Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Martina Gusman: “Quanti bei messaggi! A volte mi sembra che stia succedendo a qualcun altro”

Con un piede in Spagna e l’altro in Argentina, Martina Gusman Legge, con sorpresa nel cuore, i messaggi che riceve per la sua partecipazione a una serie NetflixE il Innocente. Vengono dall’India, dalla Corea. E questa non è nemmeno una figura di spicco. Quella possibilità che i pallet mi stiano benissimo, sono un regalo, una sensazione molto divertente “.

un’attrice elefante biancoE il LeoneraE il Quiete, Tra gli altri progetti che ha fatto insieme a suo marito Pablo Trapero; “che cosa mai” Marginale; La madre di Matteo e Lucero si è trovata improvvisamente coinvolta in quella tempesta, il che significa che il lavoro che ha svolto è stato avvistato in più di 190 paesi contemporaneamente. Qualcosa con cui non dovrebbe essere molto facile lavorare.

Martina Gusmán ha il suo personaggio in The Innocent, Kimmy Dale
Matteo Trapero

Come ti senti riguardo a questa velocità come risultato della combinazione di trasmissioni in diretta con i social network?

La verità è che non l’ho misurato fino a quando non ha iniziato ad accadere. Durante le riprese me ne sono reso conto Innocente Aveva una struttura di progetto molto ampia, ma allo stesso tempo era il manager, Oriole PauloHa mantenuto uno spirito intimo e familiare. Tutto quello che è successo dopo mi ha fatto venire un po ‘di vertigini.

– E più pressione per quello che verrà …

Non voglio vederla in questo modo perché sento che genererà insicurezza. Ogni lavoro che faccio è un progetto in sé, e ci metto corpo, anima e cuore. Al momento del risultato cerco di rilasciare un po ‘, perché non importa quanta pressione o pressione ci metto, non sarò in grado di regolarlo.

– Molti di quelli che hanno visto Innocente Lo legarono a un’altra catena, Rosso cielo, Sia per occuparsi di bordelli che per il traffico di esseri umani. Come vedi il confronto?

-a partire dal Rosso cielo Ho visto solo il primo episodio. Capisco che esista un mondo molto simile, ma dal poco che posso vedere sono dischi completamente diversi. Ovviamente, Innocent è un thriller, poliziotto nero, e mi sembra così Rosso cielo Va dall’altra parte. Sono due cose che non hanno niente a che fare l’una con l’altra.

Martina Guusman nel ruolo di Kimi Dell in The Innocent
Martina Guusman nel ruolo di Kimi Dell in The InnocentNetflix

– Il club in cui lavorano le ragazze e il rapporto con il magnaccia è esattamente lo stesso.

READ  10 aspettative di Capital Group per il futuro degli investimenti in questo decennio

Sì, ma tutto ciò che accade al club è solo una parte della storia. Il nostro lavoro non è legato alla tratta delle donne, è un agente di polizia. Di conseguenza, potrebbe toccare un argomento come la prostituzione in modo approfondito, ma non è una serie sociale. Non è una buona idea confrontarlo.

Sebbene non appaia in tutte le stagioni, il tuo personaggio è molto forte e decisivo in molti aspetti della storia. Come attrice che dà sempre vita alle idee, quanti di voi hanno continuato a creare Kimmy Dale?

La narrazione è la stessa, ma Oriol è un regista molto generoso e aperto, e ha preso tutto quello che gli ho suggerito. Gli ho detto fin dal primo giorno: “Posso essere una raffica di proposte, dimmi fino a che punto sì e quanto no”. Kimmy era un misto di replay tra i due. Ha preso ciò che aveva in mente e allo stesso tempo lo ha catturato immensamente.

Era sempre nello scenario che lei fosse argentina e il suo nome fosse Martina?

– No, sebbene fosse dell’America Latina, non era conosciuto da nessun paese. Quando ha saputo che l’avrei fatto, mi ha detto: “Mi piacerebbe mettere un timbro argentino su di lui” e il nome è stato un occhiolino. Aveva anche una personalità “più dura”. Ho lottato duramente per fargli mostrare più vulnerabilità. La resiliente Kimi o Martina, da un lato, è una donna super potente, che difende i suoi compagni, ma allo stesso tempo ha un passato terribile che cerca di invertire. Ho amato questa complessità. Ogni settimana nella sala trucco, la battuta chiedeva: “Cosa c’è che non va in Kimmy oggi?” Perché era tutto piuttosto bello.

“Abbiamo tutti una parte del nostro corpo che ci piace di più”, dice Martina Gusman, “ma mi sento bene e calma con la mia età”.Matteo Trapero

Il personaggio ha un’impronta molto sessuale, è stato difficile per te lavorarci?

– L’ho trovato molto attraente, mettendomi in un posto che non aveva nulla a che fare con tutto quello che avevo fatto fino a quel momento. Ho fatto di nudo al cinema, ma sempre da un posto più “normale”. Sopra Innocente C’era più costruzione di una donna portatile che non aveva nulla a che fare con la mia estetica o il mio stile. Non ero imbarazzato, c’era anche lui confine Ma molto attento, molto bello. In termini di bellezza, abbiamo tutti una parte del nostro corpo che ci piace di più e l’altra meno, ma mi sento soddisfatto e tranquillo con la mia età. Non mi succede molto lì.

