Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia deporterà i migranti che si dichiarano minorenni se gli studi confermeranno la loro maggiore età  Internazionale

L’Italia deporterà i migranti che si dichiarano minorenni se gli studi confermeranno la loro maggiore età Internazionale

Mercoledì il governo italiano ha approvato un decreto che accelererebbe i test medici per i migranti che si dichiarano minorenni e li espellerebbe se i test dimostrano che hanno più di 18 anni. Permette inoltre ai ragazzi dai 16 anni in su di soggiornare con gli adulti quando non ci sono posti nei centri. È l’ultima mossa del governo del primo ministro italiano Giorgia Meloni per fermare l’immigrazione irregolare e tagliare i servizi di accoglienza. Per ora non servono a nulla. Il numero di arrivi registrato dal Paese è paragonabile solo a quello della crisi migratoria del 2015 e 2016: finora quest’anno l’Italia ha accolto 133.131 persone, più del doppio entro il 2022.

In particolare, le nuove misure approvate dal Consiglio dei Ministri consentono visite mediche accelerate per i minori dichiarati non accompagnati, sempre previa autorizzazione della Procura. Se l’età dichiarata non è vera, il sistema giudiziario italiano può accusare l’individuo del reato di falsa testimonianza e condannarlo all’espulsione, ha confermato mercoledì il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi in una conferenza stampa.

I test antropometrici sono molto controversi, poiché medici e ONG li criticano perché non aiutano a determinare la vera età. In Spagna, includono radiografie del polso e analisi della mascella. Fino al 2021 rimuovevano i genitali e li esaminavano, ma questa pratica è stata vietata con l’approvazione della legge spagnola sulla protezione dell’infanzia. È un rimbalzo che sta gradualmente aumentando, ma quest’estate lo ha fatto con particolare intensità. Nel mese di luglio sono stati registrati 23.388 arrivi attraverso il Mediterraneo centrale, il 69% in più rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Ad agosto, l’agenzia europea di sorveglianza delle frontiere (Frontex) ne ha registrati 25.152, 2.000 in più rispetto a luglio e allo stesso periodo dell’anno scorso. Da gennaio 2023, gli arrivi di migranti attraverso il Mediterraneo centrale sono aumentati del 115% rispetto allo stesso periodo del 2022.

READ  Italia sconvolta dai sospetti di doping su Marcel Jacobs

L’isola italiana di Lampedusa, più vicina alla costa africana che all’Europa, è diventata di nuovo tropicale. A settembre sono arrivati ​​in quattro giorni quasi 12.000 migranti, quasi tanti quanti in tutta Italia nel 2019 (11.471), secondo Matteo Villa, ricercatore capo dell’Istituto per gli studi di politica internazionale (ISP). Il centro di accoglienza migranti ospita circa 400 persone e ha accolto più di 6.000 persone.

Sulla base di questi dati, la Meloni ha chiesto aiuto al G20 e si è affrettata ad approvare due nuovi mandati: la settimana scorsa, per accelerare le deportazioni, e ora un quarto riguardante i minori. Tra coloro che sono arrivati ​​in Italia nel 2023, 11.650 si sono dichiarati minori non accompagnati. “Stiamo accelerando le deportazioni degli immigrati clandestini pericolosi, introducendo tutele complete per tutte le donne e pari attenzione per i minori, ma le nuove regole rendono impossibile mentire sulla propria vera età.” ha scritto Leader di estrema destra sui social network

A gennaio il governo Maloney ha intensificato la lotta contro l’immigrazione irregolare rendendo più difficili gli sforzi di salvataggio delle ONG nel Mediterraneo. Successivamente, un altro ha eliminato il diritto alla protezione per gli immigrati senza diritto di asilo. In terzo luogo, ha esteso il periodo di detenzione dei deportati a 18 mesi, il massimo consentito dalla legge, e ha approvato l’apertura di nuovi centri per ospitare i futuri rimpatriati.

Unisciti a EL PAÍS per seguire tutte le notizie e leggere senza limiti.

