Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nazionale di calcio del Marocco Umm Al-Jbour standard africani nel 2022

Scrittura sportiva, 28 dic. Gli sport africani hanno concluso l’anno 2022 ricco di importanti traguardi che riflettono lo sviluppo a cui il continente sta assistendo in questa materia, poiché ha infranto i “limiti estremi” che non erano stati raggiunti prima in discipline altamente correlate come il calcio o il tennis insieme al marocchino o Nazionale tunisina Anas Al-Jabour.

Forse il più grande risultato mediatico è il recente successo del Marocco ai Mondiali del Qatar. L’evento è iniziato con una “maledizione”, che diceva che una squadra africana non aveva mai superato i quarti di finale di un torneo prima.

I marocchini hanno osato sognare e hanno abbandonato quella barriera. È stato anche fantastico, passare come primo in un girone in cui si sono scontrati con altre semifinaliste come la Croazia e con una squadra forte del Belgio e del Canada. Già agli ottavi ha eliminato la Spagna ai rigori e nei quarti ha eliminato il Portogallo, che era tra i favoriti.

Solo la Francia, con Kylian Mbappe come riferimento principale, è riuscita a porre fine al suo sogno. Già in lotta per il terzo e quarto posto, la Croazia ha regolato i conti con loro e ha “vendicato” il pareggio nella fase a gironi con una vittoria per 2-1, che l’ha portata all’ultimo gradino del podio.

Nel tennis il nome corretto era il tunisino Anas Jabeur, attualmente 2° classificato al mondo, che è diventato il primo africano a disputare una finale del Grande Slam a Wimbledon, dove ha perso contro la kazaka Yelena Rybakina 3-6, 6-2, 6-2 . Tuttavia, questa non era l’unica “grande” partita in palio poiché, appena due mesi dopo, si batterà per gli US Open contro la polacca Iga Swiatek. La vittoria gli è sfuggita di nuovo quando è caduto 6-2, 7-6.

READ  Enzo Cobetti, dopo non aver calciato il rigore che ha perso il campionato Racing: "Ho fatto bene mille cose e nessuno ha detto niente"

Più comunemente, gli africani sono visti raggiungere record mondiali nell’atletica. In questo senso, il keniano Eliud Kipchoge ha fatto notizia stabilendo il miglior record di sempre nella maratona con il tempo di 2:01:09. Lo ha fatto a Berlino, la stessa città dove lui stesso ha fatto segnare il tempo vincente nel 2018 con un 2:01:39.

Altrettanto importante è stato ingaggiare il nigeriano Toby Abusan nei 100 m ostacoli ai Mondiali di Eugene. Nel suo caso è caduto anche il record del mondo, che lo ha lasciato a 12.12 durante le semifinali. Questa sbarra è stata superata in finale dove ha vinto la medaglia d’oro, ma è stato ottenuto un 12.06 con un vento illegale di 2,5 metri al secondo. In ogni caso le regole sono già state stabilite per continuare a mordere il tempo.

Quando si tratta di distanza per medaglie, l’Africa ha lasciato l’evento con nove medaglie d’oro. Nella categoria maschile, sono raggiunti da Emmanuel Korir (Kenya, 800 m), Joshua Cheptegei (Uganda, 10.000 m), Soufiane El Bakkali (Marocco, 3.000 m) e Tamirat Tola (Etiopia, Maratona).

Nella categoria femminile, oltre a Toby Abusan, i successi sono andati a Faith Kipyegon (Kenya, 1.500m), Gudaf Tsegay (Etiopia, 5.000m), Letesenbet Gidey (Etiopia, 10.000m) e Gotytom Gebreslase (Etiopia, Marathon). Inoltre, sono state aggiunte 12 medaglie d’argento e sette di bronzo.

La buona notizia è arrivata anche nel ciclismo, dove a maggio un traguardo notevole è stata la vittoria dell’eritreo Benyam Jermai nella decima tappa del Giro d’Italia, terminata a Jesi. Sfortunatamente per lui, non ha potuto continuare a correre quando è stato colpito dal tappo della bottiglia in cui stava festeggiando la vittoria.

READ  Atletica: la Spagna vuole fare un altro passo verso la Coppa del Mondo

Inoltre, l’Africa ha dimostrato, ancora una volta, di essere in grado di ospitare grandi eventi sportivi. In questo caso lo ha fatto ospitando una nuova edizione dei Giochi del Mediterraneo nella città algerina di Orano tra la fine di giugno e l’inizio di luglio. La partecipazione del continente ai giochi sportivi è stata accompagnata da 42 medaglie d’oro, 53 d’argento e 70 di bronzo distribuite ai padroni di casa Egitto, Tunisia, Marocco e Libia.