READ  Nicole Neumann si è stabilita a Punta del Este con le figlie con Fabian Cupero e Manu Orcera

– E il ballo pubblico? Perché dicono che non è affatto facile.

-Come è. La piccola cosa che ho fatto mi ci sono voluti due mesi per impararla, ed è così difficile. Un’altra cosa interessante del personaggio è che mi ha chiesto una sfida fisica ed estetica. Recitare ti permette di concederti una licenza, di sperimentare cose che non faresti nella vita reale. Noi tutti che eravamo lì dovevamo guardarci, goderci le nostre unghie, i nostri vestiti.

– Tornando ai messaggi in rete, c’era un messaggio di una ragazza che ha attirato la mia attenzione: “L’inflessibilità di Martina Guzman che mi mette addosso non si spiega”.

– (Essere sorpresi). Lo amo, è un grande complimento. Non riesco a credere a tanti bei messaggi, ea volte mi sembra che stia succedendo a qualcun altro. Penso che quello che mi salva sia una certa perdita di coscienza, che è anche un meccanismo di protezione, altrimenti sarei paralizzato. Cerco sempre di tornare da me.

Martina Guzman è tornata nel Paese a febbraio per registrare i nuovi episodi di El Hamsy
Martina Guzman è tornata nel Paese a febbraio per registrare i nuovi episodi di El Hamsy
Matteo Trapero

– Adesso vivi a Barcellona, ​​hai l’idea di rimanerci?

No, l’idea è di andare e venire, ha due basi operative e si muove a seconda dei progetti. Ho il mio agente in Argentina e il mio agente in Spagna. ho finito Innocente A marzo dell’anno scorso ci siamo andati e siamo tornati ad agosto, perché c’erano tanti progetti e il nostro figlio maggiore aveva iniziato a studiare qui.

– Qual è la percentuale della decisione relativa a nuovi progetti e quanto era quello di accompagnare il “bambino”?

Se sei un genitore, conosci già la risposta (ride). Per renderla più bella: era la scusa perfetta. Ma sì, l’idea principale era accompagnare mio figlio, ma erano entrambe le cose. Ha chiuso perfettamente a livello familiare, lo abbiamo accompagnato dentro e abbiamo potuto anche lavorare. In Argentina ho una famiglia e mi piacciono i progetti che si stanno facendo, quindi non voglio smettere di lavorare lì.

– Un esempio potrebbe essere MarginaleDa quando sono tornato a febbraio per farlo. Potresti spiegarmi come Emma e il reverendo (Juan Minujin) potrebbero incontrarsi se la storia accadesse in una nuova prigione?

READ  L'attrice di Harry Potter che si è sentita "offesa" dopo il primo film e non è tornata alla saga

“Uh!” Non te lo posso dire. Non sappiamo dove sia, ma sappiamo che si incontrano di nuovo e parlano di quella storia che era tra loro. Abbiamo già segnato le stagioni 4 e 5, è stata una bellissima esperienza incontrare di nuovo Juan, lo stavo aspettando così tanto. Abbiamo fatto cose davvero carine.

Martina Gusman in Gli innocenti
Martina Gusman in Gli innocentiCattura TV / Netflix

Hai notato una grande differenza con il funzionamento dei protocolli sanitari epidemici?

C’è chiaramente un ostacolo specifico alla conformità al protocollo. Ma è vero che non ho girato quando è scoppiata la pandemia ma dopo un anno avevo già vissuto un anno di cure che faceva già parte della mia vita. Ciò che la fotografia ha fatto è stato quello di rendere ciò che stavo facendo molto più difficile nella vita di tutti i giorni: PCR ogni giorno, distanza e bolle con i gruppi in cui potevo essere.

– Non so come salutarti.

-Come è. Collezione Metropolitana È come una famiglia, quindi ero un po ‘triste per aver perso cose come riunioni e barbecue, ma era accettato che questo significasse prendersi cura di tutti e prendersi cura di me stesso. Inoltre, il Covid si era già verificato a Barcellona.

– Sei diventato così male?

No, fortunatamente non ho avuto complicazioni respiratorie. L’ho vissuta come un’influenza molto forte e nessuno nella mia famiglia ha avuto l’infezione. Ho dovuto stare da solo in una stanza per 2 settimane perché ho avuto un periodo molto brutto ma per fortuna non è successo a me. Tuttavia, uno può essere un vettore, quindi sembrava molto positivo che si prendessero cura di noi Marginale. Da un lato è un problema, dall’altro è la possibilità di tornare a lavorare. Estremamente grato per la ripresa del lavoro, con tutto ciò che deve essere fatto.

Sei mai stato vaccinato?

-Non ancora. Non è qualcosa che ho come emergenza, perché mi sembra che l’importante sia che le persone più vulnerabili vengano vaccinate, e sento che c’è molto di più da fare per questo. Ho anche le mie vaccinazioni e mi sto curando con l’omeopatia in modo da non prendere l’ibuprofene, ma allo stesso tempo, se appropriato, lo farò. Per un periodo più o meno lungo dovremo essere vaccinati tutti perché presumo che nel tempo sarà subordinato a determinate attività come i viaggi o addirittura il lavoro. Ho già avuto una prima esperienza con Covid e so come ha reagito il mio corpo, per quanto posso contrarre di nuovo l’infezione e passare un periodo molto peggiore, il che allevia un po ‘l’urgenza.

Konosah The Trust Project