Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia ha promesso il suo pieno sostegno all’Ucraina in vista dell’incontro di Zelensky con il Papa

L’Italia ha promesso il suo pieno sostegno all’Ucraina in vista dell’incontro di Zelensky con il Papa

ROMA, 13 maggio (Reuters) – Sabato i leader italiani hanno promesso pieno sostegno militare e finanziario all’Ucraina e hanno ribadito il loro sostegno alla sua candidatura all’adesione all’UE, in occasione della visita del presidente Volodymyr Zelensky a Roma per la prima volta dall’inizio della guerra.

Zelensky ha incontrato il presidente Sergio Mattarella e poi il premier Giorgia Meloni, prima di recarsi in Vaticano per incontrare papa Francesco, che ha annunciato a fine aprile che avrebbe partecipato alla missione di pace della Santa Sede per porre fine alla guerra. Russia.

Sia Mattarella che Meloni hanno ribadito il pieno sostegno dell’Italia all’Ucraina nel breve e lungo termine in termini di assistenza militare, finanziaria, umanitaria e alla ricostruzione.

In una conferenza stampa dopo l’incontro con Zelensky, Meloni ha condannato “l’aggressione brutale e ingiustificata” della Russia, ha promesso il sostegno dell’Italia all’Ucraina “fino a quando non sarà presa” e ha esortato la Russia a ritirarsi immediatamente.

“Non puoi raggiungere la pace arrendendoti”, ha detto, facendo eco al punto precedente di Mattarella. “Questo creerà un precedente molto serio per tutti i paesi del mondo”.

Ha sottolineato il sostegno dell’Italia all’adesione dell’Ucraina all’Unione Europea e “l’intensificazione” del partenariato con la Nato.

Zelensky è volato a Roma su un aereo governativo italiano scortato da aerei da combattimento nello spazio aereo italiano. Domenica era previsto per lui un ricevimento a Berlino.

L’incontro con il Santo Padre dovrebbe essere la parte più importante del soggiorno di Zelensky in Italia. Ha già incontrato il Papa in Vaticano nel 2020, e i due hanno avuto diverse conversazioni telefoniche dall’inizio della guerra.

All’inizio della guerra, il sommo pontefice cercò di adottare un approccio equilibrato, sperando di essere un mediatore, ma in seguito iniziò a condannare con forza le azioni della Russia, paragonandole ad alcuni dei peggiori crimini contro l’Ucraina durante l’era sovietica.

READ  Serie A: Fiorentina-Les Data 2

Di ritorno da un viaggio in Ungheria il 30 aprile, Francesco ha fatto un commento inquietante sul coinvolgimento del Vaticano nel tentativo di porre fine alla guerra. “C’è un lavoro in corso ma non è stato ancora reso pubblico. Una volta reso pubblico, lo rivelerò”, ha detto ai giornalisti durante il suo volo.

Questa settimana Francesco ha incontrato l’ambasciatore russo uscente Alexander Avdev dal Vaticano e il quotidiano italiano Il Messaggero ha riferito che il Vaticano potrebbe aver consegnato una lettera al presidente russo Vladimir Putin.

Il primo ministro ucraino Denis Shmyhal ha detto di aver incontrato il Papa in Vaticano il 27 aprile e di aver discusso della “formula di pace” proposta da Zelensky.

La proposta prevede il ripristino dell’integrità territoriale dell’Ucraina, il ritiro delle truppe russe, la cessazione delle ostilità e il ripristino dei confini statali dell’Ucraina. Zelensky ha ripetutamente affermato che il progetto non è aperto a trattative.

(Segnalazione di Philippe Pullella; Segnalazione aggiuntiva di Olena Harmash, Max Hunter, Gavin Jones e Giselta Vagnoni; Montaggio in spagnolo di Ricardo Figueroa)