Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Lo Storm Fighter contribuirà con 30,5 miliardi di dollari all’economia britannica

Partecipano BAE, Leonardo, MBDA e Rolls Royce

L’aspetto di un aereo da combattimento nel futuro programma Tempest immagine. Sistemi BAE

31/05/2021 | Madrid

GS Forte

Programma del futuro sistema di volo di combattimento la tempesta, guidata dal Regno Unito, contribuirà all’economia del Paese iniettando 26,2 miliardi di sterline (più di 30,5 miliardi di euro al cambio attuale), in un periodo che inizia quest’anno e termina nel 2050. I dati provengono da un rapporto commissionato dalla consulente indipendente Prezzo Waterhouse Coopers (PricewaterhouseCoopers), lo stesso soggetto che l’anno scorso ha presentato anche un’analoga perizia dove ha calcolato quel contributo in 25.300 milioni, che equivalgono a poco meno di 29.500 milioni di euro. questo ambizioso progetto, che include aerei da combattimento di sesta generazione insieme a Italia e Svezia come partner.

Anche le aspettative di lavoro sono in aumento. Ora il programma dovrebbe supportare una media di 21.000 posti di lavoro all’anno (tra il 2026 e il 2050), mille in più rispetto a quelli previsti nel precedente rapporto, noto nell’ultimo trimestre del 2020. Il nuovo documento include anche una stima della produttività per lavoratore all’interno del progetto, che aumenta È del 78% sopra la media nazionale, e del 42% sopra la media nel settore industriale del Paese.

Questo programma è responsabile del cosiddetto squadra tempesta, dove l’esperienza Ministero della Difesa britannico (moderno) e quelli delle aziende Sistemi BAEE il leonardo regno unitoE il MBDA Regno Unito S Rolls Royce. su questo rapporto, Sistemi BAE Ha affermato in una dichiarazione che le attività legate al combattimento aereo sviluppate dai quattro partner di Tempest contribuiranno per il prossimo futuro con 100,100 milioni di sterline all’economia del Regno Unito e sosterranno 62.000 posti di lavoro all’anno tra il 2021 e il 2050. Il programma Tempest rappresenta una quota crescente delle attività legate al combattimento aereo dei partner Il Regno Unito e le loro catene di approvvigionamento, che passeranno “da circa il 12% di oggi a quasi il 50% del contributo economico entro il 2050, sono una componente fondamentale della continua prosperità del settore aerospaziale e della difesa industria.”

READ  La realtà economica del Guatemala - Prensa Libre

I quattro partner sopra menzionati sono già coinvolti con oltre 600 fornitori, PMI e istituzioni accademiche in tutto il Regno Unito, “contribuendo a fornire vantaggi oltre il settore della difesa”, secondo la nota BAE. La dichiarazione includeva anche che l’industria e il Ministero della Difesa investono in ricerca e sviluppo a beneficio del Ministero della Difesa la tempesta Apporterà benefici indiretti positivi all’economia in generale attraverso le applicazioni di nuove tecnologie in altri settori e la promozione dell’innovazione in collaborazione con centinaia di aziende, PMI e istituzioni accademiche.

Possibile fusione con FCAS

Il tempesta Concorre in Europa con il programma tedesco-franco-spagnolo Sistema d’arma di nuova generazione / Sistema aereo da combattimento futuristico (NGWS / FCAS), che, secondo vari esperti, dovrà fondersi, altrimenti nessuno dei due potrà sopravvivere in futuro in un mercato così esigente come quello degli aerei da combattimento. Spagna, Francia e Germania hanno annunciato, a metà di questo mese, la fine dei negoziati sul contenuto della prossima fase del loro progetto, che mira a sviluppare una nuova generazione di caccia da combattimento che dovrebbe essere in volo per il 2027, secondo il quotidiano britannico, The Guardian. Il calendario stabilito dai partner.

© Informazioni e soluzioni di design, SL Tutti i diritti riservati. Questo articolo non può essere copiato o riprodotto in altro modo senza una licenza concessa dalla casa editrice. È vietata la riproduzione pubblica di questo articolo, in tutto o in parte, con qualsiasi mezzo, senza l’espressa autorizzazione scritta della casa editrice.