Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia ha votato con l’estrema destra Meloni come candidato preferito

Roma (AFP) – Gli italiani hanno votato domenica in un’elezione che potrebbe prendere una brusca svolta a destra nella politica del Paese in un momento critico per l’Europa, poiché la guerra in Ucraina ha fatto lievitare le bollette energetiche e testato il design. Di fronte all’aggressione russa.

I seggi sono aperti alle 7:00 (0500 GMT). Lo scrutinio dovrebbe iniziare poco dopo la chiusura alle 23:00 (2100 GMT) e le stime basate sui risultati parziali potrebbero arrivare già lunedì mattina.

Prima che le urne fossero bandite 15 giorni fa, la leader di estrema destra Giorgia Meloni e il suo partito Fratello d’Italia, con radici neofasciste, stavano guadagnando popolarità e sembrava che gli italiani potessero votare per il primo governo di estrema destra. Dalle elezioni della seconda guerra mondiale. Al secondo posto l’ex presidente del Consiglio Enrico Letta e il suo Partito Democratico di centrosinistra.

Meloni fa parte di un’alleanza conservatrice con il leader della Lega anti-immigrazione Matteo Salvini e Silvio Berlusconi, il tre volte presidente del Consiglio che guida il partito Forza Italia da lui fondato tre decenni fa. La complessa legge elettorale italiana favorisce le coalizioni elettorali, quindi i Democratici sono in svantaggio perché non sono riusciti a formare una coalizione simile con la sinistra populista e di centro.

Se Meloni diventa presidente del Consiglio, sarà la prima donna a ricoprire questa carica in Italia. Ma la formazione di un governo di coalizione credibile potrebbe richiedere settimane.

Quasi 51 milioni di italiani possono votare.

Tuttavia, gli organizzatori del sondaggio si aspettavano un’affluenza alle urne inferiore al minimo storico del 73% nelle precedenti elezioni generali, nel 2018. Nonostante le numerose crisi dell’Europa, notano che molti elettori si sentono alienati dalla politica perché l’Italia ha da allora tre coalizioni di governo. L’ultima elezione, guidata da qualcuno che non si è candidato alle elezioni.

READ  L'Europa potrebbe tornare al carbone per contrastare i ridotti flussi di gas dalla Russia

I primi elettori a Roma hanno espresso preoccupazione per la politica italiana nel suo insieme.

“Spero di vedere persone oneste, e oggi è molto difficile”, ha detto Adriana Gerdo in un seggio elettorale della città.

L’elettore Clara Invrea ha aggiunto: “Accetto molto che (il presidente del Consiglio) possa essere una donna, ma l’importante è che sia una persona competente”.

Le elezioni nella terza economia dell’eurozona sono state seguite da vicino in Europa, date le critiche di Meloni ai “burocrati di Bruxelles” e ai suoi legami con altri leader conservatori. Il leader italiano ha recentemente difeso il presidente ungherese Viktor Orban dopo che la Commissione europea ha raccomandato di sospendere miliardi di euro in finanziamenti all’Ungheria per le preoccupazioni sul deterioramento democratico e sulla possibile cattiva gestione dei fondi della società.

Il voto è avvenuto sei mesi prima che il governo di Mario Draghi, formatosi durante la pandemia, crollasse a fine luglio. Il presidente dell’Italia, Sergio Mattarella, non ha visto altra scelta che consentire agli elettori di scegliere un nuovo parlamento.

I sondaggi hanno mostrato che Draghi, l’ex presidente della Banca centrale europea, è molto popolare. Ma i tre partiti populisti della coalizione hanno boicottato l’opzione di fiducia legata a un provvedimento per alleviare la crisi energetica. I suoi vertici, Salvini, Berlusconi e l’ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte, del Movimento 5 Stelle, il più grande del parlamento uscente, hanno visto diminuire la loro popolarità mentre quella di Meloni è cresciuta.