Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Medicina prepagata, sistema della prostituzione – Scienza e salute

Medicina prepagata, sistema della prostituzione – Scienza e salute

I grandi e consecutivi aumenti delle tariffe prepagate per i farmaci che si sono verificati negli ultimi mesi impongono una discussione che va oltre il modo in cui questi numeri attaccano le tasche vuote della classe media. È necessario dare uno sguardo più ampio alla situazione sanitaria in Argentina Sempre più persone stanno valutando la possibilità di annullare il proprio piano prepagato, sapendo che dovranno cercare assistenza presso ospedali pubblici sottofinanziati. E questo nonostante i servizi privati ​​siano sempre più simili a quelli pubblici, in termini di tempi di attesa, qualità delle cure e compensi corrisposti ai medici.
Con oltre 50 anni di esperienza in medicina, il dottor Hugo Esteva ha accettato una chiamata la stampa Analizzare la realtà attuale del sistema sanitario e dei farmaci prepagati.
“Ho visto come sono nate le società di prepagamento. Sono nate come un modo per prendersi cura dei cugini più poveri. Cioè persone che avevano un livello sociale di cui occuparsi soprattutto – e parlo dell'inizio degli anni '70, quando ero nel bel mezzo del mio internato di chirurgia – e che ha iniziato non avendo i soldi per pagare le parcelle.” e servizi privati, sanatori. “Pertanto, alcuni gruppi di persone hanno cominciato a rendersi conto che era possibile creare un sistema in quali persone si unirebbero e così otterrebbero il diritto di ricevere cure”.Ricordato Esteva, chirurgo toracico e membro dell'Accademia Nazionale di Medicina.
“Swiss Medical iniziò la sua attività intorno al 1977. Dissero di aver costruito quel sanatorio in via Pueyrredón, almeno la parte della sala operatoria, contando su infermieri e strumenti dell'Hospital de Clínicas. Da allora in poi, iniziò a crescere in modo esplosivo.“Ha detto, poi ha aggiunto:Quando ero fornitore e socio di quella società prepagata, mi hanno invitato di nuovo all'incontro di fine anno dove ha parlato Claudio Belocobit. (Proprietario della Swiss Medical e attuale presidente della Federazione Argentina della Salute, federazione che riunisce associazioni legate al settore sanitario privato del Paese)Con un tono davvero scortese.
Secondo Esteva, in quell'occasione era un uomo d'affari “Ha parlato di Swiss Medical ma non ha detto una parola sulla salute.” Nello stesso incontro, Belokopit ha rilasciato una dichiarazione “proattiva” (o minacciosa): “Chi non rientra nel sistema (prepagato) sarà escluso da tutto”.Ha detto il chirurgo del torace.
Il fatto è che nel costruire questo meccanismo di assistenza sanitaria privata, medici, cliniche e altre istituzioni che figurano su carte prepagate – i cosiddetti “fornitori di servizi” – sono caduti nella trappola di tariffe miserabili e pagamenti differiti per mesi.
Di fronte a questa realtà appare anche l’opportunismo. “Molti miei colleghi compaiono sulle carte prepagate come 'il medico e l'équipe tal dei tali'. Quindi, quando un paziente deve sottoporsi a un intervento chirurgico, il proprietario del dispositivo gli dice che la sua équipe opererà per lui e che, se vuole, farsi un intervento 'personale' – che operandola – deve pagare.”All'estero, senza ricevuta, in dollari… Non ho mai chiesto una cosa del genere in vita mia perché mi sembra l'ultima cosa” a me, perché non mantieni la parola data nei confronti dell'azienda e nei confronti del paziente.”Ciò è confermato da Esteva, il quale ha affermato che mentre prestava i suoi servizi a Swiss Medical e Osde, ha dichiarato a tali società quanto questa pratica fosse inappropriata. “Ma fingevano di dire: ‘Ebbene, cosa farai?’ Preferirebbero avere un criminale entro le loro norme piuttosto che qualcuno con libertà”.lamento.
Per quanto riguarda lo scenario attuale, l’accademico ha descritto: “Abbiamo spese mediche che stanno peggiorando sempre di più, e un governo come quello che abbiamo finora, che costringe le aziende che pagano in anticipo a pagare il conto per cure costose – cosa che le società che pagano in anticipo hanno probabilmente ragione in una certa misura, costando loro una fortuna perché i laboratori non sono riusciti a soddisfarli.” “Quindi penso che sia stato difficile per loro. Ma quelli che soffrono sono i colleghi, che pagano sempre di più e hanno sempre più restrizioni mentre i medici chiedono una miseria e hanno fare questa cosa vergognosa, chiedere compensi all'estero (che è una cosa che chiedono praticamente tutti).”
