Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Morti e attacchi a Gaza, notizie e altro ancora

Morti e attacchi a Gaza, notizie e altro ancora

Blinken riconosce i disaccordi al Dipartimento di Stato sulla guerra tra Israele e Hamas in una e-mail allo staff

Il segretario di Stato americano Antony Blinken durante una conferenza stampa il 9 novembre 2023 a Seul, in Corea del Sud. (Fonte immagine: Jung Yoon Ji-Pool/Getty Images)

Lunedì il segretario di Stato americano Antony Blinken ha riconosciuto in una e-mail al personale le differenze all’interno del Dipartimento di Stato sull’approccio dell’amministrazione Biden alla guerra tra Israele e Hamas.

La sua lettera allo staff, inviata sulla scia dei suoi recenti viaggi, arriva in un contesto di crescente rabbia e disaccordo non solo tra il personale del Dipartimento di Stato, ma all’interno dell’amministrazione Biden nel suo complesso.

La scorsa settimana la CNN ha riferito che centinaia di dipendenti dell’Agenzia americana per lo sviluppo internazionale (USAID) hanno firmato una lettera aperta per chiedere un cessate il fuoco, e ci sono state segnalazioni di un “memorandum di contesa” all’interno del Dipartimento di Stato.

Il mese scorso, un funzionario del Dipartimento di Stato si è dimesso pubblicamente per protestare contro la politica dell’amministrazione nei confronti della guerra tra Israele e Hamas.

“So che per molti di voi la sofferenza causata da questa crisi ha un profondo impatto personale”, ha scritto Blinken nella sua e-mail di lunedì, che è stata vista dalla CNN.

“Il dolore di vedere immagini quotidiane di neonati, bambini, anziani, donne e altri civili che soffrono in questa crisi è straziante. Lo sento anch’io.”

L’eminente diplomatico americano ha osservato che “alcune persone nel dipartimento potrebbero non essere d’accordo con i metodi che stiamo adottando o avere opinioni su cosa possiamo fare meglio”.

READ  Il regime iraniano vuole che gli Stati Uniti sblocchino miliardi di dollari per riprendere i negoziati sul nucleare

Il capo del Ministero degli Affari Esteri ha indicato che a Washington sono stati organizzati dei forum affinché i dipendenti possano esprimere le loro opinioni.

“Stiamo ascoltando: ciò che condividi sta informando la nostra politica e i nostri messaggi”, ha affermato.

Nella sua e-mail, Blinken ha fornito una panoramica del suo viaggio in Medio Oriente e in Asia la scorsa settimana, sottolineando che “l’obiettivo generale degli Stati Uniti rimane lo stesso: porre fine a questo terribile conflitto il più presto possibile, tenendo conto anche della posizione di Israele. diritto e obbligo.” Resta da lavorare, nel pieno rispetto del diritto internazionale umanitario, per garantire che nessun attacco terroristico come quello avvenuto il 7 ottobre si ripeta.

Ha ribadito che “un gran numero di civili palestinesi sono morti” e che “si può e si deve fare molto per ridurre le loro sofferenze”.

“Come ho detto in privato e in pubblico, crediamo che le voci del popolo palestinese debbano essere al centro della governance dopo la crisi di Gaza”, ha scritto Blinken. “Crediamo in un governo a guida palestinese a Gaza, con Gaza unificata con la Cisgiordania. La ricostruzione di Gaza deve essere sostenuta attraverso un meccanismo sostenibile”.

HuffPost è stato il primo a segnalare l’e-mail lunedì.

Lunedì, in una conferenza stampa del Dipartimento di Stato, il portavoce del Dipartimento di Stato Matt Miller ha osservato: “Il Dipartimento di Stato, come tutte le organizzazioni, non solo nel governo ma in tutto il mondo, contiene persone con punti di vista diversi”.

“Uno dei nostri punti di forza come organizzazione è la diversità dei punti di vista e il fatto che diamo il benvenuto alle persone per farli conoscere”, ha affermato Miller. Inoltre, ha osservato che Blinken ha incontrato diverse persone “provenienti da tutti i livelli del dipartimento, da vari uffici del dipartimento, per sentire esattamente cosa pensano della nostra politica, sia riguardo a Israele e al suo conflitto con Hamas, sia riguardo ad altri questioni, comprese le questioni”. Molto controverso.

READ  Questa è stata un'intervista tesa tra un giornalista della CNN e un portavoce del Cremlino