Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia è sull’orlo della recessione

L’Italia è sull’orlo della recessione

Le esportazioni e il turismo hanno contribuito a mantenere il Paese in crescita, ma l’impatto del coronavirus potrebbe avere un grave impatto su entrambi i settori.

L’Italia si trova ad affrontare una possibile recessione tecnica nel primo trimestre di quest’anno a causa del danno che l’epidemia di coronavirus sta arrecando a un’economia già in declino.

L’economia italiana si è contratta dello 0,3% nell’ultimo trimestre del 2019 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, il calo maggiore in sei anni. L’impatto globale del coronavirus potrebbe peggiorare nel prossimo trimestre. Una recessione tecnica è definita come due trimestri consecutivi di contrazione.

La maggior parte dei casi diagnosticati si concentra nelle regioni più ricche della Lombardia e del Veneto, che rappresentano circa un terzo della produzione italiana. A Milano, capitale finanziaria, il virus ha costretto alla chiusura di scuole, uffici e attrazioni turistiche. Alcune aziende hanno chiesto ai lavoratori di restare a casa.

Almeno dieci città del nord del Paese sono soggette a quarantena, e la regione Basilicata ha imposto la quarantena agli arrivi da Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna e Liguria.

Le restrizioni ai viaggi, al lavoro, alle catene di approvvigionamento e al turismo rappresentano una minaccia per l’economia del Paese. “Esiste il chiaro rischio di una quarta recessione dal 2008”, ha affermato Jack Allen Reynolds di Capital Economics.

Lunedì gli investitori hanno reagito cercando sicurezza nei mercati finanziari. L'indice Ftse Mib italiano è sceso del 4,6%, il giorno peggiore da giugno 2016 (vedi pagina 3). Il rendimento dei titoli di stato a 10 anni, che si muove inversamente ai prezzi, è aumentato di 9 punti base alla chiusura del mercato di venerdì, all'1%.

READ  I prezzi dei prodotti alimentari sono aumentati del 15,3% a novembre, un decimo in meno rispetto a ottobre

turismo

Il settore del turismo è particolarmente a rischio. Il paese riceve circa 128 milioni di turisti ogni anno. Secondo la Banca d’Italia, nel 2018 i visitatori stranieri hanno rappresentato circa 42 miliardi di euro di spesa nel Paese.

Il valore aggiunto generato dal turismo rappresenta, secondo i dati della Banca d'Italia, circa il 6% del Pil italiano, un contributo alla crescita economica superiore a quello di Francia e Germania.

Il contesto economico era già deprimente. Allen Reynolds prevede che “la domanda interna rimarrà molto debole” nel primo trimestre del 2020, mentre “le prospettive di investimento sono peggiorate”.

Esportatori e produttori stanno affrontando una battuta d’arresto economica da due anni a causa delle tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina e del rallentamento dell’industria automobilistica in Germania, mentre la domanda interna rimane al di sotto del livello di dieci anni fa.

Le esportazioni italiane hanno evitato un calo più marcato nella terza economia più grande della zona euro. Negli ultimi tre anni, le esportazioni di beni e servizi sono cresciute tre volte più velocemente dell’economia complessiva, e sono cresciute leggermente più velocemente di quelle di Francia e Germania.

esportazioni

In percentuale del PIL, le esportazioni di beni e servizi sono aumentate al 31% nel 2018, rispetto al 25% nel 2010. Le sue esportazioni di alto valore hanno una reputazione internazionale per la qualità in settori come la moda e l’alimentazione di fascia alta, nonché produzione industriale. .

Ciò ha portato molte aziende italiane a sopravvivere alla stagnazione dell’economia degli ultimi due anni, a causa della bassa produttività delle aziende orientate al mercato locale, dell’andamento demografico avverso e della debole crescita dell’occupazione.

READ  Il turismo a gennaio è ancora in calo dell'1,2% rispetto al 2019

“La crescita dell'Italia negli ultimi anni è stata collegata al comportamento dell'economia globale”, afferma Silvia D'Angelo, economista di Hermes Investments. “Allo stesso tempo, la domanda interna è stata lenta, rendendo la crescita italiana particolarmente vulnerabile a fattori esterni”.

Le difficoltà causate da un rallentamento delle esportazioni possono avere conseguenze economiche a causa della maggiore produttività mostrata da queste aziende rispetto alle aziende focalizzate sul mercato interno.

Secondo i dati ufficiali, gli esportatori italiani sono due volte più produttivi delle imprese non esportatrici, oltre ad essere più grandi e ad offrire ai dipendenti salari più alti. Se soffriranno, il dolore si farà sentire in tutta l’economia.

I consumi delle famiglie italiane non sono cresciuti negli ultimi dieci anni, mentre i salari sono al di sotto dei livelli pre-crisi e la crescita dell’occupazione è stata la più lenta tra le maggiori economie dell’Eurozona negli ultimi due anni.

Lorenzo Codogno, ex economista del Tesoro italiano, conclude che se l’epidemia non peggiorasse, una contrazione dello 0,5%-1% nel primo trimestre del 2020 “non sarebbe fuori dalle aspettative”.