In questo senso, Esteva ha considerato: “La verità è che tutto questo sistema è stato sfruttato per la prostituzione. Non è un sistema chiaro e pulito, ma è prostituzione gradualmente e gestito da un barbaro vivente che sta diventando gradualmente il padrone di tutto questo, ma ogni volta che appare in dai media che ama, ne esce come una vittima: il signor Belokopit.
I grandi aumenti dei pagamenti mensili risolveranno la situazione?
– Risolverà la situazione per il signor Belokopit, ma non crede che risolverà la questione per i medici e non crede che risolverà molto per i pazienti. Affinché ciò funzioni, è necessario che vi sia un reale controllo da parte di uno Stato rispettabile. Se persone come alcuni dei nostri colleghi della sanità pubblica fossero al corrente di tutto ciò, penso che la situazione potrebbe essere risolta, ma imponendo regole e restrizioni molto chiare a coloro che volevano rendere la cosa una cosa completamente commerciale. Non dico che le aziende prepagate non debbano guadagnare, ma dovrebbero avere un limite.
La giustificazione addotta è che i costi dell’assistenza sanitaria sono così alti che non sono sufficienti. Quanto c'è di vero?
– L'unico sistema decente che ho visto e che ha funzionato, per quanto ne so, è stato quello proposto dal primario di chirurgia che ha preso fiato come Ministro della Sanità Pubblica nell'era Llanos, che era il dottor Mario Pria, che ha proposto quello che lui chiamati “ospedali di comunità”, come l'ospedale comunitario privato di Mar del Plata.
Questa idea degli ospedali, gestiti da un organo direttivo professionale e da persone della comunità – che sono rappresentanti dei pazienti – e da alcuni rappresentanti dei sindacati che sono lì, controllati gli uni dagli altri, mi sembra che abbia funzionato molto BENE.
A quel tempo, tutti i piccoli manicomi privati ​​attaccarono Riya, senza che lei lo sapesse. C'è voluto molto perché l'ospedale comunitario di Mar del Plata si rimettesse in piedi e penso che abbiano fatto un'ottima cosa. Ciò significa che non è impossibile. Il punto è che ci sono persone che conoscono e rispettano. Queste persone esistono in Argentina, ma non le troverete a gestire un ospedale quasi interamente con un sindacato, come accade oggi con l'Hospital de Clínicas.
Sono sicuro che ci sono persone in grado di gestire il sistema, e non è nemmeno complicato. Questa triste medicina è vera in tutto il mondo. Lo sappiamo già. Ma perché gli interessi economici prevalgono più di altri.
L’attuale governo afferma che tutto dovrebbe essere privato e governato dagli interessi della domanda e dell’offerta. Questo non funziona per la salute. Questo non basta per la salute. Deve esserci un meccanismo ufficiale che intraprenda questo sforzo, che non è intrapreso dal settore privato. Lo dicevano già gli antichi ed è stato aggiornato da padre Leonardo Castellani, il quale affermava che lo Stato esiste per amministrare la giustizia, fare la guerra e lastricare le strade. Quest’ultimo significa fare ciò che il settore privato non può fare, ovvero costruire una strada, e una volta costruita quella strada, saremo tutti su quella strada. Ma questo primo motivo deve essere portato avanti da tutti, cioè dallo Stato.
– Il sistema sanitario argentino, sia pubblico che privato, è oggi in terapia intensiva?
– la situazione è pericolosa. Il fatto è che i medici hanno ancora una professione. È un piacere ascoltare i dibattiti ad Atene, il desiderio di suggerire le soluzioni migliori e l'amore dei medici per la loro professione. Dopotutto, questo non è andato perduto.
Sì, è vero che in studio non si vede spesso l'amore per il prossimo, perché molti pazienti mi dicono: “Dottore, è fantastico, lei mi ha visitato, l'altro dottore guardava il computer”. Bisogna dimostrare questo aspetto e porre fine al carattere collettivo dell’educazione medica…
Pertanto, hanno ritenuto che questo deterioramento della salute sarebbe stato invertito dall’intervento statale…
– Un Paese piccolo ed efficiente. E non deve essere necessariamente l’enorme multinazionale dominata dai sindacati che mantiene gli ospedali pieni di persone pigre. Ciò che deve cambiare è la mentalità. Questo governo non sarà in grado di raggiungere questo obiettivo attraverso la scomparsa dello Stato. Ciò che deve fare è piccolo ed efficace. La formula non è poi così difficile… anche se mi rendo conto che non è nemmeno facile da mettere in pratica.

READ  L'immagine radiofonica più dettagliata per Andromeda