Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia indaga sulla richiesta di esenzione dal bando Ue per salvare la raffineria Lukoil

Di Angelo Amante

ROMA, 18 nov (Reuters) – L’Italia sta valutando diverse opzioni per salvare una raffineria di proprietà della Lukoil in Sicilia, inclusa la richiesta all’Unione Europea di un’esenzione temporanea dalle imminenti sanzioni sul petrolio russo, ha detto venerdì il ministro dell’Industria del Paese.

Il 5 dicembre entra in vigore un divieto europeo sul petrolio offshore russo, mentre il governo italiano cerca di mantenere in funzione l’impianto di ISAB in Sicilia, proteggendone i posti di lavoro e prevenendo la perdita della capacità di raffinazione.

ISAB raffina circa un quinto del greggio italiano e impiega circa 1.000 addetti. I suoi rappresentanti hanno incontrato venerdì il governo con i dirigenti dell’azienda mentre i lavoratori protestavano in Sicilia.

Il ministro dell’Industria Adolfo Urso nel governo del premier Giorgia Meloni ha detto che l’Italia potrebbe chiedere all’Ue di guadagnare tempo e mantenere a galla la raffineria, “anche se temporaneamente esonerata dal divieto”.

Ma la “prima opzione” del governo Urso è trovare un accordo con le banche per finanziare l’impianto.

“Discuteremo con le banche se l’agenzia di stato SACE estende garanzie ed è aperta a finanziare ISAB”, ha detto ai giornalisti dopo l’incontro.

Sebbene Lukoil, che controlla la raffineria, e la sua controllata svizzera Litasco non siano soggette a sanzioni in Europa, le banche sono riluttanti a trattare con la società russa.

Anche il sostegno diretto del governo all’impianto era un’opzione, ha detto Urso della Germania, che a settembre ha preso il controllo di una raffineria di proprietà del colosso petrolifero russo Rosneft.

Roma sta facendo pressioni sulla Litasco di Lukoil affinché consegni petrolio e finanziamenti oltre la scadenza di dicembre, hanno riferito fonti a Reuters giovedì. Lukoil non ha risposto a una richiesta di commento giovedì. (Segnalazione di Angelo Amante; Segnalazione aggiuntiva di Giuseppe Fonte. Montaggio in spagnolo di Ricardo Figueroa)

READ  Tutti i numeri salgono e i casi raggiungono gli ospedali