Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia sta rivedendo con l’industria automobilistica il parcheggio delle auto a combustione nel 2035

© Reuters. L’Italia sta rivedendo con l’industria automobilistica il parcheggio delle auto a combustione nel 2035

ROMA, 23 giugno (.) .- Il governo italiano ha discusso questo giovedì con i sindacati e le principali case automobilistiche del Paese un piano europeo per vietare la vendita di auto a combustione dal 2035, una questione che divide l’amministrazione nazionale.

L’incontro è stato avviato da Giancarlo Giorgi, ministro dello Sviluppo economico e esponente della Lega di estrema destra, che da tempo si oppone al piano e chiede una transizione graduale verso un mondo più verde.

Con lui i Ministri del Cambiamento Ambientale, Roberto Singolani; Economia, Daniel Franco; Per i trasporti, Enrico Giovanni e Labour, Andrea Orlando, hanno ascoltato per tre ore le preoccupazioni di sindacati e aziende del settore automobilistico sulle sfide che l’industria deve affrontare e la conseguente perdita di posti di lavoro. .

L’incontro precede il referendum del 28 giugno a Bruxelles su una proposta della Commissione Europea per regolare le emissioni di CO2.

L’Associazione Nazionale Industrie Automobilistiche (Anfia) stima che entro il 2040 in Italia ci saranno 73.000 posti di lavoro, di cui 67.000 saranno già eliminati entro il 2025-2030.

In questo senso, Giorgi ha sottolineato l’importanza del sostegno del governo alla ricerca per promuovere l’elettrificazione del settore e raggiungere la neutralità tecnologica, ha affermato il suo ministero in una nota.

Ma allo stesso tempo paesi europei come la Germania cominciano a chiedersi se non sia necessario riconsiderare il calendario e le modalità del cambiamento climatico, concentrandosi sulle responsabilità sociali ed economiche con l’ambiente sacro, ha ricordato. Guerra “.

A titolo precauzionale, paesi come l’Italia o la Germania sono costretti ad aumentare i propri acquisti poiché l’attuale incertezza creata dalla guerra in Ucraina potrebbe portare a una riduzione del gas russo il prossimo inverno. .

READ  Funerale reale: inizia il protocollo ben preparato

“Gli strumenti interessanti dovrebbero essere collocati lungo la filiera nel percorso del cambiamento”, ha sottolineato il ministro.

Singoloni, ministro per il cambiamento ambientale, ha condiviso l’atteggiamento clemente del ministro nei confronti di quella che considera la mentalità economica della Lega, che è stata affidata a Mario Draghi a capo di uno dei portafogli più importanti del Paese. Responsabile della progettazione di oltre un terzo dei piani “verdi” per il fondo europeo di ripresa che l’Italia riceverà entro il 2026.

Cingolani, indipendente, ritiene che l’Italia sia impegnata nella “rapida decarbonizzazione del settore automobilistico” ma che dovrebbero essere fissate scadenze diverse per auto (2035) e furgoni (2040).

È difficile per il governo italiano accettare una posizione comune perché il ministro dei Trasporti Enrico Giovanni, anche lui indipendente, è favorevole a sostenere il piano europeo e ritiene che il 2035 sia una “data ragionevole” per fermare le vendite di veicoli diesel e di vendita. Benzina.