Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia ha restituito al Messico tre pezzi di preispanici

Il ministro degli Esteri, Marcelo Ebrard Casaubon, e in pratica il ministro della Cultura, Alejandra Frosto Guerrero, hanno fatto da testimoni d’onore questa mattina a una cerimonia presso l’Ambasciata del Messico in Italia, dove sono stati restituiti tre oggetti all’antiquariato del Messico: un pre -Ispanico (300 a.C. – vaso sferico) 600 d.C.) e due figure antropomorfe in porcellana appartenenti alla cultura di Teotihuacan, datate alla Mesoamerica classica (250-600 d.C.).

I pezzi sono stati restaurati dal Comandante dei Carabinieri per la Protezione del Patrimonio Culturale (TPC) del governo italiano, il generale di brigata Roberto Riccardi, e consegnati all’ambasciatore messicano in Italia, Carlos Garcia de Alba. Dal 2013, la collaborazione che il Messico ha sviluppato con questa leadership italiana specializzata ha permesso di restituire al nostro Paese 74 reperti, oltre ai tre pezzi di oggi, e 594 ex voto.

All’evento, il Segretario di Stato ha osservato che la nave sferica mesoamericana e le figurine antropomorfe di argilla di Teotihuacan restituite al nostro Paese sono “estremamente preziose in termini di antichità e insostituibili”. Quasi presente anche il Sottosegretario di Stato, Carmen Moreno Toscano.

I soldati hanno recuperato i pezzi, considerati patrimonio storico della nazione messicana, dai nuclei TPC nelle città di Torino e Ancona. Le indagini italiane hanno confermato la sua esportazione illegale dal territorio del Messico. Nel caso delle statue di Teotihuacan, il recupero è stato possibile grazie all’attività di controllo e monitoraggio dell’e-commerce (commercio elettronico), che l’esercito dell’unità specializzata dei Carabineros svolge quotidianamente. La nave sferica è stata ritrovata dopo un’indagine volta a contrastare il traffico illegale di opere d’arte.

Il ministro Ebrard ha osservato che dal 1970 l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura (UNESCO), attraverso l’accordo di Parigi, ha esortato gli Stati membri ad adottare misure tempestive per prevenire l’acquisizione illegale di merci esportate e facilitare il recupero delle persone rapite illegalmente.

READ  La Repubblica Democratica del Congo è la sede del primo capitolo caraibico di Women in Science for the Developing World

In questo senso, ha sottolineato che ieri il Senato ha approvato in commissione la Convenzione Unidroit sui beni culturali, rubati o esportati illegalmente, che si aggiunge alle disposizioni di legge esistenti in materia nel nostro Paese. “Le persone che acquistano e vendono oggetti rubati illegalmente, alla luce della legge messicana, sono criminali, quindi stiamo lavorando con altri paesi che hanno sistemi simili in materia penale o amministrativa, dove esiste una responsabilità condivisa”, ha osservato il ministro degli Esteri. .

Il ministro degli Esteri Ebrard ha ringraziato il generale di brigata Roberto Riccardi, capogruppo del Gruppo Carabineros per la Tutela del Patrimonio Culturale dell’Italia, e la sua équipe per la collaborazione con il Messico, che comprende non solo il recupero dei manufatti, ma anche la formazione dei quadri. Specialisti nel nostro paese per la tua tutela. Nasce così l’Unità per la tutela del patrimonio culturale, la prima nel suo genere in America Latina, che consentirà “un’azione tempestiva in Messico e all’estero sulle aste e sul mercato illegale”, ha affermato il ministro.

Ha osservato che il 27 settembre il generale Ricci ha ricevuto l’Ordine dell’Aquila azteca dalle mani del presidente Andres Manuel Lopez Obrador, per la sua preziosa collaborazione nel rilevamento, sequestro e recupero di manufatti messicani, rubati in atti e oggetti illegali. Asta in Italia.

Il Ministro della Cultura del Governo del Messico, Alejandra Frausto Guerrero, ha ringraziato, attraverso un messaggio virtuale, la collaborazione dell’Italia e del Gruppo Carabineros per recuperare questi pezzi che sarà possibile studiare e reintegrare nelle società che si sono estinte.

L’Italia continua a fornire un esempio di impegno nei confronti del proprio patrimonio e del patrimonio di altri Paesi. I pezzi che vengono reintegrati oggi significano così tanto per il Messico che, al loro ritorno nelle nostre terre, la possibilità di connettersi con le comunità da cui hanno avuto origine secoli fa. Queste comunità sono ancora vive e hanno bisogno di conoscere e conoscere le proprie radici profonde”.

READ  Diario de Cuyo - Giornata Mondiale della Riabilitazione: Come un approccio multidisciplinare e personalizzato contribuisce al benessere dei pazienti

Allo stesso modo, ha ribadito l’invito alle case d’asta a non offrire quest’arte che fa parte del patrimonio della nazione, nonché a invitare i collezionisti a non acquistare pezzi rubati illegalmente.

“Il patrimonio del Messico non è un oggetto di lusso da collezione, non è qualcosa che dovrebbe decorare una casa, fa parte delle nostre radici, sono testimoni di ciò che siamo come nazione. Chiediamo di non comprare quest’arte, di non avere quest’arte come se dovessero acquistare un oggetto di decorazione, stanno parlando dell’identità di un popolo”.

Da parte sua, il generale Ricciardi ha affermato durante il suo intervento che “uno dei principi fondamentali della morale umana, a partire dal diritto naturale, è quello di dare a ciascuno il suo, quindi siamo felici di restituire ai nostri amici messicani i pezzi appartenenti alla loro storia e identità. Più preziosi sono i pezzi, più saremo felici di restituirli. “.

Il governo del Messico riafferma il suo impegno alla cooperazione internazionale per ottenere il ritorno dei beni culturali nel nostro paese. Allo stesso modo, per combattere la vendita e il traffico di beni culturali messicani all’estero.