Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia condanna l’invasione dell’Ucraina | Rifiuto unanime, da sinistra a destra

Da Roma

Come raramente accade in Italia, di fronte al panorama di totale incertezza diffuso dagli attacchi militari russi in Ucraina, I partiti politici italiani convengono di condannare il progresso russo, chiedendo unità e un’azione forte contro la guerra. Hanno dato il loro pieno sostegno al primo ministro Mario Draghi, che è in trattative con altri paesi dell’UE. NATO (Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico) Gli Stati Uniti ne fanno parte.

“Il governo italiano condanna l’attacco della Russia all’Ucraina”, ha detto Draghi in una nota. Questo è irragionevole e ingiustificato. L’Italia è al fianco del popolo e delle istituzioni ucraine in questo momento drammatico. Ha aggiunto: “Reagiremo immediatamente con solidarietà e determinazione con gli alleati europei e della NATO”. In altre dichiarazioni dopo gli incontri con i ministri, Draghi ha sottolineato che l’Ucraina “soffre della propria legittima sovranità”. Esprimo la mia piena e incondizionata solidarietà al popolo ucraino e al Presidente dell’Ucraina da parte del popolo italiano”.

Tracy Ha anche affermato di aver parlato con alcuni dei suoi colleghi europei nelle ultime ore Il presidente della Francia Emmanuel Macron, il presidente della Germania Olaf Scholes, E venerdì si terrà Ursula von der Leyen, a capo della Commissione europea, e un incontro straordinario delle nazioni della NATO per decidere quale azione intraprendere. L’idea è di rafforzare la sicurezza nella parte orientale dell’alleanza NATO in Ucraina, Polonia, Romania e Ungheria.

Si è riunito oggi anche il Comitato ad interim per la sicurezza italiano, comprendente i ministeri della Difesa, degli Affari Esteri, dell’Interno, dello Sviluppo Economico, della Giustizia e dell’Economia. Questo gruppo si incontra raramente, ma dà un’idea dell’incertezza e dell’insicurezza che esiste nel mondo politico. Nel pomeriggio di giovedì Draghi avrebbe dovuto tenere un incontro con i governi dei paesi del G7 (Francia, Germania, Giappone, Italia, Canada, Regno Unito e Stati Uniti) e rappresentanti della Nato. All’ordine del giorno anche un Consiglio europeo straordinario. “A questo punto, ha spiegato Draghi, metteremo fine alla serie di sanzioni molto severe alla Russia. Dappertutto si è detto che siamo pronti a imporre misure più drastiche, visto che la Russia ha respinto i nostri tentativi di risolvere politicamente la crisi. È tempo per imporli”, ha sottolineato.

READ  Italia e Spagna, le destinazioni preferite di Götze in futuro

Anche il leader della Lega, Matteo Salvini, di destra, si diceva fino a pochi giorni fa di essere amico del presidente russo Vladimir Putin, che lo conobbe più volte negli anni e firmò addirittura l’allora accordo nel 2017. -La cosiddetta Lega Nord con il partito di Putin lo ha ormai condannato. “La Lega condanna fermamente ogni aggressione militare e chiede la fine immediata delle violenze. Presta anche il suo sostegno a Tracy per dare agli alleati una risposta comune”.

Dal canto suo Enrico Letta, massimo rappresentante della Democrazia (centrosinistra), ha detto: “Serve un fronte unito. Serve unità perché Putin sta cercando di dividerci. La soluzione deve essere unità e determinazione. Giuseppe Conte, leader del Movimento Cinque Stelle (M5S), ha detto dalla sua parte Il M5S è profondamente preoccupato per l’attacco ingiusto, lo condanniamo fermamente e sosteniamo la risposta ferma e unita dell’UE Promettiamo di dare il nostro contributo a venire.

Anche il partito di estrema destra Fratelli d’Italia ha condannato fermamente Putin. “Formeremo un fronte comune con gli alleati dell’Organizzazione del Trattato Atlantico (Nato) e la Russia controllerà tutte le forme di imperialismo nel mondo”, ha detto ai giornalisti Francesco Lolobrigida, presidente della delegazione del partito alla Camera. . Lo ha detto Renado Brunetta di Forza Italia (centrodestra, partito di Silvio Berlusconi), che è anche ministro della Pubblica Amministrazione. “Le notizie drammatiche dall’Ucraina devono prendere una posizione ferma e unita contro l’aggressione russa. La risposta dell’Italia con gli alleati europei e della NATO sarà breve e immediata”, ha affermato.

Papa Francesco ha chiesto un digiuno per l’Ucraina e la pace nel mondo

Papa Francesco, già preoccupato per quanto accaduto nelle ultime settimane, ha fatto un appello al termine di un’audizione pubblica di mercoledì. “C’è molto dolore nel mio cuore per l’aggravarsi della situazione in Ucraina – Papa. Nonostante le ultime settimane di sforzi diplomatici, si aprono scenari sempre più pericolosi (…) Ancora una volta, la pace di tutti è minacciata dagli interessi dei partiti Invito i responsabili politici ad esaminare seriamente la propria coscienza davanti a Dio (…) . Esorto tutte le parti coinvolte ad astenersi da qualsiasi azione che possa causare ulteriore sofferenza alle personeInterrompe la convivenza tra le nazioni e viola il diritto internazionale”.

READ  Grande giornata per i mercati azionari a causa del cambio di timone della BCE e della crisi in Italia

Ha anche chiesto ai cattolici di digiunare a sostegno della pace nelle chiese il mercoledì santo, 2 marzo.

Da parte sua, il cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato vaticano, ha messo in evidenza le osservazioni del Papa giovedì. “Di fronte all’escalation della crisi in Ucraina, le parole pronunciate dal papa al termine dell’audizione pubblica di mercoledì sono davvero uniche”, ha affermato Parole in un comunicato diffuso dal Vaticano. E l’appello del Papa assume una drammatica urgenza, dopo l’inizio delle operazioni militari russe in territorio ucraino (…) le tragiche scene che tutti temevamo stanno purtroppo diventando realtà. Ma c’è ancora tempo per la buona volontà. C’è ancora spazio per il dialogo, c’è ancora spazio per l’uso della saggezza per impedire che prevalgano gli interessi delle parti, per difendere le legittime aspirazioni di ciascuno e per preservare la follia e il terrore della seconda guerra mondiale”, ha concluso il segretario vaticano . Stato, la massima autorità della Santa Sede dopo il Papa.

Nel frattempo, si è diffusa in tutto il mondo la notizia che le truppe russe avevano preso il controllo di un aeroporto vicino alla capitale, Kiev, e che un ospedale nella regione di Donetsk era stato bombardato. Centinaia sono stati colpiti. Ma il governo italiano ha detto che la sua ambasciata rimarrà aperta in quanto deve proteggere circa 2.000 italiani che vivono in Ucraina.