Registrati

Piantedosi ha annunciato mercoledì altre regole. Da un lato è prevista la detenzione dei minori a partire dai 16 anni, degli adulti quando non c’è spazio nei centri infantili. “Su base temporanea e non superiore a 90 giorni”, ha detto il ministro. Potrebbero essere accelerate anche le deportazioni degli immigrati accusati di “pericolo sociale”, compresi quelli con permessi di soggiorno a lungo termine. Infine, tutti i richiedenti asilo hanno accesso al Sistema di Accoglienza e Integrazione (SAI), che offre maggiore protezione e fino ad ora era riservato alle donne incinte o alle madri con bambini.

READ  Conio collabora con Coinbase per espandere le risorse crittografiche in Italia

Un anno di duro lavoro

Per gli esperti di migrazione, la strategia è fallita perché ha scelto di usare la mano pesante invece di rafforzare i sistemi di salvataggio e accoglienza. Sostiene il ricercatore Matteo Villa: «Abbiamo dato 35 euro al giorno e per migrante ai centri di accoglienza, la maggior parte dei quali sono stati privatizzati. Nel 2018 l’importo è stato ridotto di 25 euro. Con quella somma potranno essere loro forniti soltanto vitto e alloggio. Quindi nessuno vuole aprire nuovi posti e il governo non riconosce che il budget è troppo basso.

Juan Mathias Gill è il capo della missione Genitori geografici, la nave di soccorso umanitario di Medici Senza Frontiere opera nel Mediterraneo centrale e sottolinea la mancanza di sostegno europeo. “Nel 2015 sono arrivate in Italia 165mila persone, ma a Lampedusa sono sbarcate solo 9mila persone, perché all’epoca era così. Operazione Dryden e le ONG hanno operato sotto il coordinamento del Centro di coordinamento marittimo di Roma, quindi le persone sono state soccorse prima di raggiungere l’isola”, ha ricordato. “Se queste misure venissero ritirate, le persone non avrebbero altro scopo se non quello di arrivare a Lampedusa”, sottolinea .

Mare Nostrum È stata un’altra grande iniziativa italiana quella di monitorare quasi tutto il Mediterraneo nel 2014 e nel 2015. Successivamente divenne un paese europeo e il raggio d’azione fu ridotto. “Mentre i soccorsi pubblici sono già scomparsi, il numero di persone soccorse dalle ONG è aumentato dallo 0% nel 2014 al 42% nel 2016”, elenca Villa.

Gill, dal canto suo, sottolinea come la nuova legge, che limita ulteriormente il lavoro delle ONG dedite agli aiuti umanitari, abbia fatto molti danni. A questi corpi è vietato effettuare più di un salvataggio per viaggio e, quando raccolgono dei naufraghi, devono sbarcare in un porto designato dalle autorità a Roma, comunque distante. «Adesso gran parte di chi è venuto in Italia è autonomo, perché ci impongono più restrizioni. [a las ONG]”Meno lavoriamo, più persone vengono a Lampedusa, e più incidenti e morti”. “Le ONG ormai intervengono solo nell’8% delle visite. Il resto sono visite autonome”, conclude Villa.

READ  Palcoscenico per la Columbia! Daniel Martinez è arrivato secondo al Giro d'Italia

Secondo i dati dell’Ispi, durante il governo di Giuseppe Conte, nel 2018, la distanza media percorsa dalle navi fino allo sbarco è stata di sole 65 miglia nautiche (circa 120 chilometri). Con Mario Draghi sono 180. Con Meloni la media è di 420 miglia ovvero 775 chilometri.

Se le ONG non rispettano la legge rischiano multe fino a 50.000 euro e il fermo delle navi di soccorso da dieci giorni a un periodo indefinito, come è già accaduto a MSF e alla compagnia spagnola Open Arms alla fine di agosto. Ma, allo stesso tempo, queste misure a volte non vengono nemmeno utilizzate da coloro che le hanno create, perché dopo un’estate così frenetica nel Mediterraneo, le stesse autorità italiane hanno chiesto alle ONG di salvarle. La loro Guardia Costiera non si è presentata.

Segui tutte le informazioni internazionali Facebook E Xo dentro La nostra newsletter settimanale.

Iscriviti per continuare a leggere

Leggi senza limitazioni