ecco come appare nella quinta stagione

“Se potessi tornare indietro, direi al giovane che non scriverei Gomorra”. Mi ha distrutto. Lo farebbe in modo diverso, non a cuore aperto. Più indiretto, più fantasioso, con un altro nome, non lo so. Oggi ho 44 anni e sono finito sotto protezione con una vita assurda”.Saviano spiega sullo schermo del computer a un gruppo di giornalisti spagnoli, con un gesto un po’ più teso che spiegazione. I legami dell’estrema destra Meloni con la mafia Nella domanda precedente. “Non ne valeva la pena” si sbarazza di.

Tuttavia, durante questi quasi due decenni, non ha smesso di scrivere o di denunciare. Viaggio avanti. Libri come “L’opposto della morte”, “La bellezza e l’inferno”, “La banda dei bambini”, “Zero Zero Zero”, e più recentemente anche Commedia “Sono ancora vivo”. Ha discusso dei suoi ricordi quando era bambino Il suo fratellino, l’affetto di sua madre o andare in bicicletta con suo padre, Ma anche come lo hanno quasi picchiato Gli hanno sparato nel bagno di un distributore di benzina, così gli hanno mandato un panettone esplosivo altrimenti avrebbe dovuto cambiare nome le poche volte che viaggiava.. in questo contesto: “Avere un partner o fondare una famiglia sembra un’utopia.”

La sua posizione riceve molti sostegni, ma nessuno di questi è del tutto corretto (anche se ammette che fino a poco tempo fa sognava ancora che qualcuno venisse a proteggerlo e “aggiustasse tutto”). “Bagnarsi significa mettersi in pericolo, e questo ti spaventa”, dice. Sulle reti si è diffuso anche un gran numero di haters: “Mi accusano di qualsiasi sciocchezza, di vivere in un attico a Manhattan e di avere un’accompagnatrice come se fosse un privilegio. Questo è quello che ha detto puntando il dito contro di me e mettendo in pericolo me, l’attuale vice primo ministro italiano. “Matteo Salvini è uno dei politici più pericolosi d’Europa, e non solo per i suoi rapporti con la Russia.”Dice senza smettere di cucire con il filo.

READ  L'improvviso riscatto di Marcus di un collega candidato e il severo avvertimento del Grande Fratello

In quest’ultima avventura ha dato tutto. In “Solo i coraggiosi” Ha utilizzato gli strumenti dell’immaginazione nella narrazione L’omicidio di Giovanni Falcone e di sua moglie Francesca nel 1992. La sua auto è volata in aria quando sono esplosi 1.000 chilogrammi di esplosivo piazzati sotto l’autostrada che collega Palermo all’aeroporto. L’ordine è stato dato prima Totò Riina, Capo di Cappi in Cosa Nostra, e l’aggressione di Giovanni Brusca e Nino Giwi. Ma non c’è nulla di immaginario nel libro, sono tutti eventi reali, anche i sentimenti dei partecipanti, tratti da memorie, autobiografie e interviste. In realtà, Le ultime 66 pagine sono una bibliografia e riferimenti Molto concreto. “Tutto è reale, niente è arbitrario, nemmeno i dialoghi, ma questo è un romanzo.”si riferisce a.

“È la prova più dura che abbia mai affrontato in vita mia: Racconta la mente di Falcon, la persona più intelligente che ha affrontato la mafia. È una storia Un uomo sistematicamente sconfitto, “È stato elogiato solo dopo la sua morte, il che è molto italiano”, spiega. “Quando sei vivo c’è solo invidia e sospetto… E dico apposta invidia: ce l’hanno messa Una bomba al tritolo che non è esplosa In alcuni bagni e tutti i giornali dissero che era lui stesso invece di Cosa Nostra. Ho parlato con Francesco Onorato, il mafioso che ha piazzato la bomba e poi si è pentito, e mi ha detto che quando hanno visto che i giornali avevano riferito che l’aveva piazzata Falcone, hanno capito che avevano vinto perché era solo: Lo hanno lasciato solo“, Aggiungere.

IL Somiglianze simboliche tra Falcone e Silvano Non si fermano durante la conversazione. Sembra che parli di lui per raccontare se stesso. Smettere di essere “invisibili”. C’è un punto di rabbia e frustrazione. Anni di minaccia costante pesano pesantemente su di lei. “Sono anche un esempio del fatto che se critichi la tua terra e non la elogi pienamente, sei qualcuno che merita di essere fucilato. Mi considerano più pericoloso delle organizzazioni criminali. Vogliono solo dire Quanto è buona la pizza, quanto è buono il papà, nessuno ama come noi, signori e signore, quanto macho… “Questo è il modo in cui gli italiani vogliono che gli venga spiegato”.

READ  Video: Resistente ai nervi! Cos'è la temibile traversata della Paganella nelle Alpi italiane?

Silvano su questo è chiaro. Falcone è stata la chiave per consentire all’Italia di lasciarsi alle spalle il difficilissimo periodo degli anni ’80 (“Ora la mafia non uccide più per strada, sa che comprare i politici è più efficace.”) Attraverso le sue strategie legali, ha “cambiato la storia del mondo” perché ha dimostrato che la criminalità organizzata nel suo insieme va perseguita, insieme… Ripercussioni economiche, morali e militari. Se ci sono inchieste in questo senso a Madrid, in Brasile o a Buenos Aires, è grazie a lui. Ci ha permesso di vedere il mondo in un modo diverso e di cambiarlo. Lo hanno ucciso perché la sua testa potesse pensare. Non ha mai ottenuto alcuna posizione di potere perché glielo hanno impedito. L’hanno sabotato. Ma il giorno dopo la sua morte tutti erano i suoi migliori amici Quindi lo hanno invitato Padre della patria. Il suo cadavere era molto meno spaventoso della sua vita. Lo hanno santificato per cancellarlo“, si sbarazza di.

Il giro di domande si chiude con un’altra di Uppers. Anche tu ti senti “solo” e “coraggioso” come suggerisce il titolo di questo libro? Saviano sorride e spiega: “Ho scelto Falcone come mio maestro e cerco di avere il suo coraggio. Ma essere coraggiosi non significa non avere paura, significa non lasciare che la paura ti controlli.. Il coraggio è una scelta, non ti viene dato alla nascita. La paura può essere positiva, come il dolore, perché aiuta facendoti capire che qualcosa non va, ma il problema è quando prende il sopravvento. “Mi sento in armonia con me stesso se non tradisco i miei riferimenti”, spiega. L’unità è meno sfumata. “Non mi sento solo. Lo sono.”