Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia si unisce alla Germania nella lotta per aprire un impianto di chip Intel

Italia Sta preparando un progetto chiamato Competi con la Germania per creare una fabbrica di chip a Intel. Attualmente, la Germania è la regione con il maggior numero di voti per gli sviluppatori di chip per creare una o più fabbriche nell’Unione Europea, ma dal governo del paese, secondo diverse fonti. Reuters, stanno facendo uno sforzo per convincere Intel ad aprire un avanzato impianto di produzione di chip sul suolo italiano.

Queste fabbriche fanno parte della spinta di Intel a migliorare ed espandere la sua sofisticata capacità di produzione, che sta attualmente interessando il settore e sta cercando di evitare problemi futuri dovuti alla carenza di tali prodotti. Impatto in molti campi.

Le autorità italiane a quanto pare sono già lì Negoziare con Intel su potenziali investimenti, che, secondo varie stime iniziali 4.000 milioni euro. In effetti, una fonte stima che questo investimento potrebbe raggiungere circa 1.000 8.000 milioni, sebbene tutto dipenda dai piani di Intel.

I funzionari sono disposti a finanziare una parte dell’investimento in denaro pubblico ea fornire a Intel condizioni favorevoli sia nel settore del lavoro che nei costi energetici. Se costruita sul suolo italiano, una di queste fabbriche creerebbe più di mille posti di lavoro diretti nel Paese. Un tale impianto, se costruito, utilizzerà nuove tecnologie per assemblare chip completi da componenti prodotti da Intel o da altri produttori di chip, dedicati al packaging avanzato.

Ci sono posti dove puoi gestire questa fabbrica Zona Mirafiori a Torino, La posizione della casa automobilistica Stellandis, e Catania, Sicilia, il produttore di chip italo-francese STMicroelectronics è già in funzione. A quanto pare, secondo fonti, il governo italiano sta preparando un’offerta complessiva e vuole raggiungere un accordo entro la fine di quest’anno. Quindi, le trattative sono già in una fase avanzata e, sì, non c’è ancora un accordo. Allo stesso tempo, l’Italia potrebbe essere la sede di un centro di ricerca Intel, che è un’altra fase dei piani dell’azienda di investire in Europa.

READ  Italia, Russia pezzo da sogno

Ma la Germania è un concorrente molto serio e la città tedesca di Dresda sembra essere molto affezionata alla costruzione di strutture Intel. Ovviamente non c’è una decisione definitiva in merito e i piani di Intel potrebbero cambiare nelle prossime settimane.

Ma perché l’Italia non è l’unico Paese che sfiderà la Germania per la costruzione di fabbriche Ci sono anche votazioni in Francia Per posizionare strutture. Cos’altro, Polonia, Ha già funzionalità Intel, Vuole competere con l’Italia Dall’impianto di confezionamento avanzato. Nel complesso, la società statunitense vuole costruire due impianti di produzione di chip nell’UE e il suo CEO Pat Kelsinger ha annunciato che annuncerà la sua futura sede entro la fine di quest’anno. Ma Non sarà nel Regno Unito, È stato rimosso dall’elenco dei paesi candidati a causa della Brexit.

La competizione arriva in un momento in cui l’UE sta cercando di ridurre la sua dipendenza dalle forniture di semiconduttori da Stati Uniti e Cina, mentre è improbabile che la crisi causata dalla carenza di semiconduttori si risolva nel breve o medio termine. Il settore automobilistico è stato duramente colpito da carenze e produttori di chip che desiderano vendere le loro parti ai clienti dell’elettronica di consumo.

Il Primo Ministro italiano Mario TragiHa affermato che l’UE deve agire immediatamente e con decisione verso l’obiettivo dell’UE di produrre il 20% dei semiconduttori mondiali entro il 2030. Inoltre, la costruzione di qualsiasi impianto richiede molti anni, il che non aiuta le case automobilistiche. Nel breve periodo l’Europa lo farà in futuro per evitare situazioni come quella attuale. A questo proposito, Paul Kelsinger ha affermato che Intel prevede di assegnare la capacità di produzione alle case automobilistiche nel suo stabilimento in Irlanda e aiutarle a cambiare i piani per utilizzare la sua tecnologia. Ma come tutto il resto, anche questo richiederà del tempo.

READ  BBVA amplia la propria offerta digitale in Italia e lancia il prestito istantaneo